Home Cronaca La denuncia: “Ci sono poche spiagge riservate ai cani”

La denuncia: “Ci sono poche spiagge riservate ai cani”

CONDIVIDI
(Pixabay)

“Da 9 anni abbiamo un cagnolino che a tutti gli effetti consideriamo un membro della nostra famiglia!”, inizia così la lettera di Tommaso al sito Castedduonline. L’uomo lamenta la scarsa presenza di spiagge nel Cagliaritano dedicate ai cani. Scrive ancora il lettore: “Volevo con questa mail sensibilizzare la Regione Sardegna e le varie provincie”.

“Malgrado il randagismo, l’abbandono di animali, ancora oggi in questa zona e per tanti altri km di costa vige il divieto assoluto di portare queste meravigliose creature in spiaggia”, denuncia Tommaso. Poi ricorda: “Ormai una famiglia su due ha nel proprio nucleo familiare un animale”. Da qui l’appello: “Vorrei solo avere un fazzoletto di spiaggia dove poter stare con il nostro cagnolino senza doverci preoccupare di prendere circa 1000 euro di verbale”. E conclude: “Speriamo che tante persone la pensino come me e che si facciano sentire”. Questo affinché “i nostri amati animaletti possano trascorrere con noi anche delle bellissime vacanze”.

Le più note spiagge per cani

Va ricordato che d’estate i cani soffrono molto il caldo. Per questo ci sono sempre delle precauzioni da prendere al loro riguardo in città così come nei luoghi di villeggiatura. Al di là del caso specifico denunciato da Tommaso, ci sono un pò dovunque in Italia per fortuna delle spiagge dedicate ai nostri amici a quattro zampe. Partendo da Nord, a Grado, c’è  la ‘Spiaggia di Snoopy’, poi ancora abbiamo ‘La Spiaggia di Pluto’ a San Michele al Tagliamento (Venezia).

Spostandoci verso ovest, sulla riviera ligure, molto noto è il Bau Bau Village di Albisola Marina. A Cesano di Senigallia, in provincia di Ancona, ecco la ‘Baia Canaria’. Poi abbiamo ancora il Dog Beach, a Botro ai Marmi, San Vincenzo (Livorno), il ‘Bau Beach VIllage’ di Maccarese e andando a Sud la ‘Taverna di Santos’ a Torre Canne, presso Fasano (Brindisi).

In ogni caso, l’Enpa ha ribadito le “regole” sulle spiagge libere quando non ci sono apposite segnalazioni tramite cartelli ed altri avvisi. In sostanza, se mancano questi messaggi, nessuno ha il diritto di chiedere o di pretendere l’allontanamento di Fido da quel posto. Vi sono infine delle regole da seguire per una convivenza con gli altri villeggianti che non per forza hanno animali a seguito, nel rispetto di tutti.

 

GM