Home Curiosita A che età prendere un gattino? Tutti i consigli per portarlo a...

A che età prendere un gattino? Tutti i consigli per portarlo a casa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:04
CONDIVIDI

Quando vogliamo adottare un gattino, è comune vedere richieste per affidare gatti molto giovani. Ma a che età prendere un gattino senza che possa essere dannoso per il micio?

A che età prendere un gattino? Tutti i consigli per portarlo a casa
A che età prendere un gattino? Tutti i consigli per portarlo a casa nel momento migliore (Foto AdobeStock)

I gattini non dovrebbero essere inseriti in una nuova casa fino a quando non hanno almeno otto settimane. La relazione madre-gattino è vitale per lo sviluppo di un gattino; ed è in parte grazie alla mamma che i cuccioli diventano adulti sani e ben adattati. Sebbene i gattini inizino a mangiare solidi per 4-5 settimane, dipendono ancora dalla madre per cibo e calore fino a quando non hanno circa otto settimane ed è per questo che bisogna sapere a che età prendere un gattino. La loro mamma continuerà anche ad aiutarli a fare il bagno – non solo stimolando i loro movimenti attraverso le leccate ma anche mostrando loro come farlo da soli. I gattini imparano anche dai loro compagni di cucciolata – crescere attorno ai loro fratelli e sorelle sviluppa le loro abilità sociali. Senza di esse possono crescere paurosi, birichini o addirittura aggressivi.

Tempi di svezzamento dei cuccioli

gattino adobestock
Tempi di svezzamento dei cuccioli di gatto. (Foto AdobeStock)

Le mamme in genere iniziano a svezzare i loro cuccioli dal loro latte ad un mese di età. Questo non significa che questo è il momento ideale per portarli nella nuova casa, a che età prendere un gattino non di certo è questa. Il prossimo mese di vita è ancora pieno di elementi essenziali per un gattino in crescita, anche se non consuma il latte di sua madre per tutto il tempo.

Il processo di svezzamento di solito continua per circa un altro mese, fino a quando i cuccioli non saranno completamente svezzati tra le 8 e le 10 settimane di età. Durante questo periodo, i gattini occasionalmente continuano a nutrirsi tramite la madre, ma iniziano anche a mangiare cibo liquido per gattini

Il cibo liquido per gattini dovrebbe gradualmente diventare più denso fino a quando non si tratta di un cibo per gatti in scatola inumidito con acqua, o di crocchette per gattino inumidite. Durante il periodo di svezzamento di 4-6 settimane, il gattino consumerà sempre meno latte dalla madre. Abituare un gattino a mangiare cibo secco può richiedere del tempo, quindi il micio non dovrebbe essere forzato o affrettato.

Cosa succede se la mamma gatta non è nei paraggi?

gatta partorisce auto
Come svezzare un gattino se la mamma gatta non è nei paraggi? (Foto Pixabay)

Se la mamma gatta non è sopravvissuta al parto, o non è abbastanza sana per prendersi cura dei cuccioli, o è stata colpita da un’auto, o ancora se una cucciolata di gattini è stata abbandonata in un rifugio, i gattini possono comunque ricevere la nutrizione necessaria di cui hanno bisogno, e condurre una vita sana con l’aiuto degli umani. Alcuni rifugi possono usare una gatta in allattamento affidata per nutrire i cuccioli e farli socializzare, o dar loro da mangiare con l’uso del biberon con la formula di sostituzione del latte per gattini.

I gattini nutriti con il biberon non ricevono le stesse cure dagli umani come farebbero però da un gatto. I gatti insegnano ai loro cuccioli importanti abilità che non possiamo imitare in quanto umani. I mici nutriti con il biberon sono un grande impegno in termini di tempo, quindi se stiamo pensando di adottare un giovane gattino che va nutrito in questo modo, e che non ha la mamma gatto, prepariamoci a dargli da mangiare e pulirli spesso.

Rimuovere troppo presto un gatto dalla madre

Presentare un gattino ai gatti adulti
Il legame tra gattino e madre è fondamentale. (Foto AdobeStock)

A che età prendere un gattino diventa quindi un discorso legato anche al legame madre/figlio tra i mici. Se un gattino viene prelevato da sua madre e spedito in una nuova casa troppo presto, infatti, ci possono essere alcune gravi conseguenze per la sua salute fisica e mentale.

Le prime settimane di vita di un gattino sono essenziali per la sua salute e lo sviluppo del suo corpo. Il colostro e le sostanze nutritive nel latte materno sono responsabili del forte sviluppo osseo, della salute degli occhi e dello sviluppo completo degli organi, quindi se un gattino viene svezzato troppo presto, potremmo aumentare il rischio che il micio sviluppi più problemi di salute in seguito. Un gattino rimosso da sua madre troppo presto potrebbe aver bisogno di un’integrazione nutrizionale e di altre cure veterinarie nelle prime fasi della vita.

Oltre alle preoccupazioni per la salute, possono sorgere problemi comportamentali nei cuccioli che sono stati rimossi dalle loro madri troppo presto nella vita. Le mamme insegnano delle fondamentali lezioni dei loro cuccioli che useranno per tutta la vita, e rilasciano feromoni calmanti. I cuccioli che hanno lasciato le loro madri troppo presto potrebbero avere difficoltà a governare se stessi, non sapere come seppellire i loro rifiuti nella lettiera, giocare in modo troppo aggressivo, non sapere come cercare cibo, o avere altri problemi comportamentali.

gattino adobestock
Rimuovere troppo presto un gatto dalla madre può avere effetti negativi su di lui (Foto AdobeStock)

Un gattino che viene rimosso dalla madre troppo presto potrebbe anche avere difficoltà ad adattarsi alla sua nuova casa e ai suoi nuovi padroni. Crescere con una madre e compagni di cucciolata è una parte essenziale della socializzazione dei gatti. Senza un’adeguata socializzazione in giovane età, il gattino può diventare pauroso, birichino o addirittura aggressivo.

Inoltre, potrebbe non sapere come comunicare correttamente con altri gatti. Dovremo quindi passare una notevole quantità di tempo a lavorare con un gattino che non ha trascorso un tempo adeguato con sua madre e i suoi compagni di cucciolata. Ciò lo aiuterà ad adattarsi alla sua nuova casa e ad apprendere comportamenti appropriati.

A che età prendere un gattino, quindi? Idealmente, i cuccioli dovrebbero andare nella loro nuova casa intorno alle 12 settimane di età. Sebbene alcuni gattini possono andare in una nuova casa prima, più si aspetta fino a 12 o 13 settimane, migliore sarà il gattino. Le possibilità del nostro gatto di essere in buona salute, ben socializzate e adeguatamente sviluppate sono notevolmente aumentate permettendogli di trascorrere più tempo con sua madre e i suoi compagni di cucciolata.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello