Home Cani Razze di cani Cane da pastore catalano: razza, caratteristiche, carattere e salute

Cane da pastore catalano: razza, caratteristiche, carattere e salute

DESCRIZIONE

Parliamo di un cane con una taglia media e proporzioni adatte alla sua statura, con un pelo morbido come un batuffolo. Nato come cane per proteggere il gregge, ma con la diffusione della razza, è diventato anche un ottimo cane da guardia e per la compagnia. Il ruolo da guardiano deriva dal suo valore e coraggio. L’abituarsi in famiglia, invece, lo rende un compagno per i giochi e per il passatempo dell’intero nucleo familiare. Risulta essere un cane rustico, quindi molto versatile. E’ intelligente tanto da capire le circostanze per obbedire al suo padrone, vista anche la sua indipendenza. Risulta diffidente con gli estranei, infatti per avvicinarsi ad una persona deve prima conoscerla bene e assicurarsi che non invada i suoi spazi.

CARATTERISTICHE

  • Tipo d’impiego: Cane da pastore, da guardia e da compagnia
  • Taglia: Media
  • Vita Media: 12 anni
  • Altezza maschio: 47-55 cm
  • Altezza femmina: 45-53 cm
  • Peso maschio: 16-21 Kg
  • Peso femmina: 16-21 Kg
  • Riconoscimento: ENCI

CARATTERE E STILE DI VITA

Il carattere di questo cane risulta intuitivo, premuroso, molto attento a quello che lo circonda. Verso gli estranei risulta diffidente per proteggere i suoi familiari. Anche se ha un carattere diffidente per alcuni versi, per altri aspetti è molto socievole, in particolare con i suoi simili, perlopiù se è stato abituato fin da piccolo a socializzare con loro. La sua convivenza può essere anche con un gatto. Visto il suo carattere, non ama che gli vengono imposti degli ordini senza senso. Lo stile di vita per questo cane è sicuramente l’aria aperta e spazi ampi. Grazie al suo pelo può vivere in arie fredde e umide, ma in estate ha difficoltà a stare al sole, infatti deve idratarsi spesso e cercare di stare all’ombra. Stare in città non è il massimo, ma tollera la vita in appartamento se ha disposizione un ampio giardino per stare respirare aria pura. Per questo cane sarebbe adatta una casa in collina oppure in montagna dove è libero senza vincoli cittadini.

PREZZO

Questa razza non ha un prezzo unico per tutti i cani, ma cambia a seconda le loro origini, il sesso e l’età. Nonostante non sia diffusissimo nel nostro Paese, il costo varia dai 700 a 1000 euro. Per la sua statura media, le cure e l’alimentazione, mensilmente il budget corrisponde a circa 40 euro.

ASPETTO GENERALE

Il Cane da Pastore Catalano si presenta con una media taglia ma la costituzione del suo corpo rimane longilinea e armoniosa. Ha un bel pelo liscio, ma non è conforme in tutto il corpo. Risulta lievemente più lungo che alto ma comunque di buona proporzione per la sua taglia.

TESTA E COLLO

La testa del pastore Catalano è massiccia e grande, con appoggio largo ma proporzionato al corpo restante. Incorpora un cranio allungato che presenta uno stop molto marcato e pronunciato. Il tartufo è di colore nero. Gli occhi con una forma arrotondata hanno un colore ambra scuro e i bordi delle palpebre neri. Le orecchie con attaccatura bassa sono di forma triangolare che pendono in avanti e vanno a formare una frangia. Il collo anche se si vede poco, poichè corto, risulta è molto muscoloso. 

TRONCO E CODA

Il corpo molto esteso espone un dorso perpendicolare e retto con un rialzo minimo sulla groppa, che possiamo vedere solo in modo evidenziato grazie al pelo lungo che si ritrova oppure al suo sottopelo molto folto. Il petto è vasto con costole ben cerchiate. La coda è inserita bassa ed è lunga 10 cm. Tende a cadere verso il basso quando il cane è a riposo, ma si rialza se il cane è in stato vigile.

ARTI

Gli arti anteriori sono perpendicolari tra loro e sottili, ma ad occhio sembrano robusti, con spalla lievemente obliqua. Il braccio è molto muscoloso, con i gomiti paralleli. Gli arti posteriori sono muscolosi tanto da dare la spinta a quelli anteriori che risultano più assottigliati. La coscia è grande, con garretti discesi. I piedi sono di forma ovale con unghie nere, e il primo dito di solito ha una membrana che lo separa dagli altri.

PELO E MANTELLO

Il pelo è lungo e morbido con un sottopelo molto folto ma non omogeneo sul tutto il corpo. Il suo mantello da impatto sembra monocolore,  ma varia di molte sfumature che vanno nel bruno, nel rosso e nel fulvo. I colori che sono ammessi per il Pastore Catalano possono essere: fulvo medio, chiaro e scurosabbia con sfumature bianche, marroni e neregrigio con peli bianchi e neri/argento. L’unica cosa che non è ammessa sul corpo di questo cane, sono le macchie né nere né bianche.

PADRONE IDEALE

Il cane da Pastore Catalano ha bisogno di un padrone tranquillo e con un certo equilibrio per addestrarlo. Non risulta difficile educarlo perché capisce rapidamente cosa ci si aspetta da lui. E’ adatto agli inesperti, infatti come prima adozione è perfetto, sia per la compagnia che per un’ assistenza lavorativa. Il suo essere docile, gli permette di essere adottato anche da persone anziane, ma abbastanza dinamiche per permettergli una vita moderatamente attiva. Se il padrone vive con bambini, non fa altro che accontentare questa razza, perché il suo istinto di protezione li fa assumere un ruolo da “baby-sitter”. In assenza dei padroni i bambini sono al sicuro e si divertono a giocare insieme. Si cala nel ruolo di custode per la casa e i suoi componenti e ciò non lo annoia mai. Se viene utilizzato per il lavoro, risulta molto vigile e attento ed è capace di iniziativa, se vede che il gregge si sta disperdendo e il padrone risulta distratto. Nonostante lavora in modo instancabile, ogni giorno, deve essere stimolato con nuovi esercizi e praticare un’attività fisica insieme al suo padrone. Le sue dimensioni gli permettono di poter seguire il proprietario ovunque, ma richiede una certa organizzazione, in particolare per viaggiare con i mezzi pubblici.

ALIMENTAZIONE

Questa razza ha bisogno di essere seguita da un veterinario per la sua alimentazione e avere uno sviluppo per crescere in modo corretto. I pasti sono diversi in base all’età: se parliamo di un cucciolo, deve avere tre razioni di cibo durante la giornata, in diminuzione, se stiamo alimentando un adulto. Per il pastore adulto ci devono essere due pasti durante la giornata e deve essere alimentato con un pasto frugale per il lavoro che svolge. Questa razza non fa differenza tra il cibo secco e quello crudo. 

TOELETTATURA

Il cane da pastore Catalano ha una toelettatura particolare che si basa su due periodi diversi in base alla sua muta che deve essere fatta prima sulla parte anteriore e successivamente, in un altro periodo, su quella posteriore. Quando si fa la muta, in particolare quella stagionale bisogna pettinarlo tutti i giorni in modo regolare. Durante l’anno, invece, le spazzolate devono essere solo due tre settimanali per evitare la formazione di nodi e mantenere il sottopelo molto folto.

PATOLOGIE

Questa razza non risulta predisposta a patologie particolari anzi non vi è alcuna patologia nota, ma come qualsiasi altro cane deve essere tenuto sotto regolare controllo veterinario e correttamente vaccinato.

CENNI STORICI

Questa razza ha origini nei Pirenei Catalani della città di Andorra. Originario della Spagna, si è diffuso nel corso del tempo, in tutte le aree della Catalogna. Nonostante le sue origini abbastanza chiare, molti esperti hanno dei dubbi e avvalorano la tesi che potrebbe discendere dal cane pastore bergamasco. In Spagna viene anche chiamato in lingua catalana, con il nome ‘Gos D’Atura’ (Cane da Pastore) grazie al suo istinto di salvaguardia nei confronti del gregge. La razza a pelo lungo è quella più diffusa, in particolare tra i monti iberici, l’Aragona e i Pirenei poichè c’è un clima molto rigido e il suo pelo gli permette di vivere senza alcun problema. Anche se è sempre stato apprezzato dai cinofili, per molto tempo ha vissuto geograficamente in modo molto isolato. Nel 1954 è stato riconosciuto ufficialmente dalla FCI (Fédération cynologique internationale).

NOMI

Scegliere il nome per il proprio cane è sempre difficile. Per questa razza dal pelo liscio e elegante sono indicati dei nomi raffinati propri come il suo aspetto. Ecco la lista a cui potersi attenere

  • Femmina: Cleopatra e Zarina
  • Maschio: Barone e Zeus

CHICCHE

Questa razza è sempre stata molto apprezzata dagli esperti cinofili. Il cane pastore Catalano ha vinto il suo primo titolo nel 1926 all’esposizione di Barcellona, e venne conferito ad un cane di nome “Milàn”.