Home Cani È più intelligente il cane o il gatto? Scopriamo se c’è una...

È più intelligente il cane o il gatto? Scopriamo se c’è una risposta definitiva

CONDIVIDI

Il dibattito è animato e aperto da anni… E’ più intelligente il cane o il gatto? In questo articolo cercheremo di stabilire se esiste davvero una supremazia di una specie sull’altra

Piu intelligente cane o gatto
È più intelligente il cane o il gatto? (Fonte foto Pexels)

La questione è veramente annosa e molto dibattuta: vede schierati da una parte i cinofili e dall’altra i gattofili, che “si danno battaglia” per sostenere la supremazia intellettuale dei cani sui gatti o viceversa.

Nel corso degli anni si sono susseguiti studi interessanti al riguardo, con risultati ambigui e contrastanti: ne parliamo in questo articolo per cercare di capire se davvero è possibile stabile se una specie è più intelligente dell’altra.

Cane vs Gatto: chi è più intelligente?

Cane vs Gatto capacità intellettive
Cane vs Gatto

È più intelligente il cane o il gatto?

Chi ha un cane afferma che Fido è molto simile all’uomo, capace di provare emozioni forti e di essere leale, gioioso, obbediente… gli mancherebbe soltanto la parola. Chi possiede un gatto, al contrario, crede che la sua intelligenza dipenda dal suo istinto e lo ritiene superiore ai cani per la sua totale indipendenza e per lo spirito da selvaggio predatore.

Molti pensano che esaminare solamente la composizione del cervello per definire chi è più intelligente tra le due specie animali sia alquanto riduttivo: cani e gatti dimostrano le proprie abilità in modi differenti tra di loro.

I cani, è consolidato, hanno un’intelligenza molto simile a quella umana: sono empatici e in grado di riconoscere perfettamente un volto dopo averlo osservato.

I gatti, al contrario, sono autonomi e si legano meno profondamente al proprio padrone, forse solo il gatto siamese fa eccezione in questo. Micio è perfettamente autosufficiente anche in assenza dell’uomo ed è questa la situazione in cui manifesta maggiormente le sue capacità cognitive, presentando capacità di adattamento che il cane non ha.

Specifiche ricerche scientifiche sono nate per dare una risposta a questa domanda.

Studi sull’intelligenza di cani e gatti

studi scientifici intelligenza cani gatti
Molti studi scientifici affrontano il tema dell’intelligenza di cani e gatti (fonte foto Pixabay)

Gli scienziati di differenti scuole del mondo hanno condotto molte ricerche riguardo all’intelligenza di cani e gatti con l’intento di definire se esista una reale superiorità di una delle due specie dal punto di vista intellettivo. Ancora oggi, non sembra esserci una risposta univoca. I risultati emersi sono contrastanti, soprattutto perché cani e gatti sono molto differenti, soprattutto nel modo di mostrare le loro capacità intellettive.

I cani sono più intelligenti dei gatti

Se si considera la sola “potenza” del cervello, i cani vincono a mani basse.

Secondo uno studio della Vanderbilt University del Tennessee (USA) i cani sarebbero più intelligenti dei gatti. La neuroscienziata Suzana Herculano-Houzel, a capo della ricerca che ha coinvolto un’equipe internazionale di studiosi, sostiene che il numero dei neuroni sarebbe a oggi la misura più efficace per quantificare l’intelligenza degli animali.

Analizzando proprio la specifica quantità di cellule grigie presenti nella corteccia cerebrale di cani e gatti, si sarebbe evidenziato che i neuroni presenti nei cani sarebbero 530 milioni, quelli dei gatti appena 250 milioni.

La corteccia cerebrale rappresenta la struttura più evoluta per le funzioni cognitive complesse, come il pensiero, la consapevolezza, la memoria e il linguaggio.

Il numero di neuroni incide sia sulla percezione che gli animali hanno di ciò che li circonda, sia sulla loro capacità di prevedere che cosa accadrà. Questa scoperta è essenziale per spiegare alcune importanti abilità dei cani, come la loro grande capacità di cacciare, derivante dalla possibilità di rielaborare in modo più accurato le esperienze passate e di imparare da esse.

La rivista New Scientist ha deciso di raggruppare tutti gli studi effettuati nel tempo e analizzarli per stabilire se sia più intelligente il cane o il gatto.

Le categorie utilizzate per il nuovo studio sono state in totale 11, vi riportiamo di seguito una breve sintesi rispetto a quanto emerso:

  • Cervello: il cane ha più neuroni rispetto al gatto ed anche un cervello più pesante (60 grammi contro i 25 grammi dei gatti).
  • Capacità di comprendere: i cani hanno una superiore capacità di comprensione rispetto ai felini, che forse non si applicano così tanto per apprendere ciò che l’uomo vorrebbe insegnare loro.
  • Problem solving: i cani sono più collaborativi e riescono a risolvere i compiti assegnati in modo più rapido ed efficiente rispetto ai gatti.
  • Legame: come detto, i gatti sono molto indipendenti, mentre i cani creano un legame molto forte con il proprio padrone, simile a quello esistente tra genitori e figli
  • Trattabilità: vincono i cani, soprattutto perché i gatti non sono interessati a imparare e sono più difficili da analizzare.
  • Sensi molto sviluppati: il cane ha un olfatto molto sviluppato, di poco superiore rispetto al gatto, che però lo supera quando si tratta di vista e udito.
  • Vocalizzazioni: sia cani che gatti riescono a comunicare bene con gli umani utilizzando un loro linguaggio, ma il gatto è capace di produrre un miagolio simile al pianto di un bambino, che agisce sui padroni a livello inconscio.
  • Storia condivisa con l’uomo: Il cane è stato addomesticato per primo dall’uomo, circa trenta 30 mila anni fa; il primo gatto domestico risale invece all’epoca degli Egizi, tra i 9.500 e i 5 mila anni fa.
  • Popolarità: nei Paesi a predominanza di gatti questi raggiungono i 204 milioni, mentre i cani arrivano a 173 milioni.
  • Impronta ecologica: i gatti sono più rispettosi dell’ambiente, visto che utilizzano solo la metà del terreno necessario ai cani.
  • Utilità: tutti gli animali, se voluti e amati, fanno bene alla salute dei loro padroni, ma il cane sembra essere particolarmente utile, grazie alle sue molteplici specializzazioni.

Analizzando questi studi, la risposta corretta alla domanda su chi sia più intelligente tra il cane o il gatto sembra essere il cane, ma non è ancora detta l’ultima parola…

Cani e gatti sono intelligenti in egual misura

Secondo uno studio giapponese cani e gatti ugualmente intelligenti
Secondo uno studio giapponese cani e gatti sarebbero ugualmente intelligenti

Non tutti gli studiosi ritengono che un animale debba essere considerato intelligente solamente perché ha capacità specifiche dell’essere umano. Anche le specie meno evolute sono intelligenti, dal momento che riescono a rispondere alle loro necessità di sopravvivenza: per questo motivo è difficile operare un paragone tra differenti specie.

I felini sembrano aver sviluppato alcune capacità determinati per sopravvivere, esattamente come hanno fatto i cani con altre abilità. Ciascun animale ha capacità intellettive diverse e sembra difficile stabilire una superiorità in toto per i cani o per i gatti.

Uno studio giapponese condotto all’Università di Kyoto mette in discussione l’ipotesi di una maggiore intelligenza canina, sostenendo che i gatti sarebbero intelligenti come i cani. 

La ricerca ha dimostrato che anche i felini, al pari dei cani, avrebbero la consapevolezza di un evento passato, sarebbero quindi dotati della cosiddetta “memoria episodica”.

Gli scienziati hanno effettuato un test su 49 gatti domestici: dopo aver somministrato loro del cibo in una determinata ciotola, a 15 minuti di distanza era verificato se i mici fossero in grado di ricordare in quale di esse avevano mangiato. I risultati sono stati chiari: i gatti erano capaci di riconoscere (e ricordare) quale fosse e dove fosse la loro ciotola.

Ciò vuol dire che i gatti sono in grado di ricordare specifici episodi piacevoli di cui sono stati protagonisti, ma non solo: tramite altri test mentali si è evidenziato che saprebbero riconoscere anche le espressioni facciali o i gesti del padrone, come fanno i loro rivali cani.

Saho Takagi, la psicologa che ha condotto la ricerca in Giappone, si spinge ancora oltre e sostiene che, forse, i gatti possiedono anche una sorta di “coscienza”.

Insomma, il dibattito tra chi è più intelligente fra cani e gatti resta più che mai aperto e animato: le ricerche sul campo continuano, promettendo risultati stupefacenti!

 

Potrebbe interessarti anche >>>

R.B.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI