Home Cani I segnali per riconoscere che il cane deve fare pipì

I segnali per riconoscere che il cane deve fare pipì

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:56
CONDIVIDI

Quando il cane avrà la necessità di essere portato fuori per poter espletare i suoi bisognini tenderà a farcelo capire in tutti i modi. Ecco alcuni dei segnali da cogliere per correre ai ripari in tempo

Cane davanti alla porta di casa
Piazzarsi davanti alla porta di casa è solo una delle tante tecniche usate da fido (Foto Unsplash)

Quali sono i segnali per riconoscere che il cane deve fare pipì? Fido quando vuole avvisarci della necessità imminente di espletare i suoi bisogni fisiologici metterà in atto alcuni atteggiamenti ripetuti. Oltre che ad apparici agitato e irrequieto, potrebbe assumere posizioni strambe o scegliere di piazzarsi con insistenza in un particolare luogo.

Questi sono tutti modi per catturare la nostra attenzione. Il cane potrebbe decidere di farsi notare lamentandosi o abbaiando, per rafforzare con i vocalizzi il bisogno di farsi notare. Lo sguardo inoltre è un altro segnale inequivocabile con il quale il nostro amico a quattro zampe tenta di catturare la nostra attenzione.

Potrebbe interessarti anche: Come eliminare l’odore della pipì del cane dal giardino: tutti i trucchi

I segnali per riconoscere che il cane deve fare pipì: annusa per terra

Cane che annusa per terra
Annusare per terra è uno dei segnali che ci avvertono delle necessità fisiologiche di fido (Foto Unsplash)

Se il cane prende improvvisamente ad annusare con insistenza parti differenti della casa sappiamo che potrebbe essere in cerca del luogo adatto per espletare i suoi bisogni. Provate a distrarlo e lui non reagisce? Significa che il suo comportamento vi riconduce ad un unico e solo bisogno. In natura sono diversi gli atteggiamenti strambi che un cane potrebbe assumere.

Quando il cane utilizza con foga il suo olfatto sta cercando di ottenere una mappatura olfattiva delle vicinanze e soprattutto prova a recuperare gli odori dei suoi simili. Tutte tracce utili che potranno segnalarli il posticino più opportuno dove poter liberarsi.

Andare in giro facendo cerchi

Cane a pancia in sù
Se il cane prende a fare cerchi con il suo corpo sta provando a dirci qualcosa (Foto Pexels)

Fra gli altri bizzarri comportamenti di fido che potrete notare, c’è quello di fare giri in tondo su stessi. Pare che questo sia un antico retaggio dei loro antenati lupi che solevano dare alla loro urina e defecazione una forma tonda. Un’esigenza che doveva servire come messaggio alle specie simili. L’intimazione di stare alla larga passava proprio da questo tentativo di dare una forma circolare ai loro bisogni.

Altri studi hanno invece dimostrato che i movimenti circolari dei cani prima di espletare i loro bisogni servono loro per orientarsi a seconda della forza magnetica della Terra. Un pool di scienziati tedeschi hanno così scoperto che i cani prediligono avere il corpo allineato lungo l’asse nord-sud del pianeta Terra in condizioni di campo magnetico non perturbato. Il perché di questa strana attrazione magnetica non è però ancora stato però spiegato.

Potrebbe interessarti anche: Il cane ci mette tanto tempo a fare i bisogni: ecco perché

I segnali per riconoscere che il cane deve fare pipì: cerca la nostra attenzione

Cane che osserva
Uno sguardo insistente può valere più di mille parole (Foto Pexels)

Gli atteggiamenti inusuali sopra descritti possono essere alternati da manifestazioni comportamentali più facilmente rappresentabili. Fido cercherà infatti di attirare la nostra attenzione in tutti i modi per ricondurci all’obbligo quotidiano della passeggiata.

Potrebbe levarsi sulle due zampe posteriori, occupare con prepotenza spazi vicino alla nostra persona o più semplicemente chiamarci con lo sguardo. Se generalmente rifugge il contatto visivo, fido lo va cercando con insistenza se deve farci comprendere un suo bisogno. D’altronde ogni padrone di cane ha precisi obblighi nei confronti del loro amico a quattro zampe.

Abbaiare o lamentarsi davanti alla porta

Cane che osserva
Posizionarsi in luoghi strategici è un’altra strategia comunicativa (Foto Pexels)

Un’altra strategia molto utilizzata ed inequivocabile per segnalarci la necessità di essere portato fuori è quella di posizionarsi con fermezza davanti alla porta di casa. I più intrepidi utilizzeranno la zampa per grattare la porta o muovere la maniglia compulsivamnete nella speranza che i padroni vengano distratti dalla regolarità dei rumori emessi.

Il cane poi utilizzerà anche i suoi vocalizzi, come l’abbaio o il lamento per guadagnare faticosamente un po’ dell’attenzione desiderata. La scelta del luogo e i sistemi d’allerta prodotti da fido non lasceranno dubbi sull’urgenza dei suoi bisogni fisiologici.

Potrebbe interessarti anche: Il cane distrugge la traversina: come insegnarli a non farlo

I segnali per riconoscere che il cane deve fare pipì: diamoli l’imprinting corretto

Se riusciremo a rispettare i tempi e le necessità del nostro amico peloso, casistiche come queste rappresenteranno solo episodi sporadici. Impartire al cane una routine rispetto ai ritmi della vostra passeggiata con lui potrebbe facilitare l’andamento di questa pratica giornaliera. Se i benefici della passeggiata con il cane sono oramai noti, ogni quanto fido dovrebbe essere portato a spasso?

Un cane avrebbe bisogno idealmente di liberarsi ogni 6 o 8 ore al massimo. Nel caso abbiate un cucciolo, tenente conto che la frequenza si abbassa sensibilmente. I piccoli dovrebbero essere accompagnati fuori almeno ogni 3 ore. In totale un cane dovrebbe poter stare fuori per un totale di 45/90 minuti per trarne un vero giovamento.

Chiaramente questo slot di tempo può essere suddiviso in 3 o quattro passeggiate diverse. Date maggior importanza alla passeggiata mattutina e a quelle dopo i pasti. Nel primo caso il cane avrà più urgenza di liberarsi perché sono già trascorse le lunghe ore notturne. Nel secondo caso, l’animale sarà più spinto a liberarsi dopo aver assunto il suo pasto.

C.F