Home Cani Salute dei Cani Malattie del Cane da pastore di Beauce: patologie comuni nella razza

Malattie del Cane da pastore di Beauce: patologie comuni nella razza

Malattie del Cane da pastore di Beauce, chiamato anche “Beauceron”,  “Berger de Beauce” o anche “Bas rouge” (“calze rosse”), in riferimento al  colore delle zampe.

Cane da pastore di Beauce
(Foto AdobeStock)

Il Cane da pastore di Beauce, è allevato in Francia ma è apprezzato anche al di fuori della sua nazione, per il suo aspetto rustico e il suo carattere piacevole.

In questo articolo, vi andremo ad illustrare quelle che sono le malattie del Cane da pastore di Beauce, insieme a tutte le informazioni utili che vi potranno servire, se la vostra scelta è quella di adottare proprio questa razza di cane.

Tutto questo, non prima di avervi accennato importanti informazioni sulla razza, le caratteristiche, le origini, il carattere, fino poi a scoprire quali le patologie che possono colpire questa stupenda razza di cane.

Malattie del Cane da pastore di Beauce

Il Cane da pastore di Beauce prende il nome dalla regione, una zona pianeggiante che si trova nell’entroterra nord-occidentale della Francia.

Cane da pastore di Beauce
(Foto AdobeStock)

Si tratta di un cane di taglia grande, misura circa misura circa 62-70 cm e pesa circa 30-40 kg.

Dotato di una corporatura muscolosa, robusta, forte, squadrata e ben proporzionata, insomma un’eccellente forma fisica.

Possiede un mantello corto sulla testa, folto e robusto sul corpo, sfrangiato sulla coda e sul dorso; nero con macchie color tanno, blu screziato con macchie (“arlecchino”), tricolore

Il Cane da pastore di Beauce, in generale gode di buona salute e può avere una durata di vita media pari a 10-12 anni. Si tratta di una che necessita di poche attenzione ha una buona resistenza fisica.

Vediamo quali possono essere le poche malattie del Cane da pastore di Beauce.

Torsione gastrica

La torsione gastrica si verifica a causa della mancanza di resistenza dei legamenti che hanno lo scopo di trattenere lo stomaco.

Questa condizione può far girare lo stomaco su sé stesso, quando il cane fa un qualsiasi movimento.

Le conseguenze sono piuttosto serie, non permette allo stomaco di svuotare il suo contenuto e, anche, la circolazione sanguigna nell’area è danneggiata.

Non si tratta di una condizione che è possibile prevenire totalmente ma ciò che si può fare per aiutare il vostro cane da Pastore di Beauce, è somministrare i pasti al cane in più razioni, evitare la passeggiata o sforzi fisici subito dopo i pasti.

Panosteite

La panosteite nel cane è una patologia di tipo infiammatorio non grave e curabile in pochi mesi che si manifesta soprattutto in fase di crescita, tra i 5 e i 18 mesi.

Colpisce la cavità midollare delle osse lunghe, principalmente degli arti anteriori ed è provocata dal deterioramento del tessuto adiposo del midollo osseo vicino alle ossa lunghe.

Ciò avviene più nei cani maschi che le femmine di tutte le razze ma di taglia medio- grande. Il sintomo, più evidente, che caratterizza la panosteite nel cane è la zoppia causata da dolore acuto.

Antinfiammatori per ridurre il dolore e steroidi, insieme al riposo, possono essere la migliore delle soluzioni per la guarigione.

Alopecia con diluizione del colore

L’alopecia con diluizione del colore è un tipo ereditario di perdita di capelli che colpisce i cani che hanno un colore di pelo diluito.

Conosciuta anche come alopecia mutante di colore o sindrome del doberman blu, questa malattia ereditaria è il risultato di un gene recessivo che provoca la rottura delle ciocche di capelli con la crescita generale dei capelli stentati.

Per fortuna può essere gestita con antibiotici e i farmaci antinfiammatori per trattare le possibili infezioni che si possono verificare ma soprattutto deve essere gestita con integratori e terapie topiche per migliorare la salute della pelle e del pelo.

Shampoo, spray e mousse medicali per evitare di seccare la pelle e il pelo. Senza dimenticare una buona e sana alimentazione ricca di acidi grassi Omega 3 da oli di pesce, vitamina A per il cane.

Displasia dell’anca

La displasia dell’anca nel Cane da pastore di Beauce, è una patologia ereditaria perciò attribuita a soggetti geneticamente predisposti.

Questa condizione, si riscontra quando il femore non va sa posizionarsi nel modo corretto nella cavità dell’anca dell’animale, generando come conseguenza un andamento zoppicante e dolore intenso nel cane.

Possono verificarsi anche altri sintomi ma variano molto in funzione dell’età del cane, dello stadio di avanzamento della malattia e della limitazione del funzionamento dell’articolazione.

Esistono, diversi gradi di questa malattia che possono essere più o meno gravi.

Nei casi più gravi può verificarsi fin da cucciolo oppure manifestarsi nell’età adulta avanzata quando si hanno casi più lievi. Il trattamento più estremo richiede un intervento chirurgico.

Displasia gomito

La displasia del gomito si manifesta con lo sviluppo anormale delle ossa dell’articolazione del gomito del cane.

Tale condizione, causa: dolore, zoppia e danno articolare nonché osteoartrosi.

Si tratta di disturbo ortopedico di origine genetica ed ereditaria, ma ci sono condizioni che possono indurre all’insorgenza o all’aggravarsi dei sintomi della malattia, come la crescita o l’aumento di peso troppo velocemente, e l’attività fisica o eccessiva nutrizione.

In alcuni casi, è possibile eseguire fisioterapia e/o osteopatia per cani oltre che la somministrazione di integratori alimentari e/o piante medicali.

Il veterinario come trattamento effettuerà la prescrizione di farmaci antinfiammatori non steroidei, accompagnata da un rigoroso riposo.

Potrebbe interessarti anche: Al cane si gira lo stomaco: cosa cè da sapere sulla torsione gastrica nel cane

 Atrofie progressiva della retina

L’atrofia progressiva della retina nel cane si manifesta indistintamente in tutte le diverse razze di cane compresa la razza di Cane da pastore di Beauce e a tutte le età.

La malattia si verifica quando le cellule che costituiscono la retina dell’occhio, muoiono.

Accorgersi della patologia da parte del proprietario è molto difficile, in quanto non mostra effetti o particolari sintomi di dolore.

Il veterinario grazie ad un esame specifico, potrà indagare in profondità e verificherà eventuali lesioni alla retina, chiaro indice della presenza di un’atrofia.

La vista del cane purtroppo è destinata a diminuire progressivamente, tuttavia l’animale svilupperà gli altri sensi in modo più intenso e saprà compensare la perdita della vista.