Home Cani Salute dei Cani Il cucciolo piange nel sonno: perché lo fa e come consolarlo

Il cucciolo piange nel sonno: perché lo fa e come consolarlo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:08
CONDIVIDI

E’ appena arrivato a casa ma non riesce a dormire bene? Vediamo perché un cucciolo piange nel sonno e cosa possiamo fare per il nostro cane.

Il cucciolo piange nel sonno
Il cucciolo piange nel sonno: perché e cosa fare (Foto Pixabay)

Nonostante tutte le attenzioni e le coccole che gli riserviamo, il cucciolo sembra triste e durante la notte non riesce a dormire serenamente. Le cause possono essere diverse e di certo noi padroni possiamo fare qualcosa per aiutarlo a riposare meglio. Vediamo perché un cucciolo piange nel sonno e tutti i consigli per stargli accanto anche in quei momenti.

Potrebbe interessarti ancheIl cucciolo non risponde quando lo chiamo: cause e soluzioni per il cane

Il sonno del cucciolo di cane: fasi e sogni

Cane che dorme
Cane che dorme a pancia in su (Foto Pixabay)

A cosa pensa un cane cucciolo quando dorme? Questo non potremo mai saperlo, anche perché non sarà in grado di raccontarlo una volta sveglio (leggi qui: Cosa sogna il cane quando dorme: scopriamolo insieme). Ma è ovvio che, sentendo il suo pianto mentre dorme, il padrone si preoccupa per questo suo stato d’animo. Immediatamente si penserebbe ad un malore o ad altri problemi di salute, ma forse la causa, come vedremo, è molto più semplice di ciò che si pensa.

I sogni del cucciolo e dei nostri animali in generale restano avvolti nel mistero, sebbene non siano molto diversi da quelli di noi umani. Durante la giornata noi (e i nostri animali) riceviamo stimoli, viviamo esperienza e ‘subiamo’ notizie ed eventi che possono colpire la nostra attenzione e restare impressi nella mente: tutto questo potrebbe ripresentarsi durante le ore di sonno. Potrebbe trattarsi di un avvenimento nuovo, sia positivo sia negativo, che ha rotto la sua routine quotidiana e che sta rivivendo ad occhi chiusi.

Anche esperienze pregresse, e talvolta traumatiche, possono fare irruzione nei sogni del cucciolo. Data la giovane età, non è escluso che siano ricordi legati alla figura materna, dalla quale probabilmente è stato separato troppo presto. Ancora potrebbero essere eventi che ha rimosso e ai quali non pensa durante il giorno, ma che si ripropongono durante le ore di relax.

Potrebbe interessarti ancheIl cane piange: possibili cause e rimedi

Il cucciolo piange nel sonno: 3 cause possibili

 

Il cucciolo piange nel sonno
Il cucciolo piange nel sonno: cause, rimedi e cosa evitare (Foto Pixabay)

Come già detto, è impossibile sapere con certezza cosa sta sognando il cucciolo, ma attraverso il sonno possiamo ipotizzare tre cause possibili: il ricordo di un evento inquietante e traumatico, un brusco ed improvviso cambiamento nella sua routine oppure un riflesso fisico del tutto normale. Nel primo caso infatti si tratta di un pensiero legato ad una brutta esperienza, un disagio vissuto e che ha sconvolto la sua giovane vita.

Sebbene i gatti siano considerati animali ‘abitudinari’ per eccellenza, anche i cani sono molto legati alla ritualità di ogni giorno: un viaggio, un trasloco o l’arrivo di una persona o di un altro animale in casa potrebbe essere vissuto in maniera negativa. Nel terzo caso invece il pianto nel sonno si può spiegare come una normale manifestazione di lamento, esattamente come accade a noi umani. Infatti talvolta questo suo atteggiamento è un movimento o un gemito incontrollato del suo corpo.

Il cane si lamenta: lo svegliamo?

Se siamo certi che il cagnolino stia soffrendo o stia rivivendo una brutta esperienza, la prima cosa che ci verrebbe in mente di fare è quella di svegliarlo per far finire il suo incubo il prima possibile. Eppure, a detta degli esperti, è la sola cosa che non dobbiamo assolutamente fare! Il cucciolo infatti non deve perdere la continuità delle sue ore di sonno e inoltre un brusco risveglio potrebbe traumatizzarlo.

Svegliarsi in modo così traumatico potrebbe spaventarlo più del sogno stesso e provocargli delle reazioni incontrollate e istintive. E’ probabile che possa aggredirci e morderci, perché potrebbe non rendersi conto del pericolo e associare il nostro svegliarlo al momento inquietante che sta vivendo nel sogno. Avvertirebbe dunque uno stato di ansia e di agitazione che lo porterebbe istintivamente a difendersi.

Il cucciolo piange nel sonno: cosa fare

Carezza al cane
Carezze al cane (Foto Pixabay)

Dal momento che non dobbiamo svegliarlo, cosa possiamo fare per tranquillizzare il nostro cucciolo a quattro zampe che dorme in modo così nervoso? Ecco una serie di consigli utili da adottare nel caso in cui il nostro piccolo Fido si agitasse nel sonno.

  • Fargli sentire il nostro odore: basterà mettersi accanto a lui, fargli sentire il profumo della pelle, delle mani in modo che il cucciolo senta un odore familiare e si tranquillizzi. La sola nostra presenza gli infonderebbe sicurezza e serenità, perché si renderebbe conto che ci siamo noi accanto a lui per proteggerlo (leggi qui: Il profumo preferito del cane è quello del padrone: lo dice la scienza).
  • Condizioni non favorevoli: magari abbiamo posizionato la cuccia in un luogo della casa troppo rumoroso o troppo luminoso; magari è troppo vicina alla stanza dei bambini o a una finestra che dà sulla strada. Oppure l’ambiente potrebbe essere troppo caldo o troppo freddo: insomma se le condizioni di riposo non sono ideali, è probabile che il cane non riesca a dormire bene e piange (leggi qui: La cuccia più adatta al tuo cane: una scelta tra stile e praticità).
  • Stomaco pieno: potrebbe aver mangiato troppo e troppo tardi, quindi non ha avuto modo di digerire. Proviamo a dargli la pappa più di un’ora prima che si metta a dormire, in modo da dargli tutto il tempo per digerire e mettersi a dormire senza il pericolo di indigestioni (Leggi qui: Il cane soffre di indigestione? Come riconoscere i sintomi e aiutarlo).
  • Poco moto: se durante il giorno la sua attività fisica è scarsa, il cucciolo potrebbe aver ‘accumulato’ energie che manifesta durante il sonno.
  • Dargli del tempo per ambientarsi: potrebbe essere un pianto legato al ricordo e alla mancanza della figura materna. Si tratta di cuccioli che si sono allontanati dalla mamma e che soffrono per la sua assenza: alcuni padroni scelgono di posizionare un orologio accanto alla cuccia, per fargli associare il ticchettio ai battiti del cuore della mamma. Infine potrebbe essere appena arrivato in casa e non ha ancora avuto modo e tempo di ambientarsi nella sua nuova condizione di vita.
  • Sottoporlo a visita: se nessuno dei rimedi precedenti sembra aver dato frutti, allora sarà il caso di rivolgerci all’esperto. Il veterinario dovrà sicuramente escludere un problema di salute alla base e potrebbe prescrivere dei farmaci a base di feromoni per cani, la cui funzione è appunto quella di calmare il cucciolo anche durante il sonno.

Francesca Ciardiello