Home Cani Prendersi cura del pelo del Cavalier King: dalla toelettatura al bagno

Prendersi cura del pelo del Cavalier King: dalla toelettatura al bagno

La toelettatura e il bagno sono molto importanti per il cane. Oggi vedremo come prendersi cura del pelo del Cavalier King.

prendersi cura del pelo del cavalier king
(Foto Adobe Stock)

Il Cavalier King è un cane che presenta un pelo lungo e folto. Nonostante sia un amico peloso tranquillo e pur sempre un cane e potrebbe sporcarsi facilmente.

Per questo è opportuno sapere come prendersi cura del suo pelo per garantirgli una buona salute.

Vediamo insieme come prendersi cura del pelo del Cavalier King, dalla toelettatura al bagnetto.

Prendersi cura del pelo del Cavalier King

Il Cavalier King è un cane che presenta un pelo già di natura setoso e soffice, quindi non ha bisogno di particolari attenzioni.

spazzolare cavalier king
(Foto Adobe Stock)

Tuttavia è risaputo che la salute di un amico a quattro zampe dipende anche dalla cura del suo pelo.

In quanto nel caso in cui quest’ultimo venisse trascurato, potrebbe provocare problemi di salute nel cane, come per esempio la presenza di parassiti.

Per evitare ciò è opportuno spazzolare e fare il bagno al Cavalier King. Vediamo quando e come farlo nel modo giusto.

Spazzolare il Cavalier King

Per mantenere il pelo del Cavalier King soffice e soprattutto senza nodi, la spazzolatura è molto importante. Nello specifico questa razza di cane deve essere spazzolata frequentemente.

Detto ciò, vediamo insieme come spazzolare il Cavalier King nel modo giusto.

Come spazzolare il Cavalier King

Per spazzolare il vostro Cavalier King, avete bisogno di una spazzola a denti lunghi, una cardatrice ed un pettine a denti rotondi, dopodiché è necessario seguire i seguenti passaggi:

  • Inumidire il pelo del Cavalier King;
  • Spazzolare con la spazzola a denti lunghi nel verso del pelo (fermarsi in presenza di nodi);
  • Per sciogliere i nodi presenti nel mantello del cane utilizzare la spazzola cardatrice;
  • Infine pettinare il cane con il pettine per verificare che non ci siano più nodi.

Potrebbe interessarti anche: Adottare un Cavalier King: tutti i motivi e qual è il suo padrone ideale

Fare il bagno al Cavalier King

La frequenza del bagno del Cavalier King può variare a seconda dello stile di vita del cane.

cavalier king bagno
(Foto Adobe Stock)

Solitamente per mantenere sempre in ordine il mantello di questa razza di cane e per evitare che si formino nodi nel suo pelo è consigliato il bagno ogni due settimane.

È consigliato inoltre di non tagliare mai i nodi che possono presentarsi nel mantello del Cavalier King, ma di scioglierli con il balsamo. Detto ciò vediamo insieme come lavare un Cavalier King.

Come lavare il Cavalier King

Per lavare un Cavalier King dovete fare attenzione alle correnti d’aria e al freddo.

Per questo motivo sarebbe opportuno mantenere l’ambiente caldo per tutta la durata del lavaggio e dell’asciugatura. Dopodiché proseguite con la preparazione del lavaggio.

  • Riempire una bacinella con acqua tiepida (nel caso in cui dobbiate lavare un cucciolo), oppure mettere il cane nella doccia;
  • Bagnare il cane con acqua tiepida, facendo attenzione agli occhi e alle orecchie;
  • Diluire in acqua lo shampoo e applicarlo sul corpo di Fido massaggiando delicatamente;
  • Risciacquare il cane e applicare il balsamo nei punti dove si formano facilmente i nodi;
  • Risciacquare nuovamente;
  • Avvolgere Fido in un asciugamano di spugna e asciugarlo massaggiandolo delicatamente;
  • Asciugare il Cavalier King con il phon, tenendolo a distanza per non rovinare il pelo.

Potrebbe interessarti anche: Curiosità sul Cavalier King: cose da sapere su questa razza

Altri accorgimenti per l’igiene

Per mantenere il nostro amato Cavalier King in salute e ben pulito, è necessario fare attenzione alla pulizia anche di occhi, orecchie e unghie.

Per quanto concerne gli occhi e le orecchie, potete con un asciugamano inumidito pulire gli angoli degli occhi delicatamente e con un altro asciugamano inumidito pulire i padiglioni auricolari.

Inoltre è opportuno controllare la crescita delle unghie. Nel caso in cui non siete capaci di tagliare le unghie al cane, potete affidarvi al veterinario o ad uno specialista.

Marianna Durante