Home Gatti Salute dei Gatti Socializzare un gatto timido o pauroso: i consigli degli esperti

Socializzare un gatto timido o pauroso: i consigli degli esperti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:03
CONDIVIDI

Come i cani, anche per i mici la socializzazione è fondamentale. E come socializzare un gatto timido o pauroso? Con calma e metodi ben precisi.

Socializzare un gatto timido
Socializzare un gatto timido o pauroso. (Foto Pexels)

La socializzazione è un passaggio fondamentale nella crescita e nell’evoluzione comportamentale degli animali domestici, cani e gatti in particolare. Ma ovviamente, a seconda del carattere del nostro animale potremmo avere bisogno di trovare un metodo più particolare in caso ci siano bisogni particolari. Socializzare un gatto timido o molto pauroso, può diventare complesso, ma non è impossibile. Grazie agli esperti comportamentalisti, è possibile imparare come procedere per socializzare il nostro micio, anche se un po’ chiuso di carattere.

La socializzazione dei gatti

gatto bicolore o tuxedo
Il gatto nervoso deve imparare a socializzare con metodi alternativi. (Foto Pexels)

I gatti possono sviluppare la paura di persone che non conoscono per molte ragioni. I nostri amici felini hanno personalità uniche, e alcuni sono semplicemente più estroversi di altri. Tuttavia, se un gatto è calmo e amichevole con la sua famiglia ma ha paura dei visitatori, è spesso dovuto al non aver avuto abbastanza esperienza nell’incontrare nuove persone quando era molto giovane.

Per essere socievole e a proprio agio con tutti i tipi di persone, un gatto deve avere frequenti opportunità di incontrare molte persone nuove e diverse, in circostanze piacevoli e senza stress, quando è ancora un gattino, specialmente tra le due e le sette settimane. I gatti che non hanno trascorso molto tempo con gli umani quando erano gattini, ad esempio ex gatti randagi, possono rimanere nervosi a contatto con le persone, per tutta la vita. 

Anche i gatti che hanno incontrato molte persone da cuccioli possono avere paura di tipi specifici di persone che non hanno incontrato molto spesso, come bambini, persone alte o uomini. Anche avere una brutta esperienza con una persona può rendere un gatto spaventato dagli umani. Questa paura potrebbe rimanere specifica per la persona coinvolta nella brutta esperienza, o potrebbe allargarsi per includere anche altre persone.

Altre possibili spiegazioni per il comportamento del nostro gatto? Qualsiasi improvviso cambiamento nel comportamento del gatto potrebbe indicare una condizione medica di base. Se notiamo cambiamenti fisici o comportamentali insoliti, o se il nostro micio smette di mangiare, è meglio consultare immediatamente il veterinario per escludere problemi di salute.

Come risolvere il problema

gatto chartreux
Il gatto può essere molto sospettoso delle persone sconosciute, se ha paura. (Foto Pixabay)

La prevenzione è la migliore medicina. Se abbiamo un gattino, è fondamentale dargli/le molte possibilità di incontrare nuove persone di età, dimensioni, forme, razze e generi diversi. Assicuriamoci che interagisca anche con persone che sembrano uniche per qualche motivo, come persone sulla sedia a rotelle, persone che indossano cappelli e occhiali, e persone con la barba. Ogni volta che il gattino si avvicina a una nuova persona, dobbiamo premiarlo con lodi, attenzioni, sessioni di gioco o premi in cibo.

Se abbiamo invece un gatto adulto che ha paura delle persone, il modo principale per aiutarlo a rilassarsi intorno agli ospiti è incoraggiarlo ad avvicinarsi molto gradualmente e dargli un sacco di premi lungo il percorso. Quando arrivano i visitatori, possiamo provare varie soluzioni, qui di seguito elencate.

  • Chiediamo agli ospiti di far avvicinare il gatto a loro, invece di avvicinarsi a lui/lei.
  • Chiediamo agli ospiti di accovacciarsi, o sedersi in modo che sembrino più piccoli e meno intimidatori per il gatto. Restare tranquilli ed evitare il contatto visivo diretto, renderà gli ospiti meno spaventosi per il micio.
  • Scegliamo qualcuno che il gatto ama e di cui si fida: sarà la persona che offrirà dei premi in cibo o lo incoraggerà a giocare, il più lontano possibile dai visitatori per far sì che si senta a suo agio.
  • Se il gatto non vuole uscire dal suo nascondiglio, proviamo a scuotere la scatola delle sue crocchette, o ad aprire una confezione del suo cibo, questo potrebbe convincerlo a uscire. Possiamo anche provare a chiudere le porte prima dell’arrivo dei visitatori in modo che il gatto non possa nascondersi in un’altra stanza.
  • Se il gatto può rimanere abbastanza calmo da mangiare o giocare a distanza dai visitatori, invitiamolo gradualmente ad avvicinarsi con premi in cibo o giocattoli. Se il gatto si avvicinerà a pochi metri dai visitatori, chiedi ai tuoi ospiti di lanciare delicatamente dolcetti o giocattoli per lui.
  • I gatti hanno periodi di attenzione piuttosto brevi. Il micio potrebbe preferire andarsene o nascondersi dopo pochi minuti. Lasciamolo andare e non sentiamoci scoraggiati, proviamo con un’altra breve sessione più tardi.
  • I farmaci anti-ansia potrebbero aiutare ad alleviare la paura del nostro gatto, specialmente se abbiamo ospiti frequenti, o se il micio è particolarmente spaventato. Contattiamo un comportamentalista veterinario certificato o il nostro veterinario, in tutti i casi, prima di dare al proprio gatto qualsiasi tipo di farmaco per un problema comportamentale.

Suggerimenti aggiuntivi

Gatto ama gli spazi piccoli
Gatto timido? Tanta pazienza e il giusto metodo. (Foto Unsplash)

Per socializzare il gatto timido, possiamo provare altri metodi. Cerchiamo di fornire sempre molti posatoi per il nostro gatto, come mobili, tiragraffi e strutture per gatti, mensole o letti per gatti montati a muro. Il micio potrebbe sentirsi più a suo agio osservando i visitatori da un punto elevato.

Esistono prodotti inodori per noi umani che simulano però odori rilassanti e naturali per il gatto. Sono pensati proprio per aiutare il micio a ridurre il suo nervosismo, grazie ai feromoni contenuti in essi. Potrebbe essere un’idea usare uno di questi spray in tutta la casa, prima dell’arrivo dei visitatori.

Se non riusciamo a nutrire o giocare con il gatto quando arrivano i visitatori, se stiamo organizzando un evento grande o rumoroso, o se il nostro micio ha troppa paura di avvicinarsi ai visitatori, possiamo organizzare un comodo rifugio per lui in una stanza tranquilla, con la porta chiusa. Forniamo al nostro pelosetto cibo, acqua, un letto e una lettiera. Lasciamo che il micio rimanga in questo tranquillo rifugio finché gli ospiti non se ne vanno. Durante la visita, andiamo di tanto in tanto nella stanza silenziosa per controllare il micio, e offrirgli delizie o giocare, ma teniamo sempre la porta chiusa e chiediamo agli ospiti di non entrare. È una buona idea mettere un cartello sulla porta come utile promemoria.

Cosa non fare assolutamente? NON dobbiamo mai forzare il gatto ad avvicinarsi a qualcuno di cui ha paura. Ciò aumenterà solo la sua paura e rischieremo solo che possa graffiare o mordere noi o i nostri visitatori.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello