Home Cani Salute dei Cani Parto cesareo nella cagna: quando è necessario, come funziona e consigli post-partum-VIDEO

Parto cesareo nella cagna: quando è necessario, come funziona e consigli post-partum-VIDEO

Parto cesareo nella cagna: come si svolge

Una volta optato per il cesareo, il veterinario procede immediatamente all’anestesia: si tratta di somministrare farmaci che siano quanto meno possibile dannosi per i feti. Questi ultimi però dovranno essere portati alla luce in tempi molto brevi (circa 20 minuti) per evitare di ‘assorbire’ i medicinali.

Parto cesareo nella cagna
(Foto AdobeStock)

L’incisione viene fatta al centro e l’ampiezza del taglio dipende anche dal numero di cuccioli che devono uscire; la ferita poi si chiuderà col filo assorbibile, il migliore per evitare ulteriori dolori alla cagna quando dovrà allattare i suoi piccoli e quella zona sarà stimolata.

I feti appena nati saranno asciugati e sarà praticato loro un massaggio che attivi l’apparato respiratorio e quello cardiaco: non tutti impiegano lo stesso tempo a ‘svegliarsi’ dal torpore del parto, ma è del tutto naturale.

Potrebbe interessarti anche: La cagna sta per partorire: tutti i segnali del parto imminente

I consigli per accudire mamma cagna dopo il parto

E’ possibile, sebbene triste, che una volta nati i cuccioli ‘ci si dimentichi’ di mamma cagna e la si trascuri un po’: è esattamente quello che non dobbiamo fare. In questo momento che segue il parto della cagna è molto fragile psicologicamente e ha bisogno di tutto il nostro affetto e amore.

Cucciolo appena nato
(Foto Pixabay)

Prendiamoci cura di lei, disinfettiamo la ferita e puliamo la cuccia e tutti gli ambienti in cui vivono lei e i cuccioli. Meglio che nella fase iniziale del post-partum non abbia contatti con altri esemplari, per evitare il rischio di infezioni.

Curiamo la sua alimentazione con cibi ricchi di proteine ed energetici: d’altra parte, dopo lo sforzo del parto, dovrà rimettersi in forza. Non dimentichiamo di idratarla regolarmente e di farle bere tanta acqua.

Facciamo attenzione al pericolo di mastite nella cagna: sottoponiamo l’animale a visite periodiche dal veterinario e poniamo bende calde sui capezzoli. Inoltre teniamola al riposo e garantiamole tranquillità, evitando rumori in casa e visite invadenti.

Francesca Ciardiello