Home Cani Collare elisabettiano fai da te per il cane: la procedura da seguire

Collare elisabettiano fai da te per il cane: la procedura da seguire

In situazioni di emergenza, se non si dispone di un collare elisabettiano per il cane, si può ricorrere al fai da te. Ecco la procedura da seguire.

Collare elisabettiano fai da te per il cane
(Foto Adobe Stock)

Chi ha un cane, ed allo stesso tempo è un amante del fai da te, può dilettarsi a costruire vari accessori pensati appositamente per il suo amico a quattro zampe, come ad esempio il collare elisabettiano. Scopriamo insieme qual è la procedura da seguire per fare un lavoro a regola d’arte.

Quando costruire un collare elisabettiano fai da te per il cane

Come noto, il collare elisabettiano è un accessorio applicato alla base del collo del cane per impedirgli di leccarsi una ferita, impendendone o rallentandone la rimarginazione, o di strappare i punti di sutura ad essa applicati.

(Foto Adobe Stock)

Si tratta dunque si uno strumento da utilizzare tanto per la degenza successiva ad un intervento chirurgico, quanto per coprire la parte del corpo colpita da un’infezione.

Quando è in gioco la salute dei nostri amici a quattro zampe, è sempre bene affidarsi a professionisti del settore; pertanto rivolgiamoci a negozi specializzati per l’acquisto degli accessori utilizzati nel campo della medicina veterinaria.

Dunque quando optare per un collare elisabettiano fai da te per il cane? In situazioni di emergenza, come, ad esempio, quando la necessità sorge durante l’orario di chiusura degli esercizi commerciali.

In questi casi la passione per il fai da te potrebbe tornarci utile; a patto, tuttavia, di procedere all’acquisto di uno strumento professionale appena sarà possibile.

Potrebbe interessarti anche: Trasportino fai da te per cani: come riciclare una borsa per il nostro amico a quattro zampe

La procedura da seguire

Come detto, è bene affidarsi ad un collare elisabettiano fai da te per il cane soltanto in situazioni di emergenza. Prima di tutto, avremo bisogno del materiale adatto:

  • Cartoncino plastificato
  • Foglio di giornale (o di carta)
  • Forbici
  • Penna o matita
  • Compasso
  • Nastro adesivo
  • Spago o un nastrino
cane scuote testa
(Foto Pixabay)

Il collare elisabettiano va applicato al collo del cane; pertanto le dimensioni dovranno essere proporzionali a quelle del nostro Fido. Per effettuare le necessarie operazioni di misurazione, utilizzeremo un foglio di giornale (ma va bene anche uno di carta), facilmente maneggiabile.

Pertanto misureremo la circonferenza del collo dell’animale (aggiungendo sempre un paio di centimetri), tracciandone l’ideale linea sul foglio di carta, preferibilmente avvalendoci di un compasso.

Potrebbe interessarti anche: Lettiera per il cane fai da te: tutti i consigli da seguire VIDEO

La seconda misura da prendere è quella che separa il collo dal muso; anche in questo caso andranno aggiunti un paio di centimetri, ottenendo la lunghezza del collare elisabettiano fai da te del cane, e riportando la relativa linea sul foglio.

A questo punto, a partire dal punto corrispondente al muso del cane, tracceremo anche la seconda circonferenza, la cui ampiezza dovrà essere determinata sulla base delle dimensioni della testa.

Disegnate tutte le linee che individuano la sagoma del collare elisabettiano fai da te su carta, procederemo a tagliarle; il “calco” così ottenuto andrà posizionato sul cartoncino plastificato, che ritaglieremo allo stesso modo: ecco pronta la struttura base dell’accessorio.

I bordi del collare elisabettiano fai da te andranno foderati con materiale morbido; in mancanza l’accessorio potrebbe irritare la pelle del cane.

Non resta che praticare dei piccoli fori, attraverso i quali far passare lo spago o i nastrini per chiudere il collare, una volta applicato al collo di Fido.

Troppo difficile? Si può sempre ricorrere a soluzioni alternative (e di carattere temporaneo), come maglioni o impermeabili per cani.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

A. S.