Home Cani Salute dei Cani Displasia del gomito nel cane: cause, sintomi e trattamento

Displasia del gomito nel cane: cause, sintomi e trattamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:25
CONDIVIDI

La displasia del gomito nel cane è una condizione ortopedica che colpisce i giovani animali. Vediamo quali: le cause, i sintomi e il trattamento.

Cane malato
ostile nel fare esercizio, giocare e passeggiare.

La displasia del gomito nel cane, è un insieme di sviluppo anormale delle ossa dell’articolazione del gomito del cane responsabile di dolore, zoppia e danno articolare, nonché dell’osteoartrosi. Displasia è in realtà un termine generico che include 4 diverse anomalie:

  • la frammentazione del processo coronoideo dell’ulna;
  • l’osteocondrosi dissecante del condilo mediale dell’omero;
  • la non unione del processo ancillare;
  • l’incongruenza articolare.

In genere sono interessati entrambi i gomiti, allo stesso modo, ma non è sistematico. Queste 4 anomalie possono essere trovate da sole o combinate. Le razze inclini a displasia del gomito di solito sono cani di taglia media in generale, come Labrador, il Golden Retriever, il Bernese, il Pastore Tedesco, il Rottweiler.

La displasia del gomito nel cane, è un disturbo ortopedico di origine genetica ed ereditaria, ma ci sono condizioni che possono indurre l’insorgenza o l’aggravarsi dei sintomi della malattia come: l’aumento di peso del cane, troppo velocemente, e l’attività fisica o eccessiva nutrizione.

Sintomi e diagnosi

cane displasia del gomito
cane displasia del gomito(Foto iStock)

La displasia del gomito del cane è caratterizzata da sintomi come la zoppia di uno o entrambi gli arti toracici, più o meno evidente e spesso sintomi aggravati durante passeggiate. La displasia del gomito può causare zoppia soprattutto nei cani di taglia grande e molto giovani, può apparire quindi presto all’età di 5 a 8 mesi.

Il cane con displasia grave del gomito sarà ostile nel fare esercizio, giocare e passeggiare. Tende a restare fermo a terra per la maggior parte del tempo. Il cane displastico spesso cerca di spostare il peso del suo corpo all’indietro per alleviare il dolore delle gambe anteriori, che tendono ad essere rivolte verso l’esterno.

Quando la displasia è grave, si può sentire o notare un gonfiore a uno o due gomiti. Se la condizione è peggiorata nel molto tempo, può anche causare atrofia muscolare dell’avambraccio. La diagnosi precoce è importante nel cane, perché il trattamento precoce sarà di conseguenza, una prognosi migliore.

La diagnosi di displasia del gomito può essere confermata solo da un veterinario. Il quale si basa su un insieme di elementi tra cui la razza del cane, i sintomi riportati dal suo padrone, lo studio della sua andatura e della sua postura, l’esame ortopedico e l’esame radiografico (persino uno scanner).

Le immagini radiografiche del gomito consentono la diagnosi di non unione del processo anconato (NUPA) e talvolta l’osteocondrite da dissezione (OCD), la frammentazione del processo coronoideo mediale (FPCM) e l’incongruenza del gomito.

Se si sospetta la frammentazione del processo coronoideo mediale (FPCM) o dell’osteocondrite dissecante (OCD), è possibile proporre l’artroscopia, che fortunatamente consente contemporaneamente alla diagnosi, il trattamento di eventuali lesioni.

Cause della displasia del gomito nel cane

radiografia al cane
Radiografia del gomito nel cane(Foto iStock)

La displasia del gomito nel cane è una malattia parzialmente ereditaria e legata a un gran numero di geni. Tuttavia, non tutti gli animali portatori evidenziano la malattia. Vi è quindi una certa difficoltà nella cura. Nello sviluppo della displasia del gomito nel cane sono implicati diversi fattori come: crescita troppo rapida o intensa attività fisica.

Trattamento della displasia del gomito

cane fa il bagno
Il miglior esercizio fisico del cane è il nuoto

Come prima ipotesi per un problema di displasia del gomito, il trattamento può consistere nella prescrizione di farmaci antinfiammatori non steroidei da parte del veterinario, accompagnata da un rigoroso riposo, debellando ogni sforzo fisico.

Attività fisiche intense come la corsa o il salto dovrebbero essere evitate. Il nuoto per il cane, è ciò che possiamo raccomandare, in quanto attività fisica che può mantenere una buona massa muscolare e ridurre l’anchilosi dell’articolazione.

Questo trattamento conservativo deve essere accompagnato da un attento monitoraggio del peso dell’animale per prevenire l’insorgenza di una condizione di sovrappeso del cane, che potrebbe solo aggravare la condizione e quindi il dolore.

Può anche essere aiutato da fisioterapia e/o osteopatia per migliorare la condizione articolare dell’animale, con la somministrazione di integratori alimentari e/o piante medicali per il cane, per aiutare l’animale a non peggiorare la cartilagine dell’articolazione.

Trattamento chirurgico della displasia del gomito

Il cane dal veterinario per controllo sangue nelle urine(foto iStock)
Il cane dall veterinario (foto iStock)

Laddove le condizioni del cane non siano migliorate dal trattamento medico o nel cane con displasia grave del gomito, il veterinario può prendere in considerazione un trattamento chirurgico. Esistono diverse tecniche chirurgiche che variano a seconda dell’origine del problema osseo che è poi la causa della displasia:

  • rimozione artroscopica di frammenti ossei o cartilaginei in caso di frammentazione del processo coronoideo o osteocondrite dissecante;
  • apertura dell’articolazione chiamata artrotomia per rimuovere il frammento osseo dall’interno dell’articolazione o fissarlo all’osso mediante una vite in caso di non unione del processo anconato;
  • osteotomie (sezioni di una o più ossa) per correggere un’incongruenza ossea.

Qualsiasi intervento chirurgico deve essere seguito da un periodo di riposo di alcune settimane e cure post-chirurgiche, solo per garantire la guarigione della ferita (meglio utilizzare un collare protettivo). Ciò che può aiutare e migliorare il recupero dell’animale, è la fisioterapia.

Queste tecniche chirurgiche consentono, nella maggior parte dei casi, di migliorare il comfort articolare dell’animale e di ridurre i sintomi della displasia. Ma bisogna anche dire che l’intervento chirurgico non sarà di alcun aiuto, laddove la displasia abbia già consumato la cartilagine dell’articolazione, in quel caso il cane rimarrà zoppo con una rigidità obiettiva.

Proprio perché sfortunatamente, la procedura chirurgica non elimina l’artrosi presente nell’articolazione e il cane ne risentirà nei sforzi eccessivi e nei cambiamenti di tempo. Il cane con le articolazioni gravemente infiammate o con la cartilagine molto danneggiata hanno quindi un tasso di riuscita dell’intervento molto più basso.

Cure post-operatorie

Dopo l’intervento, quando logicamente va a buon fine, la zoppia, diminuisce fino poi a scomparire generalmente dopo 3 settimane. L’artroscopia ha il vantaggio di rendere più confortevole l’immediato postoperatorio. Il recupero, tuttavia, varia da cane a cane.

Durante le 6 settimane postoperatorie, è richiesto un severo e assoluto riposo. Le raccomandazioni e le cure post-operatorie, laddove ce ne sia il bisogno, ti verranno logicamente date nei particolari dal veterinario, al momento dell’uscita del tuo animale, dall’ospedale.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI