Home Cani Monta gerarchica e monta sessuale del cane: qual è la differenza tra...

Monta gerarchica e monta sessuale del cane: qual è la differenza tra i due comportamenti di Fido

La monta del cane può essere distinta in sessuale e gerarchica: scopriamo quali le differenze e quali le cause alla base del comportamento di Fido.

Monta gerarchica e monta sessuale del cane
(Foto Adobe Stock)

Non sempre riusciamo a comprendere il comportamento di Fido; è naturale, soprattutto per chi è alle prime armi in materia di animali d’affezione. Un esempio? Fido che cerca di montare la gamba di una persona oppure un oggetto. A tal proposito, è bene distinguere tra monta sessuale e monta gerarchica del cane: scopriamo quali sono le differenze.

Monta sessuale e monta gerarchica: la differenza

Può capitare di osservare dei comportamenti apparentemente bizzarri nel proprio cane, come ad esempio la monta della gamba o del braccio di una persona, oppure di un oggetto. Certo, chi non abbia una particolare conoscenza del linguaggio canino tenderà a ricondurre il tutto ad uno sfogo sessuale dell’animale.

Come calmare un cane in calore
(Foto Adobe Stock)

Ma non è così; d’altronde il comportamento può essere attuato anche verso un animale dello stesso sesso (e non si tratta di omosessualità), così come non è raro osservare una femmina montare e perfino i cuccioli. Siamo semplicemente di fronte ad un caso di monta gerarchica del cane, che va distinta da quella sessuale.

Quest’ultima, ovviamente, è strumentale all’accoppiamento; un comportamento del tutto naturale, finalizzato alla procreazione. Ben diverso è invece laddove Fido monti un oggetto o la gamba di una persona: nel primo caso è possibile ravvisare segni di stress nel cane, e la questione va risolta da un punto di vista medico.

Nel secondo caso possiamo parlare di monta gerarchica: il cane non soddisfa un istinto sessuale, ma mette in atto un comportamento volto ad affermare la propria supremazia (per l’appunto parliamo di monta gerarchica) su un altro componente del suo branco; e questo componente possiamo essere anche noi.

Potrebbe interessarti anche: Come diventare il capobranco per il nostro cane in pochi semplici step

Le soluzioni al problema: come farlo smettere

È chiaro, dunque, che laddove il cane metta in essere un atto di monta gerarchica, i ruoli nell’ambito del rapporto con il rispettivo compagno umano non sono chiari. Spesso, infatti, la monta è un comportamento che il cane porre in essere fin da cuccioli, e che il proprietario, magari inconsciamente, incoraggia.

cane abbraccia uomo
(Foto Pixabay)

L’animale, in mancanza di una guida sicura, nel crescere tenderà a riproporre il suo comportamento, proponendosi come capobranco; cosa che può far insorgere degli atteggiamenti aggressivi nel cane.

Pertanto il comportamento non va incoraggiato fin da subito. Su come il problema vada risolto, vi sono differenti scuole di pensiero. O meglio, due tecniche opposte, per raggiungere il medesimo obiettivo: diventare capobranco, e dunque guida del cane.

Una scuola di pensiero più classica prevede un forte distacco nel rapporto d’affettivo con il cane, sottolineando la distanza tra padrone e animale domestico.

Potrebbe interessarti anche: Dov’è nata l’amicizia tra cane ed essere umano? La risposta da uno studio scientifico

Si tratta di comportamenti ordinari che tuttavia non consentono di instaurare un rapporto più stretto con Fido: di certo tale strategia non prevede in alcun modo la condivisione di momenti come quelli del pasto (in quanto quando il capobranco mangia – ovvero noi – gli altri – ovvero il cane – aspettano), ma anche di relax o di riposo (no al cane sul divano o sul letto insieme a noi).

Non si discute sulla bontà dei risultati che assicura, ma su quello che è il tipo di legame che, con tale approccio, andiamo ad instaurare con Fido.

L’altra scuola di pensiero prevede un rapporto di maggiore condivisione con il cane, pur sempre caratterizzato dalla nostra supremazia, che deve tuttavia manifestarsi con autorevolezza nei confronti del cane, senza che tale impostazione a sacrificare un rapporto più stretto con l’animale.

Di certo, tale strategia è più difficile da attuare; ma è anche quella che regala maggiori soddisfazioni.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

A. S.