Home Gatti Gatto pauroso? Ecco le possibili cause e tutti i rimedi per aiutarlo

Gatto pauroso? Ecco le possibili cause e tutti i rimedi per aiutarlo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:14
CONDIVIDI

Il tuo gatto ha paura di tutto e non sai come aiutarlo a superarla? Riconoscere i sintomi è il primo passo per affrontare il problema.

Gatto pauroso
Un gatto può nascondersi per la paura

Il gatto ha la fama di animale indipendente, dispettoso e talvolta pauroso per cause che ai nostri occhi possono sembrare incomprensibili. Se riusciamo a individuarle però è già un primo passo per affrontare il problema: armiamoci di pazienza e buona volontà e cerchiamo di capire quali sono gli oggetti o le situazioni che possono terrorizzarlo. I sintomi che mostrano sono piuttosto evidenti quindi basterà un po’ di attenzione per capire quali sono i motivi per cui il felino scappa improvvisamente sotto al letto.

Il gatto ha paura: come riconoscerlo

Segnali ben specifici ci indicano che il gatto ha un attacco di panico, ma naturalmente ogni felino lo dimostra a modo suo. In linea generale ci sono dei sintomi piuttosto comuni: se invece individuiamo un vero e proprio complesso nel gatto allora è fondamentale una visita dal veterinario per escludere turbe psichiche più gravi.

Comportamenti insoliti

Se il felino scappa improvvisamente sotto un mobile o cerca riparo sotto al letto è probabile che abbia visto qualcosa che gli ha messo paura. Il desiderio improvviso e ‘scattoso’ di cercare un rifugio da qualcosa o qualcuno, è uno dei sintomi principali della paura in un gatto. Attenzione a non trovarsi sulla sua via: se un gatto deve scappare potrebbe travolgere ogni cosa che incontra sulla sua strada.

Segnali fisici

Gatto con sguardo fisso per paura
Un gatto che ha paura può avere lo sguardo fisso

Nella faccia del gatto saranno evidenti alcune caratteristiche quali lo sguardo fisso e impietrito, le pupille dilatate e occhi spalancati. Le orecchie saranno abbassate e posizione accucciata, quasi fetale. Insomma sono tutti atteggiamenti che indicano una chiusura, una paura appunto.

Istinti incontrollabili

Gatto aggressivo
Il gatto può essere aggressivo quando è spaventato

Il gatto potrebbe anziché immobilizzarsi in una posizione fissa, aggredire con artigli affilati. L’istinto di attaccare il nemico non è necessariamente legato alla causa della paura, anzi potrebbe essere soltanto uno sfogo momentaneo di un gatto che in quel momento deve scaricare la sua ansia. Allo stesso modo potrebbe perdere il controllo delle sue funzioni vitali, come l’urinare e il defecare. Potrebbe farlo in luoghi insoliti e improvvisamente, come se non riuscisse appunto a trattenersi.

Il gatto ha paura: le possibili cause

Il gatto potrebbe avere alle spalle una storia di abusi e violenze oppure essere geneticamente predisposto a questo sentimento. Ecco una serie di cause che magari possono anche sfuggire all’occhio umano, ma che è necessario annoverare tra quelle più probabili.

Un cane

Tra gatto e cane, notoriamente, non corre mai buon sangue. Eppure talvolta i gatti possono essere davvero terrorizzati anche solo dalla presenza di un cane nei loro paraggi. Forse proprio la stazza fisica impedisce loro di restare calmi anche quando Fido in quel momento sta rivolgendo le sue attenzioni altrove. Sia che entri in una casa dove già abitava un cane, sia che quest’ultimo sia adottato dopo il felino sia quando lo incontra per strada, il micio potrebbe esserne sempre terrorizzato.

Un bambino

Anche un tenero umano potrebbe terrorizzare il nostro micio. Se al piccolo non è mai stato insegnato come relazionarsi a un felino, è probabile che lo tratti come se fosse un giocattolo, un peluche. Quindi è fondamentale che tra il bambino il gatto ci sia sempre un rapporto di rispetto, che di sicuro potrà scaturire in una meravigliosa amicizia. In caso contrario un bambino dispettoso e impertinente potrebbe pagare a sue spese le conseguenze delle sue, seppur inconsapevoli, azioni.

Una situazione stressante

Un viaggio col micio, un trasloco e qualsiasi altra situazione che cambi la routine del gatto potrebbe innervosirlo e fargli provare timore per qualsiasi cosa. Un posto nuovo, diverso da quello a cui è abituato come ad esempio la casa delle vacanze potrebbe creargli non poco disagio, oltre che mal d’auto. Bisogna dargli il giusto tempo per abituarsi alla realtà che lo circonda.

Rumori o visioni

Gli stimoli visivi, come ad esempio le ombre, oppure un rumore forte e improvviso come i botti di Capodanno potrebbero pietrificare il gatto dalla paura. Naturalmente potrebbe anche reagire graffiando e miagolando nervosamente: di solito se i rumori di casa non gli sono ancora del tutto familiari potrebbe innervosirsi.

Come calmare gatto spaventato

Se il gatto si trova a vivere una situazione insolita e poco piacevole è possibile che manifesti il suo disagio anche attraverso la paura. Dopo aver compreso meglio le cause che lo spingono a non ragionare più e ad avere dei comportamenti illogici, ecco quali sono i rimedi da adottare per rassicurarlo.

Lasciargli tempo e spazio

Se un nuovo animale o un nuovo umano ‘invade’ il suo territorio il gatto potrebbe esserne impaurito oltre che geloso. E’ sempre una questione legata al territorio: la casa e tutte le persone che la abitano appartengono a lui. E’ fondamentale che non si forzi in alcun modo la convivenza: è importante che i due imparino a stare insieme, ciascuno inizialmente in uno spazio separato.

Più coccole e attenzioni

Naturalmente un atteggiamento impaurito fa scattare istintivamente nel padrone la voglia di protezione. Facciamogli sentire la nostra presenza e aiutiamolo a superare il momento di disagio con tante carezze e coccole. Può aiutare anche trascorrere qualche ora in più in sua compagnia: quando si sarà stancato sarà lo stesso felino ad abbandonarci.

Il cibo preferito

Anche snack o i suoi cibi preferiti potrebbero essere un ottimo strumento per sciogliere la sua paura e fargli tornare la serenità. Magari proviamo a comprare delle crocchette da utilizzare solo in occasioni eccezionali e che di solito non sono inserite nella sua alimentazione: possono essere un rimedio ottimo per calmarlo.

Distrazioni per tenerlo occupato

Se il problema è un rumore esterno oppure un oggetto che non possiamo semplicemente allontanare dal suo sguardo è fondamentale dargli una distrazione: il gatto può essere occupato con diversi giochini fai da te oppure con alcuni oggetti fatti apposta per lui reperibili in una specifica sezione dell’Ikea. Insomma basta un po’ di buona volontà per tranquillizzarlo!

Contattare il veterinario

Se nessuna delle opzioni precedenti ha sortito l’effetto sperato è il caso di contattare l’esperto del settore. Egli potrebbe adottare dei rimedi farmaceutici oppure prescrivergli una cura rilassante specifica. In alternativa potrebbe essere anche utile l’erba gatta o oggetti a base di catnip per rilassare il nostro gatto.

F.C.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI