Home Cani Salute dei Cani Cura del pelo del Cane da pastore bergamasco: toelettatura e bagno

Cura del pelo del Cane da pastore bergamasco: toelettatura e bagno

Cura del pelo del Cane da pastore bergamasco: tutto quello che è utile sapere dalla toelettatura al bagnetto di questa razza.

cane da pastore bergamasco
(Foto AdobeStock)

Prima di accogliere in casa, il vostro Cane da pastore bergamasco, è fondamentale che conosciate, le origini e le caratteristiche di questa razza.

In particolare, se il vostro desiderio è proprio quello di adottare un Cane da pastore bergamasco, un aspetto da non sottovalutare, è la toelettatura del suo pelo.

Conoscere preventivamente la tipologia di mantello e avere la consapevolezza di come prendervi cura del pelo del vostro Cane da pastore bergamasco è importante e capirete il perché.

La cura del pelo del Cane da pastore bergamasco: tipo di pelo

Come accennavamo precedentemente, la caratteristica principale del Cane da pastore bergamasco, è il mantello particolare.

pastore bergamasco
(Foto AdobeStock)

Prima, però, di arrivare a descrivere il pelo del Cane da pastore bergamasco, è importante avere un quadro completo della razza.

Perciò partiremo dalla descrizione fisica di questa razza. Il Cane da pastore bergamasco è un cane di taglia media che misura circa 58-62 cm e pesa tra i 32-38 kg. 

Dotato di una corporatura massiccia e ben proporzionata, con un pelo molto abbondante, in particolare a metà del tronco, con la tipica tessitura detta “a boccoli”, ruvida nella parte anteriore del corpo e più morbida sulla testa.

I colori ammessi sono tutte le tonalità di grigio. Il colore bianco non è ammesso se non a pezzature non uniformi su un mantello che deve essere comunque di tonalità grigia chiara o scura.

Un’altra caratteristica, a parte il particolare pelo, sono gli occhi coperti dal pelo e l’espressione tipica dei cani da gregge.

Potrebbe interessarti anche: Alimentazione del Cane da pastore bergamasco: dosi, frequenza, alimenti

La spazzolatura e le spazzole adatte

Il Cane da pastore bergamasco, come precedentemente sottolineato, è dotato di un mantello abbondante e a boccoli.

spazzola
(Foto AdobeStock)

Il momento più delicato corrisponde proprio alla formazione di questi boccoli, quando occorre districare bene il pelo a mano per favorire il naturale assembramento del manto.

Il Cane da pastore bergamasco deve essere spazzolato quasi ogni giorno con un pettine, in particolare nell’area viso e quella genitale, per evitare formazione di cattivi odori e ristagni.

Anche la tosatura del mantello di questo cane è molto importante, specie per le femmine, che tendono a produrre molti boccoli e a sviluppare un mantello più lanoso, per tale motivo è necessaria una volta l’anno.

Ricordate che muso e occhi del cane sono molto delicati, quindi attenzione a non sfoltire troppo la peluria in quelle aree del corpo.

Potrebbe interessarti anche: Malattie del Cane da pastore bergamasco: patologie comuni nella razza

Il bagnetto e l’igiene del Cane da pastore bergamasco

Questa razza, rispetto ad altre, può fare il bagno più frequentemente o almeno ogni qualvolta se ne sente il bisogno, causa odore.

Ad ogni modo, occorre aspettare che il vostro cucciolo può essere lavato a partire dai 3 mesi di età, quando sarà terminato il primo ciclo di vaccinazione.

Oltre al bagnetto, per avere cura del Cane da pastore bergamasco, occorre avere cura del corpo in particolare di alcune aree delicate come unghie, occhi, orecchie e bocca del cane.

La cura e l’igiene del cane va eseguita con una certa scrupolosità e prudenza, a partire dalle unghie dove è opportuno lasciare intervenire uno specialista in toelettatura o il veterinario durante una visita di routine.

La stessa attenzione deve essere posta nella pulizia di occhi e orecchie, cercando di utilizzare solo garze sterili e cambiarle per occhio destro e sinistro (lo stesso per le orecchie).

Anche la pulizia dei denti è importante per poter scongiurare le principali malattie della bocca, quali: carie e gengivite nel cane. La pulizia dei denti è possibile grazie all’utilizzo di uno spazzolino e un dentifricio per cani.