Home Cani Salute dei Cani Malattie del Cane da pastore Olandese: patologie comuni nella razza

Malattie del Cane da pastore Olandese: patologie comuni nella razza

Malattie del Cane da pastore Olandese, patologie ereditarie che si possono riscontrare nella razza che in generale è sana e resistente.

Pastore olandese sul prato
(Foto AdobeStock)

Il Cane da pastore Olandese è una razza che come lascia intuire il nome, ha origine nei Paesi Bassi.

Non è chiaro, però, se provenga da Paesi Asiatici o anche da Paesi molto vicini come la Francia o dall’Inghilterra.

Questo dubbio, nasce dal fatto che in quegli anni l’Olanda commerciava con entrambi i continenti e quindi può essere giunto nel Paese durante i commerci.

Attualmente si tratta di una razza non molto diffusa in Italia e per tale motivo non tutti conoscono le eventuali patologie a cui può essere soggetta.

In questo articolo, vi andremo ad illustrare quelle che sono proprio le malattie del Cane da pastore Olandese.

Tutte le informazioni utili che vi potranno servire, se adotterete un cucciolo di questa razza.

Malattie del Cane da pastore Olandese

Per arrivare a definire quelle che in effetti solo le malattie del Cane da pastore Olandese, occorre avere un quadro completo della razza.

cane da pastore olandese
(Foto AdobeStock)

Origini, carattere, stile di vita e caratteristiche della razza, sono fondamentali per avere una visione a 360° dell’animale e arrivare a capire quali possono essere i suoi punti deboli.

Il Cane da pastore Olandese, come accennavamo è allevato in Olanda ma molto probabilmente arriva dai Paesi che commerciavano con la sua Nazione. Non è chiaro se si trattasse dell’Asia o dell’Europa.  

Il Cane da pastore Olandese è particolarmente affabile e socievole. Un cane affettuoso, obbediente, docile, sempre vigile e sempre all’erta. Razza molto leale dal carattere amabile e vivace.

È un cane di taglia media, molto muscoloso, dalla struttura potente e ben bilanciata, agile e scattante. Misura circa 57-62 cm al garrese e pesa 23-30 kg.

Molto muscoloso, dalla struttura potente e ben bilanciata, ma anche agile e scattante. La razza si distingue nelle seguenti varietà: a pelo corto, a pelo lungo, e a pelo ruvido.

Il Cane da pastore Olandese è una razza forte, sono pochissime le malattie che potrebbero colpirlo. Come infatti, esemplari sani, possono vivere in media anche 12-13 anni.

Vediamo, quindi, quali possono essere le poche malattie del Malattie del Cane da pastore Olandese.

Displasia dell’anca

La displasia dell’anca nel Cane da pastore Olandese, è una patologia ereditaria perciò attribuita a soggetti geneticamente predisposti.

Si riscontra quando il femore non va sa posizionarsi nel modo corretto nella cavità dell’anca dell’animale, generando come conseguenza un andamento zoppicante e dolore intenso nel cane.

In funzione dell’età del cane, possono verificarsi anche altri sintomi ma variano molto, a seconda della fase della malattia e della limitazione del funzionamento dell’articolazione.

Nei casi più gravi può verificarsi fin da cucciolo oppure manifestarsi nell’età adulta avanzata quando si hanno casi più lievi.

Quando proprio non si riesce in alcun modo con i farmaci, il trattamento più estremo richiede un intervento chirurgico.

Malattia di Von Willebrand

La malattia di Von Willebrand, a volte indicata come vWD, è il disturbo del sangue ereditario più comune nei cani e nell’uomo.

La malattia è causata da una carenza di una proteina necessaria per la coagulazione del sangue.

Alcuni cani vivono per anni senza che la condizione sia mai stata scoperta per essere trovata quando hanno un intervento chirurgico o subiscono una lesione.

E sebbene alcuni soggetti non presentino sintomi, altri possono manifestare emorragia spontanea o sanguinamento prolungato dopo lesioni.

La malattia in questione se non viene trattata, può portare a sanguinamento eccessivo e persino alla morte. Sono perciò, fondamentali i test genetici sui genitori.

Si tratta di esami che consentono di trovare tre classificazioni di vWD basate sulla concentrazione e sulla natura del fattore von Willebrand nel plasma ed evitare così di far nascere soggetti malati.

Potrebbe interessarti anche: Malattie ereditarie dei cani: le patologie genetiche più comuni

Mielopatia degenerativa

La mielopatia degenerativa compare per lo più in cani anziani, e si manifesta come degenerazione progressiva delle fibre nervose.

Il cane affetto, presenta un progressivo indebolimento delle zampe posteriori, fino all’incapacità di restare in piedi e alla paralisi.

Sfortunatamente, non esiste ancora alcun trattamento per la mielopatia degenerativa.

Pur non essendo dolorosa per l’animale, una cura molto precisa e attenzioni raddoppiate saranno necessarie per assicurare una buona qualità di vita al proprio amico a quattro zampe.

Goniodisplasia

La goniodisplasia nel cane è una malformazione dell’angolo iridocorneale, questa condizione genera un flusso limitato di liquido dall’occhio, causando un aumento della pressione oculare.

Questa patologia, si verifica maggiormente nella varietà di pastore Olandese a pelo ruvido.

Se non viene diagnosticata in tempo e curata, può essere la causa di un glaucoma e quindi di una possibile cecità del cane.

Tuttavia, gli allevatori capaci e bravi, possono selezionare i genitori per evitare la procreazione con soggetti in condizione.