Home Cani Salute dei Cani Torsione della milza nel cane: causa, sintomi e trattamento

Torsione della milza nel cane: causa, sintomi e trattamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:16
CONDIVIDI

La torsione della milza nel cane: in cosa consiste? È pericolosa per l’animale? Scopriamolo quali le cause, i sintomi e come trattare la condizione.

torsione milza cane
(Foto AdobeStock)

La milza è un organo posizionato nella parte sinistra dell’addome ha il compito di produrre globuli bianchi, ripulire il sangue dai vecchi globuli rossi e controllare la presenza di agenti patogeni, di particelle estranee e potenzialmente dannose.

La torsione della milza nel cane di cui andremo a trattare in questo articolo non è una condizione molto comune, capita maggiormente nei cani di taglia grande, indifferentemente dal sesso ma principalmente cani adulti. Quando ciò avviene occorre un intervento tempestivo e rapidi controlli dal veterinario.

Cause della torsione della milza nel cane

La torsione della milza del cane anche detta torsione splenica della milza, si verifica quando la milza si attorciglia su sé stessa, bloccando passaggio del sangue e facendo di conseguenza ingrossare la milza. Ciò avviene spesso in combinazione con la dilatazione gastrica-volvolo (GDV), ma può anche manifestarsi da sola.

Tra le cause principali, troviamo sicuramente:

  • espansione anormale e torsione degli organi intestinali o gastrici (prima dilatazione gastrica e volvolo)
  • eccessivo esercizio fisico e conati di vomito possono anch’essi essere la causa;
  • nervosismo e ansia nel cane sono stati associati ad un aumento del rischio;
  • predisposizione genetica nei cani di taglia grande e quelli a petto profondo. I più comunemente colpiti, sono ad esempio: pastore tedesco, alano, ecc..

Potrebbe interessarti anche: Infiammazione della milza nel cane: cause, sintomi e cura

Sintomi

Il cane vomita
(Screenshot Instagram)

I sintomi che possono manifestarsi per la torsione della milza nel cane, sono contati ovvero non molti e questo non aiuta un’eventuale diagnosi e soprattutto non aiuta il padrone del cane a capire l’animale di cosa stia soffrendo. Tra i più frequenti, possiamo citare:

  • massa addominale con un rigonfiamento sensibile al tatto;
  • vomito frequente;
  • perdita di peso veloce;
  • mancanza (discontinua)di appetito;
  • il colore dell’urina del cane che varia da rosso a marrone;
  • bere e urinare eccessivamente;
  • dolore addominale intenso;
  • gengive biancastre;
  • aumento della frequenza cardiaca.

Diagnosi e trattamento della torsione della milza nel cane

Veterinario
(Foto Pixabay)

Per poter effettuare una diagnosi, il veterinario dovrà accertarsi attraverso alcune domande che farà al proprietario dell’animale, e che si basano su una storia pregressa delle malattie del cane e di tutti i sintomi finora manifestati.

Ecco perché è sempre molto importante osservare il nostro amico a quattro zampe nei suoi comportamenti e non solo è anche opportuno magari durante le coccole, dare una controllatina generale a tutto il corpo dell’animale per scongiurare la presenza sia di eventuali parassiti sia di strani gonfiori sottocutanei nel cane.

Successivamente procederà attraverso esami specifici quali: raggi X (possono riflettere una massa e/o una milza localizzata in modo anomalo) e l’ecografia dell’addome (per un’immagine più sensibile della milza) che sono utili per confermare la diagnosi di torsione della milza nel cane o torsione splenica che dir si voglia.

Potrebbe inoltre procedere con altri test che potrebbero essere necessari come ad esempio un esame delle urine o del sangue del cane. In alcuni casi, può essere necessario un intervento chirurgico esplorativo per ottenere una diagnosi definitiva.

Per quanto riguarda invece il trattamento della torsione della milza nel cane, subito dopo avere effettuato la fluidoterapia (con fluidi endovenosi e trasfusioni di derivati ​​del sangue se necessario) e il trattamento medico, deve essere eseguito l’intervento chirurgico per rimuovere la milza e le attività precedentemente svolte dalla milza possono essere svolte da altri organi.

Occorre sottolineare che senza la milza il cane può vivere e svolgendo una terapia di supporto e una convalescenza adeguata del cane, non alcun motivo per il quale l’animale non possa continuare a vivere una vita serena e vivace, in quanto nel tempo impareranno a distribuire meglio la fatica e i nuovi limiti.

Potrebbe interessarti anche: Reflusso gastroesofageo nel cane: cause, sintomi e trattamento

Raffaella Lauretta