Home Cani Salute dei Cani Osteoporosi nel cane: tutti i sintomi e le cause della patologia

Osteoporosi nel cane: tutti i sintomi e le cause della patologia

L’osteoporosi nel cane è una patologia diffusa. Quando gli anni cominciano a pesare anche per fido, ecco che si può presentare il rischio di malattie alle ossa. Vediamo, insieme, quali sono le cause che provocano la malattia e attraverso quali sintomi si manifesta.

Osteoporosi nel cane
(Foto Pixabay)

Il nostro amico a quattro zampe è, spesso, soggetto a malattie varie. Sin da cucciolo, la protezione e le cure per lui non finiscono mai e non bisogna mai abbassare la guardia. Per quanto facciamo il massimo per evitare che si ammali, però, non siamo infallibili. Quando fido ha vissuto molti anni e diventa anziano, i rischi per la sua salute si avvicinano di più e i problemi per il suo organismo si accentuano. Vediamo, allora, cosa scatena l’osteoporosi nel cane, con quali sintomi si presenta e come è possibile curare l’animale.

Osteoporosi nel cane: le cause e i sintomi della malattia

L’osteoporosi è una patologia che colpisce anche i nostri amici animali. Si tratta di una malattia degenerativa e può colpire anche i cani giovani. Leggiamo di più nell’articolo.

Il cane e la malattia alle ossa
(Foto Pixabay)

Non è facile prendersi cura del nostro amico peloso. Quando trascorre anni di vita insieme a noi, momenti gioiosi di bei ricordi e crescita per entrambi, allo stesso tempo arrivano problemi più seri anche per le sue ossa. Le malattie scheletriche, infatti, sono sempre più comuni nell’animale e possono creare complicazioni importanti in grado di diminuire la qualità della sua vita. L’osteoporosi, come le altre patologie delle ossa, si presenta come conseguenza di carenze ed errori nell’alimentazione del nostro peloso.

L’osteoporosi nel cane, così come nell’uomo, consiste nel deterioramento del tessuto osseo, il quale risulta progressivamente più fragile e delicato. L’alimentazione di fido, spesso, può essere determinante nell’insorgere di questa patologia. Molte volte, il cane ancora cucciolo può presentare questo grave problema, in seguito ad una dieta scorretta ed eccessiva, costituita da troppi grassi o, comunque, cibi molto calorici. Accade che il cucciolo non sia capace di consumare le troppe calorie e che inizi, quindi, a crescere velocemente, rischiando anche di deformarsi.

Una crescita troppo veloce del suo scheletro ed un parallelo squilibrio ormonale, rovinano lo sviluppo dell’animale. Problemi alle articolazioni e alle ossa sono tipici dei cani di grossa taglia che hanno avuto un’eccessiva alimentazione da cuccioli. In un peloso adulto, le malattie tipiche come sovrappeso ed obesità nel cane, aprono la strada a patologie atrettanto pericolose come l’osteoporosi e l’artrite in fido. Come abbiamo accennato, l’osteoporosi in fido può nascere come conseguenza di eccessi calorici nella dieta dell’animale, ma non solo.

La patologia può manifestarsi anche a causa dell’osteocondrite dissecante, ovvero un’infiammazione a livello articolare e dell’osso. Inoltre, se viene colpita la cartilagine, l’osso può allungarsi di meno e modificarsi nella struttura delle zampe di fido. Abbiamo visto che i cani di grossa taglia sono quelli che tendono a soffrire maggiormente questa malattia, ad esempio razze come San Bernardo, Labrador, Golden Retriever, Alano, soprattutto nelle aree del ginocchio, delle spalle e del gomito.

Ma quali sono i sintomi tipici di questa brutta malattia in fido? I sintomi dell’osteoporosi si presentano, di solito, con l’avanzare degli anni nel cane ma può avere anche motivi legati alla genetica dell’animale. Il primo segnale che ci fa allarmare sulla sua condizione di salute è l’inattività; l’osteoporosi nel cane anziano, cambia totalmente il suo stile di vita e le abitudini. Il peloso soggetto alla patologia diventa subito stanco e pigro, sofferente durante le normali passeggiate, perde la sua agilità e si affatica per il più piccolo movimento. Fido può arrivare a sentire dolore intenso, che esprime con gemiti e pianti.

Potrebbe interessarti anche: Il cane anziano non riesce più a correre: quali i motivi?

Fido e l’osteoporosi: rimedi e prevenzione

Per l’osteoporosi nel cane non esiste una cura per poterla eliminare. Possiamo, però, aiutare l’amico a quattro zampe adottando dei rimedi efficaci e delle regole per fare prevenzione e proteggere il nostro fido.

Osteoporosi del cane
(Foto Pexels)

Quando i sintomi sopra elencati peggiorano e lo stato di sofferenza nel nostro cane è incontrollabile, si deve portarlo subito dal medico veterinario di fiducia. In questo modo, il medico potrà effettuare tutti i controlli generali sul nostro animale e decidere, insieme a noi, la cura più adatta a lui per cercare di rallentare l’evoluzione della patologia. Noi, con lui, possiamo fare il nostro per migliorare la salute di fido, assumendo degli atteggiamenti che possano proteggere l’animale per più tempo possibile. Il controllo dell’alimentazione e del peso del peloso è fondamentale per poterlo aiutare.

Possiamo essere responsabili di un buono stato di salute fisica del nostro amico peloso. Prevenire l’osteoporosi nel cane, rimediando ai disturbi alimentari come obesità e sovrappeso, è essenziale e, curandoci di lui nel miglior modo, lo aiutiamo a ridurre di molto il rischio di ammalarsi e rovinare la sua vita. L’alimentazione ideale per il cane deve prevedere anche l’assunzione di sostanze importanti come la vitamina C, D ed E. Queste vitamine aiutano fido ad assorbire meglio il calcio e a rafforzare le cartilagini, le articolazioni e le ossa del cane.

Per la prevenzione di questo tipo di patologie, il calcio nel cane è importante. Questo nutriente non deve mai mancare dalla sua dieta e deve essere associato anche al fosforo. La carenza di calcio in fido è una delle cause dello sviluppo dell’osteoporosi, così come accade negli esseri umani. Anche rame e zinco sono fondamentali per la costituzione e la protezione dei tessuti e una normale formazione delle ossa dell’animale.

Bisogna assicurare all’animale una dieta che comprenda le proteine, molto importanti per la sua salute completa, insieme agli acidi grassi omega-3, che proteggono le cartilagini e riducono le infiammazioni, e agli antiossidanti, quindi vitamina C, E, selenio, alleati nel combattere i radicali liberi nel peloso. Soprattutto se il nostro cane è predisposto ad ammalarsi di osteoporosi, una dieta sana ed equilibrata insieme alla giusta quantità di attività fisica possono proteggerlo e prevenire i sintomi di questa malattia limitativa o bloccare il suo peggioramento. Perdere peso sarà il passo successivo per fido.

Ilaria G