Home Cani Il cane cerca di mordersi la coda: i tic nervosi e da...

Il cane cerca di mordersi la coda: i tic nervosi e da cosa dipendono

A volte il nostro cane gira su se stesso e cerca di mordersi la coda. Oppure fa altri movimenti strani. Ha dei tic, vediamo meglio.

Cane con tic
(Foto da Pixabay)

A volte il nostro cane fa dei movimenti strani e ripetuti, fino a sembrarci avere un vero e proprio tic. Ma le cause di tali movimenti possono essere relative a serie patologie che possono interessare vari organi. Bisogna perciò sapere cosa sia e come aiutare il cane.

Che cos’è

Ebbene sì, anche i nostri animali domestici soffrono di tic. A vedere il nostro cane che gira su se stesso cercando di mordersi la coda in corsa, per esempio, sembra anche divertente. Ma perché lo fa? Che cos’è il tic?

Il cane con il bastone
(Foto da Pixabay)

Secondo G. Guinon il tic è un <<movimento convulso, abituale e cosciente, risultante dalla contrazione di uno o più gruppi muscolari e che riproduce sovente, ma in modo intempestivo, qualche movimento riflesso o automatico>>.

In parole povere i tics sono dei movimenti involontari che non hanno un fine né, apparentemente, senso. Tuttavia il tic è sempre un sintomo di una causa patologica.

Tic di natura psicologica

Sono quei movimenti involontari in cui la causa è fortemente legata a problemi comportamentali dipesi da diversi fattori.

cane distrugge casa
(Foto da Pixabay)

Spesso a causare tics di natura psicologica sono:

  • ansia e stress accumulati a causa dell’ambiente in cui vivono (Sindrome da stress canina);
  • stress causato dalla vita in cattività o dalle ansie degli stessi padroni;
  • maltrattamenti;
  • stati depressivi;
  • condizione di cani sempre legati a catena;
  • comportamento ossessivo compulsivo: ce ne accorgiamo quando il cane è intento solo ad effettuare lo stesso movimento ripetutamente, ignorando del tutto i richiami del padrone. Sembra essere assente a se stesso e rispondere solo a ciò che i suoi muscoli gli dicono di fare:
  • si fissa per un oggetto;
  • mostra comportamenti nevrotici come quello di leccarsi continuamente una zona precisa del corpo;
  • manifesta ossessioni dopo il lutto del proprietario o dopo l’entrata in famiglia di un altro animale;
  • ha trasformato ciò che da cucciolo era un gioco in fissazione da adulto.

Potrebbe interessarti anche: Il cane distrugge gli oggetti in casa: può essere ansia da separazione

Tic di natura organica

Spesso dietro i tic di natura psicologica possono esserci cause di natura organica, ma anche il contrario: il nostro cane, un po’ come noi, è un essere vivente complesso in cui anima e corpo sono strettamente collegati.

Cane con epilessia
(Foto da Unsplash)

Tra le cause di origine organica possono esserci numerosi fattori scatenanti:

  • Sindrome dei tics convulsivi (Gilles de la Tourette): è classificata tra le sindromi episodiche della degenerazione ereditaria ed è caratterizzata da tics che degenerano in ossessioni e delirio fino ad arrivare alla demenza;
  • torcicollo spastico: bruschi movimenti involontari che colpiscono il tronco del cane;
  • nevralgia epilettiforme: è una nevralgia facciale che comporta dei tics dolorosi dei muscoli della faccia;
  • traumi a muscoli ed articolazioni;
  • convulsioni causate dal diabete;
  • malattie neurologiche del cane;
  • difficoltà di equilibrio dovuta a problemi neurologici come la distonia;
  • stato di avvelenamento, causato da veleno di serpenti, farmaci o altre sostanze;
  • malattie infettive come il cimurro nel cane od una semplice otite;
  • sindrome della testa tremula nel cane: una delle cause potrebbe essere una diminuzione temporanea di ossigeno al cervello (ipossia cerebrale);
  • spasmi convulsivi dovuti ad un’epilessia idiopatica;
  • sindrome vestibolare: colpisce gli organi dell’equilibrio, l’apparato vestibolare nell’orecchio interno (la causa potrebbe ben essere un’infezione causata da un forasacchi) ed il cervelletto (la causa del mancato equilibrio qui potrebbe essere un ictus, un’encefalite o infezioni che si sono estese fino al cervelletto).

Potrebbe interessarti anche: Tumori nel cane: classifica, sintomi e trattamento

Cosa possiamo fare per aiutare il nostro Fido

Principalmente, è sempre importante che non facciamo in modo che un comportamento manifestato dal cane inizialmente come passione diventi poi un’ossessione.

cane che gioca
(Foto da Adobe Stock)

Qualora il tic fosse scatenato da un comportamento ossessivo acquisito il veterinario ci consiglierà di certo piccoli accorgimenti da adottare:

  • se notiamo che il cane si fissa con un oggetto è bene distoglierlo, far sparire quell’oggetto;
  • spronarlo a fare molta attività fisica lo aiuterà certamente a non concentrarsi sempre su alcuni movimenti e lo porterà pian piano (mai forzarlo perché causeremmo altro stress al cane) ad allontanarsi dalla causa scatenante il tic;
  • fare in modo che nella sua alimentazione non manchino mai vitamine e minerali e soprattutto l’acqua;
  • mostrarsi calmi e rilassati e soprattutto pazienti.

Qualora, invece, la causa del tic fosse di natura patologica, magari agli accorgimenti sopra descritti, andrà aggiunta la giusta terapia che deciderà il veterinario e solo lui.

Michela