Home Gatti Le malattie dei gattini: le 10 patologie più frequenti

Le malattie dei gattini: le 10 patologie più frequenti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:10
CONDIVIDI

Il tuo cucciolo è malato? Scopri come riconoscere le malattie che colpiscono più facilmente i gattini, come prevenirle e curarle.

Malattie gattini
Malattie gattini: quali sono le più frequenti e come riconoscerle per curarle

Un gattino piccolo è così indifeso! Vorremmo proteggerlo da tutto e non potremmo mai immaginare che possa venire colpito da qualche brutta malattia, ma purtroppo accade. Ecco perché è importante riconoscerle fin dai primi sintomi e portare subito il cucciolo dal veterinario. Per fortuna è possibile prevenire alcune di queste pericolose patologie e curarle. Sebbene non si possa definire di valenza medica, questo articolo sarà utile ai padroni inesperti a proteggere così i piccoli amici a quattro zampe.

Le malattie dei gattini: quali sono

I piccoli gattini possono contrarre diversi tipi di malattie: ciò è dovuto o all’attacco di batteri e parassiti oppure carenze nutrizionali che abbassano le difese immunitarie e rendono il fragile corpicino più esposto a virus e patologie. Per questo gli esperti consigliano le vaccinazioni e un calendario da osservare scrupolosamente. Infatti solo la prima visita dal veterinario può diagnosticare la malattia del piccolo amico a quattro zampe, dopo una approfondita visita. Vedremo in seguito nel dettaglio con quale sintomatologia si presentano le varie malattie, ma generalmente i gattini colpiti da esse presentano quasi tutti gli stessi sintomi: letargia, inappetenza, gonfiore, prurito eccessivo e senso generale di spossatezza.

Nel caso di malattie congenite, infettive virali o batteriche (dovute a pulci e parassiti) i gattini si ammalano per cause esterne; mentre se vi sono carenze dal punto di vista dell’alimentazione del cucciolo (pensiamo al momento dello svezzamento) il gattino sembra più a rischio.

Le malattie dei gattini: classificazioni

Si possono suddividere diversi campi patologici in cui rientrano le malattie più frequenti di un gattino: alcune sono scaturite dall’attacco di agenti esterni (virus e batteri), altre compromettono le funzioni respiratorie, altre ancora l’apparato gastrointestinale o infine quello oculare.

  • Malattie dei parassiti: si consigli sempre di sottoporre il gattino a un’operazione di sverminazione, per evitare il rischio di attacchi di vermi appunto come tenia, coccidi, ascaridi etc. Se invece il pelo è già stato attaccato dai parassiti si consiglia generalmente l’applicazione di un antiparassitario ma sempre dal secondo mese di vita in poi (meglio chiedere consiglio al veterinario!). I vermi possono colpire anche l’apparato auricolare, spesso sedimentandosi in evidenti macchie di colore scuro: quindi facciamo attenzione anche noi a questi importanti particolari da riferire all’esperto.
  •  Malattie respiratorie: un piccolo gattino può essere esposto a questo tipo di infezioni virali che, come un raffreddore, comportano perdita di muco e secrezioni dal naso e dagli occhi. Questo tipo di malattia non deve allarmarci più di tanto, ma è importante curarla prima che i sintomi peggiorino.
  • Malattie gastrointestinali: spesso i gattini soffrono di episodi di diarrea. Essa può essere causata da infezioni virali, oppure possono anche aver mangiato uno di quegli alimenti vietati nella loro dieta. Quando la diarrea si presenta frequentemente e con attacchi improvvisi è bene fissare una visita dal veterinario: il rischio è una forte disidratazione del gattino. Altrettanto importante è il gonfiore addominale, che segnala o un’infezione virale o la presenza di vermi nell’intestino.
  • Malattie oculari: spesso capita ai gattini che vivono insieme ad altri piccoli cuccioli di sviluppare e infettare i compagni. Le malattie oculari colpiscono l’occhio rendendolo gonfio, rosso, lacrimoso, con secrezioni che costringono il gattino a tenerlo chiuso. La congiuntivite nel gatto cucciolo può essere di origine virale o batterica: se non curata in tempo può portare anche alla cecità o a problemi polmonari.

Le malattie del gattino: le 10 patologie più frequenti

Perché i cuccioli sono così a rischio? Perché le difese immunitarie non sono ancora sviluppate e in grado di difendere il fragile organismo. Alcune malattie invece possono insorgere al momento del parto, in caso di prematuri, oppure un gattino sottopeso per carenze nutritive del latte materno. Può capitare che se i genitori sono ‘parenti’, la salute del gattino sia a rischio. Ecco un breve elenco di patologie che più frequentemente possono colpire un gattino e cosa può fare il padrone in attesa della visita dal veterinario.

Congiuntivite

Quando il gattino è affetto da congiuntivite i suoi occhi sono gonfi e cisposi. Generalmente i più colpiti sono i neonati di circa due settimane d’età e si presenta con perdite oculari di pus. Ma se le palpebre non si sono ancora dischiuse il pus non fuoriesce, in che modo possiamo renderci utili e alleviare le sue sofferenze? Magari armandosi di pazienza e delicatezza, per inumidire le croste con un batuffolo di cotone imbevuto di acqua tiepida o camomilla. Sarà il veterinario a consigliare e prescrivere farmaci antibiotici, magari sotto forma di pratica pomata da applicare agli occhi.

Onfaloflebite

Questa infiammazione deriva da un’infezione della zona sud-ombelicale che, se non curata in temo, può condurre a peritonite. La causa della malattie deriva spesso proprio dalla mamma che, leccando il suo cucciolo gli trasmette l’infezione. La stessa può verificarsi anche in condizioni igieniche scarse del luogo dove nascono i gattini. La zona dell’addome è gonfia, gli fa male e spesso cambia colore.

Malattie dell’apparato digerente

Quando le infezioni colpiscono l’apparato digerente si manifestano con: perdita di peso, dolori che costringono il gattino a lamentarsi, debolezza, pressione e temperatura basse, diarrea e anche la morte. Il veterinario, attraverso una complessa diagnosi può consigliare una terapia antibiotica mirata, se riesce ad individuare il batterio responsabile. Non è assolutamente consigliabile provvedere da soli alla cura del gattino, poiché anche un uso sconsiderato degli antibiotici può avere effetti devastanti sul suo piccolo organismo.

Infezioni dell’apparato respiratorio

Quando i primi sintomi si manifestano, solitamente è già tardi. Infatti i batteri che colpiscono il gattino possono o venire dall’esterno oppure dal suo stesso organismo. I sintomi non sono chiari, perché spesso non vi è traccia né di tosse né di raffreddore. Anche per queste patologie potrebbero essere prescritti degli antibiotici.

Diarrea

I gattini ne soffrono spesso perché il loro stomaco è delicato: dovrebbero mangiare in condizioni igieniche ottimali e avere sempre cibi nutrienti, soprattutto al momento dello svezzamento. Ma se riescono a rubare e mangiare un cibo che ha effetti tossici, essi devasteranno il suo stomaco. Infatti i piccoli di gatto non sono capaci di produrre batteri in grado di neutralizzare l’azione di quelli cattivi.

Malattie gattini
Malattie gattini: a tutte c’è una cura? Ecco quali sono le più rischiose e come evitarle

Infezioni urinarie

Difficile da diagnosticare, magari possiamo notare un certo fastidio e lamento del piccolo gatto quando deve fare pipì. Ma raccogliere le urine spesso non è un’operazione che viene in mente a molti padroni.

FIV

La malattia nota come FIV indica una malattia virale trasmessa attraverso i morsi e i graffi di esemplari individui infetti, oppure tramite l’accoppiamento. I gattini che nascono e vivono i primi giorni di vita all’aperto, magari anche quelli che non hanno subito sterilizzazione. La FIV è l’AIDS felina, che impedisce all’organismo di produrre difese immunitarie. Generalmente basta un test rapido per individuare la malattia, che compare o come conseguenza di infezioni secondarie o per attacco diretto del virus. Le cure non riusciranno a risolvere il problema, poiché non esiste ancora un vaccino, ma almeno a rendere meno sofferente la vita del gattino con farmaci antibiotici, vitamine, rinforzanti il sistema immunitario e cortisone. Per la FIV, purtroppo, non esiste ancora un vaccino.

Leucemia felina

Se il gattino entra in contatto con saliva e secrezioni nasali dei gatti infetti può sviluppare questa leucemia. Bisognerà anche evitare contatti con ciotole e accessori degli esemplari infetti. A differenza della FIV per la leucemia vi è un vaccino.

Acari dell’orecchio

Gli acari possono infestare le orecchie non solo dei gatti neonati, ma anche degli adulti e dei gatti anziani: infatti purtroppo non c’è età per questo tipo di infezione. Oltre ad essere aggressivi sono anche molto contagiosi. Naturalmente la zona colpita provocherà prurito e costringerà il piccolo a graffiarsi fino a infiammare la zona. I farmaci prescritti dal veterinario sono molto efficaci e di solito basta una sola applicazione. Anche una corretta pulizia delle orecchie elimina il pericolo di infezioni di questo tipo.

Pulci

I gattini sono spesso vittime delle pulci che, succhiando loro il sangue, rischiano di farli ammalare di anemia. Inoltre le pulci possono portare con sé altre malattie come Bartonella e Mycoplasma. Esistono in commercio efficaci antiparassitari e inoltre è bene procedere con una pulizia approfondita della casa e una eventuale disinfestazione.

LEGGI ANCHE: Malattie della pelle del gatto: quali sono, caratteristiche e cura

Malattie cardiache nel gatto: sintomi, cause e cure per i problemi di cuore

F.C.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI