Home Cani Salute dei Cani Struvite nel cane: sintomi e terapie più efficaci

Struvite nel cane: sintomi e terapie più efficaci

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:40
CONDIVIDI

Proprio come il gatto, anche le vie urinarie di fido possono ospitare un agglomerato di cristalli di Struvite in grado di procuragli diversi malfunzionamenti

cane su di un prato
La Struvite coinvolge il sistema urinario del cane (Foto Unsplash)

I calcoli di Struvite nel cane, che si formano a partire da un conglomerato di ioni di fosfato, ammonio e magnesio, possono mettere a rischio la vita del nostro amico a quattro zampe. A seconda della loro grandezza possono generare da micro lacerazioni a veri e propri calcoli in grado di bloccare la vescica dell’animale.

Ad accompagnare questo disturbo generalmente c’è un’infezione batterica del tratto urinario i quali sintomi sono piuttosto riconoscibili. Le terapie invece sono diverse a seconda dell’incidenza di questi cristalli all’interno dell’organismo del cane.

Potrebbe interessarti anche: Sintomi di infezione nel cane: come capire se Fido ha un problema

Struvite nel cane: perché si formano i cristalli di Struvite

uno Shih-tzu
Fra le razze geneticamente predisposte alla Struvite c’è anche lo Shih-tzu (Foto Unsplash)

É stato dimostrato che il 60% dei calcoli in un cane sono causati dai cristalli di Struvite. La Struvite colpisce anche i gatti. Due delle cause più forti per la formazione di questi agglomerati sono: lo squilibrio e l’alto contenuto di minerali all’interno del cibo che offriamo a fido o disturbi metabolici già presenti nel cane. Spesso è anche una quesitone genetica.

Ci sono razze più predisposte alla formazione di calcoli da Struvite come lo Schnauzer nano, il Bichon Frisè, lo Shih Tzu e il Barbone nano. Le femmine inoltre sono più soggette a questa patologia in quanto più suscettibili all’insorgere di cistiti batteriche. L’età è un altro fattore scatenante, di solito questo malfunzionamento delle vie urinarie colpisce gli esemplari che superano i sei anni.

Sintomi di disagio e irrequietezza

cane agitato
Se notate una certa agitazione nel vostro cane, potrebbe essere un valido sintomo (Foto Pexels)

Tra i sintomi meno particolareggiati di questa grave infezione alle basse vie urinarie possiamo riscontare inappetenza, vomito, perdita di peso e dolori addominali. Ma a volte la presenza di calcoli da Struvite nel cane è del tutto asintomatica. In questo caso, il disturbo può essere diagnosticato solo quando il calcolo si è già formato ed è arrivato all’uretra, ostruendola.

In questo caso fido si metterà spesso in posizione “pipì” senza però riuscire a urinare. Prestiamo attenzione in questa fase perché generalmente la posizione che fido assume mentre urina spesso ci indica qualcosa. Si mostrerà poi molto agitato e chiederà spesso di uscire fuori. Altro fattore possibile, avrà più sete del normale. Potrebbe però anche verificarsi la soluzione contraria, un’anomala incontinenza urinaria dovuta alla eccessiva distensione della vescica.

Inoltre l’urina, potrebbe contenere alcune tracce di sangue. Le cause di sangue nelle urine possono essere diverse ed è bene non sottovalutarle mai. Nello specifico, i cristalli di Struvite, che hanno sede nella vescica, hanno spesso una forma appuntita che può lacerare le pareti vescicali.

Potrebbe interessarti anche: Vie urinarie del cane: sintomi pericolosi e malattie correlate

Struvite nel cane: come formulare la terapia migliore

cane che beve
Aumentare le dosi d’acqua è tra le prime prescrizioni contro la Struvite (Foto Unsplash)

Una terapia medica più blanda può essere consigliata come punto di partenza, solo se l’infezione batterica alle vie urinarie è stata precedentemente trattata e guarita con antibiotici. Questa terapia mirerà a fornire al cane la giusta dieta, a stimolare la diuresi e ad acidificare il livello di pH delle urine attraverso specifici farmaci o mangimi.

Il trattamento dietologico dovrà continuare fino al completo scioglimento dei calcoli e proseguire per un altro mese, in modo da evitare l’alto rischio di recidività. Il nuovo regime alimentare dovrà essere povero di proteine e fibre al fine di ridurre al minimo la perdita idrica a causa delle feci. Dovrà essere invece ricco di sale e contenere una quantità ridotta di minerali come fosforo o magnesio.

Inoltre dovrà includere sostanze acidificanti che possono essere assunte anche sotto forma di compressa di Metionina e Ammonio cloruro. La parola d’ordine rimarrà sempre acqua! Per ridurre la possibilità che i calcoli di Struvite possano tornare è fondamentale che il nostro amico peloso beva di più. Se già il vostro cane beveva poco, correte al riparo con alcuni possibili rimedi. Favorite quindi i cibi umidi, aggiungete acqua tiepida anche alle crocchette o usate qualche goccia di cloruro di sodio nella pappa.

Se si dovesse però verificare un’autentica ostruzione urinaria, i calcoli non potranno che essere asportati chirurgicamente dal veterinario.

 

C.F