Home Cani Il cane ringhia contro il padrone? Vediamo perchè diventa minaccioso

Il cane ringhia contro il padrone? Vediamo perchè diventa minaccioso

Il cane è affetto puro per noi. Ma a volte diventa minaccioso. Scopriamo perchè e cosa fare quando il cane ringhia contro il padrone.

cane ringhia contro padrone
(Foto Pinterest)

Il cane ci regala un amore smisurato, a volte difficile da spiegare. Ma nonostante l’amore, la fiducia e la fedeltà che ci dimostra, capita alcune volte che il suo atteggiamento nei nostri confronti cambia, diventando addirittura minaccioso.

Quando il cane ci ringhia contro ci spiazza. Non riusciamo a comprenderne il motivo, e diventiamo avviliti e delusi. Ma se ad ogni sua azione esiste una reale motivazione, anche in questo caso esiste sicuramente un fattore scatenante.

Il cane diventa minaccioso: tutta colpa della dominazione

Ringhiare per il cane è una forma di comunicazione. Capita spesso che lo fa come segno di avvertimento o di difesa.

cane ringhia minaccioso
(Foto Pexels)

Generalmente proprio come tutti i cani, anche il nostro amico a quattro zampe vive una fase di ‘dominanza’, durante la quale è fondamentale per lui avere il controllo della sua posizione all’interno del ‘nucleo familiare’. E quando si sente minacciato, ringhiarci contro è un comportamento naturale.

Tendenzialmente, diventando adulto abbandonerà questa aggressiva forma di comunicazione, ma restano comunque situazioni nel quotidiano che la faranno riaffiorare. La più importante vede il cibo come protagonista.

Potrebbe interessarti anche: Il cane è aggressivo con i componenti della famiglia

Il cane ci ringhia contro: per proteggere il cibo

Per indole il cane tende a proteggere tutto ciò che considera suo, come i giochi, ad esempio. E ricordando che nasce ‘predatore’, è bene ricordare anche che in lui predomina il senso di ‘sopravvivenza’. Dunque proteggere il suo cibo è fondamentale.

cane ringhia quando mangia
(Foto Pixabay)

Ecco perchè quando Fido è intento a mangiare la sua pappa e noi proviamo ad avvicinarci a lui comincia ad innervosirsi, e a ringhiarci contro se non andiamo via. Ma perchè assume quest’aggressività che proprio non ci piace?

Nella mente del cane riaffiora il suo istinto predatorio e la non sicurezza del ‘quando’ potrà mangiare nuovamente. Per questo motivo, quando ci avviciniamo al nostro cane durante i pasti diventa aggressivo e comincia a ringhiarci contro: il lui scatta la paura che vogliamo sottrargli il cibo e difenderlo, proprio come se fosse l’ultimo, diviene priorità assoluta.

Potrebbe interessarti anche: Un trauma nel cane può influire sulla sua personalità e comportamento

Cosa fare per farlo smettere di ringhiare

Il cane nasce come animale ‘dominante’, non dobbiamo dimenticarlo mai. Dunque fondamentale è non farlo mai crollare in uno stato di sottomissione, di ansia e di stress.

cane cibo
(Foto Pixabay)

Quando il nostro cane ci ringhia contro durante i pasti, è assolutamente sbagliato alzargli la voce contro, peggio ancora se proviamo a togliergli il cibo o a punirlo per il suo fare minaccioso. Gli effetti saranno controproducenti.

Non solo rischiamo di farci aggredire in modo pericoloso, ma lo porteremo a non fidarsi più di noi.

Ma una cosa da fare c’è. Fargli capire che per il suo cibo noi non siamo un pericolo. Come? Adottando due infallibili strategie.

  • Per prima cosa durante il pasto dobbiamo abituarlo al ‘bis’. Quando sta mangiando, avviciniamoci lentamente a lui con un’altra piccola porzione di cibo e con discrezione, ma convinti, facciamogli capire che è per lui, aggiungendola nella ciotola. Questo farà capire al nostro cane che gli siamo vicini durante i pasti con l’unico intento di ‘aumentargli la dose di pappa’ e non  per portargliela via come lui pensa. Si fiderà di noi, inevitabilmente.
  • Seconda cosa, è far mangiare il nostro cane due volte al giorno. Questo gli metterà in testa che non dovrà aspettare tempi lunghissimi per il prossimo pasto, e che quindi non c’è motivo di proteggerlo.

Per un cane che non ci ringhia più contro durante i pasti: non il NO, ma il BIS.

Rossana Buccella