Allergie negli animali domestici: cause, sintomi e terapia

Foto dell'autore

By Michele D' agostino

Curiosita

Anche gli animali domestici come cani, gatti e cavalli possono sviluppare delle allergie: scopriamone le cause, i sintomi e la terapia per curarli.

Allergie animali domestici
Allergie negli animali domestici: cause, sintomi e terapia (Foto AdobeStock)

Un’allergia è uno stato di ipersensibilità del sistema immunitario a una sostanza chiamata allergene. L’esposizione all’allergene, di solito in più occasioni nell’arco di mesi o anni, sensibilizza il sistema immunitario e una successiva esposizione allo stesso allergene o ad uno correlato provoca una reazione eccessiva.

Normalmente il sistema immunitario protegge animali ed esseri umani da infezioni e malattie, ma con allergie la risposta immunitaria può effettivamente essere dannosa per il corpo. Le allergie possono essere pensate come una risposta immunitaria non necessaria a una sostanza estranea benigna.

Gatti, cani e cavalli possono sviluppare allergie più o meno allo stesso modo degli umani. Esistono tre tipi principali di allergie negli animali: al cibo, alle punture di pulci e allergie ambientali come polline di erba e spore di muffa.

Allergie negli animali domestici come cani, gatti e cavalli: cause, sintomi e terapia

sintomi allergie animali domestici
Quali sono i sintomi delle allergie negli animali domestici (Foto flickr)

Si ritiene che alcune allergie siano ereditarie. Un’allergia ereditaria è l’atopia o allergia a pollini e piante. Gli animali in genere diventano più allergici quando invecchiano.

Le allergie sembrano essere molto più comuni negli animali domestici che negli animali selvatici o negli animali da allevamento che trascorrono la maggior parte del loro tempo all’aperto. Ciò può essere dovuto al fatto che le condizioni più igieniche delle case umane lasciano meno lavoro al sistema immunitario e quindi vengono sensibilizzate in modo inappropriato a particelle normalmente innocue nell’ambiente.

Quali sono i sintomi delle allergie negli animali domestici?

Il sintomo più comune associato alle allergie è il prurito della pelle, localizzato (in una zona) o generalizzato (in tutto il corpo). In alcuni casi, i sintomi coinvolgono il sistema respiratorio, con tosse, starnuti e / o respiro sibilante. A volte, potrebbe esserci uno scarico che cola dagli occhi o dal naso. In altri casi, i sintomi allergici influenzano il sistema digestivo con conseguente vomito e diarrea.

Che cos’è l’allergia da pulci o da punture di insetti e come viene trattata?

L’allergia al morso di insetto è la risposta infiammatoria esagerata al morso o alla puntura di un insetto. Aracnidi come ragni e zecche e insetti tra cui pulci, mosche, farfalle, tafani, zanzare, formiche, api, calabroni e vespe, possono causare una reazione allergica.

La saliva delle pulci è di gran lunga l’allergene degli insetti più comune nei cani, causando dermatite allergica da pulci (FAD). La maggior parte dei cani sperimenta una lieve irritazione locale da punture di pulci. Il cane FAD reagirà a un singolo morso con forte prurito locale. Un cane con FAD si morde e si graffia e può rimuovere grandi quantità di peli, specialmente nella zona della coda. Un’infezione batterica secondaria può svilupparsi nelle aree della pelle lesa.

Poiché una pulce può essere un problema per un cane con FAD, è essenziale un rigoroso controllo delle pulci. Questo è difficile considerando il ciclo di vita delle pulci, ma i moderni mezzi di prevenzione contro le pulci consentono di fornire un ambiente privo di pulci per il tuo cane. Il veterinario può darti suggerimenti su come proteggere il cane e altri animali domestici dalle pulci.

Quando non è possibile un rigoroso controllo delle pulci o in caso di forte prurito, il veterinario può prescrivere antistaminici o corticosteroidi (steroidi) per bloccare la reazione allergica acuta e dare un sollievo immediato. Se è presente un’infezione batterica, verrà prescritto un antibiotico appropriato.

Che cos’è l’allergia per inalazione (atopia) e come viene trattata?

prurito allergie animali domestici
Il prurito è uno dei sintomi nelle allergie negli animali domestici (foto Pixabay)

Il termine allergia inalante nel cane è spesso usato come sinonimo di atopia. I principali allergeni inalanti sono i pollini degli alberi (cedro, frassino, quercia, ecc.), i pollini dell’erba, i pollini delle infestanti (ambrosia), le muffe, la muffa e gli acari della polvere domestica. Molte di queste allergie si verificano stagionalmente, come l’ambrosia, il cedro e i pollini dell’erba. Tuttavia, altre come muffe, muffe e acari della polvere domestica si verificano tutto l’anno.

Sebbene a volte i sintomi delle allergie includano rinite allergica o bronchite, nella maggior parte degli animali l’allergia inalante si manifesta con prurito alla pelle (prurito). A causa di questi segni clinici, la condizione è anche chiamata dermatite allergica inalante. L’animale può strofinarsi la faccia, leccarsi o tentare di grattarsi. 

Gli animali colpiti spesso reagiscono a diversi allergeni e spesso manifestano contemporaneamente allergie da pulci o alimenti. Se gli allergeni offensivi possono essere identificati mediante test cutanei intradermici (test cutanei) o esami del sangue, l’animale deve essere protetto dall’esposizione ad essi il più possibile.

Poiché la maggior parte di questi allergeni è ambientale, questo è difficile e sono probabili attacchi ricorrenti. I sintomi dell’atopia possono essere controllati, ma di solito non è possibile una cura permanente.

Il trattamento dipende in gran parte dalla durata della specifica stagione delle allergie. Può comprendere una o più delle seguenti tre terapie:

– Somministrazione di antinfiammatori come i corticosteroidi o gli antistaminici per bloccare la reazione allergica, con l’integrazione di acidi grassi nella dieta che può’ migliorare la risposta a questi farmaci in alcuni casi. Anche i farmaci approvati di recente come la ciclosporina orale sono molto utili nel trattamento dell’atopia e hanno meno effetti collaterali a lungo termine rispetto ai corticosteroidi.

– Terapia shampoo. Il bagno frequente con uno shampoo ipoallergenico può essere lenitivo per il prurito e la pelle infiammata. Il bagno sciacqua anche gli allergeni dentro e sopra il pelo che possono essere assorbiti attraverso la pelle. Alcuni shampoo terapeutici contengono anche ingredienti anti-infiammatori che possono ulteriormente giovare al tuo animale domestico.

– Terapia di iposensibilizzazione o desensibilizzazione. All’animale può essere somministrato un siero per iniezione di allergia o colpi di allergia. Con questo trattamento, piccole quantità di antigene vengono iniettate settimanalmente. Questo dosaggio ripetuto ha l’obiettivo di riprogrammare o desensibilizzare il sistema immunitario. Le percentuali di successo variano con questo trattamento. Circa il 50% dei cani trattati vedrà un miglioramento significativo dei loro segni clinici, mentre circa il 25% in più vedrà una diminuzione della quantità o della frequenza o dell’uso di corticosteroidi.

Che cos’è l’allergia alimentare e come viene trattata?

L’allergia alimentare o l’ipersensibilità alimentare possono svilupparsi per quasi tutte le componenti proteiche o di carboidrati del cibo. L’allergia alimentare può svilupparsi a quasi tutte le età e può produrre uno qualsiasi dei segni clinici tra prurito, disturbi digestivi e difficoltà respiratoria.

L’allergia alimentare in genere non risponde bene ai corticosteroidi o ad altri trattamenti medici. Il trattamento richiede l’identificazione degli alimenti scatenanti e la loro eliminazione dalla dieta. Il modo più accurato per identificare le allergie alimentari è una dieta di eliminazione. Poiché sono necessarie almeno otto settimane per eliminare tutti gli altri prodotti alimentari dal corpo, l’animale deve seguire la dieta speciale per otto-dodici settimane. Se si verifica una risposta positiva e un miglioramento dei segni clinici del tuo animale domestico, il veterinario ti consiglierà come procedere.

Tutti i cibi da tavola, le prelibatezze e le vitamine aromatizzate devono essere sospese durante il periodo di prova. Potrebbero esserci problemi con alcuni tipi di compresse masticabili o farmaci. Il veterinario ti consiglierà come fare una dieta specifica valida.

Che cos’è l’allergia da contatto?

L’allergia da contatto deriva dal contatto diretto con allergeni, come le piretrine che si trovano nei colletti delle pulci, i pesticidi usati sul prato, le erbe, i materiali come lana o sintetici usati nei tappeti o nelle coperte, ecc. Le allergie da contatto possono svilupparsi praticamente da qualsiasi cosa e a qualsiasi età.

Se il cane, il gatto o il cavallo è allergico a una di queste sostanze, ci saranno irritazioni e pruriti nei punti di contatto, di solito i piedi e lo stomaco. La rimozione dell’allergene (una volta identificato) spesso risolve il problema.

I sintomi delle allergie possono essere confusi con altri disturbi o manifestarsi contemporaneamente ad essi. Preparati affinché il tuo animale domestico riceva una valutazione diagnostica completa da un veterinario. Se viene diagnosticata un’allergia, tutta la tua famiglia deve seguire da vicino i consigli del veterinario per alleviare con successo il disagio del suo animale domestico.

Fonti: Vcahospitals.com e Sciencefocus.com

Potrebbe interessarti anche:

T. F.

 

Gestione cookie