Home Gatti Salute dei Gatti Il sistema immunitario del gattino: consigli pratici per migliorarlo

Il sistema immunitario del gattino: consigli pratici per migliorarlo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:39
CONDIVIDI

Se un cucciolo di gatto non sviluppa delle forti difese fin dall’inizio, può essere in grossi guai. Quindi, come migliorare il sistema immunitario del gattino?

Il sistema immunitario del gattino: consigli pratici per migliorarlo
Il sistema immunitario del gattino: come migliorarlo (Foto Flickr)

Il sistema immunitario è il sistema di difesa dell’organismo contro i germi (ad esempio batteri e virus). I gattini hanno bisogno di un sistema immunitario funzionale per sopravvivere e questa prima immunità è fornita dalla madre (immunità passiva) e solo successivamente si svilupperà all’interno del gattino stesso. L’immunità passiva viene fornita attraverso il primo latte materno (chiamato colostro). Il colostro è ricco di proteine ​​chiamate anticorpi, che aumentano il sistema immunitario dei gattini una volta assorbiti nel corpo. Ma se un micetto non sviluppa un forte sistema immunitario, come agire?

Il sistema immunitario debole

La tenerezza del gattino di Manx Facebook
Il sistema immunitario debole del cucciolo (Foto Facebook)

I cuccioli nascono con un sistema immunitario immaturo che non è in grado di rispondere alle infezioni. Ciò significa che i cuccioli devono ottenere una certa protezione dalle loro madri dopo la nascita. Bere colostro (il primo latte della madre) nelle prime ore di vita potenzia il loro sistema immunitario, in modo che possano crescere sani.

Il colostro è ricco di anticorpi che possono essere assorbiti attraverso l’intestino di un gattino appena nato e nel sangue, fornendo loro anticorpi nei loro flussi sanguigni e fornendo immunità ad alcune malattie infettive. È incredibilmente importante che il gattino ottenga abbastanza colostro subito dopo la nascita, per consentire al cucciolo di sopravvivere. Se i gattini non ottengono abbastanza colostro, hanno un rischio più elevato di infezione, sepsi e isoeritrolisi neonatale.

Cos’è il colostro e cosa fornisce

gattino appiccicoso
Cos’è il colostro e cosa fornisce al gattino. (Foto Unsplash)

Il colostro è il latte prodotto da una mamma gatta per le prime 24 ore dopo il parto. È prodotto dalle ghiandole mammarie ed è generalmente leggermente bianco sporco o di colore giallo, ed è leggermente più denso del latte normale. È meglio che il gattino beva il colostro dalla propria madre, poiché avrà sviluppato l’immunità agli agenti infettivi nella zona in cui vivono.

Una fonte alternativa di questo importantissimo nutriente include il colostro di un’altra mamma gatta in buona salute, sebbene i gruppi sanguigni delle madri dovrebbero essere controllati, poiché esiste il rischio di causare anemia nei gattini, se i gruppi sanguigni non sono compatibili (noto come isoeritrolisi neonatale, di cui abbiamo accennato prima). Prima di usare una mamma gatta diversa, vale la pena parlare con un veterinario

Un’altra opzione è usare il siero (sangue separato) da un gatto adulto sano. Dovremmo comunque sempre discutere questa opzione con un veterinario. Idealmente, tutti i donatori dovrebbero vivere nello stesso ambiente dei cuccioli, in modo che il gatto abbia sviluppato l’immunità agli stessi germi con cui i cuccioli potrebbero entrare in contatto in quel determinato luogo.

Il colostro è ricco di energia, sostanze nutritive, fattori di crescita e anticorpi. Gli anticorpi potenziano il sistema immunitario del gattino, fornendo una protezione dalle malattie infettive fino a quando il suo sistema immunitario non si sviluppa e matura. Gli anticorpi forniscono protezione in due modi, legando direttamente i germi nell’intestino e anche assorbendoli nel flusso sanguigno.

Gli anticorpi presenti nel colostro possono essere assorbiti nel sangue solo per un breve periodo di tempo dopo la nascita (circa 24 ore). Dopo questo periodo, l’intestino non è più in grado di assorbire gli anticorpi. Il colostro è anche ricco di altri ormoni e fattori di crescita, che aiutano i gattini a crescere ed i loro organi a svilupparsi.

Come rafforzare il sistema immunitario del gattino?

malattie dei polmoni nel gatto
Come rafforzare il sistema immunitario del gattino? (Foto AdobeStock)

È importante cercare di far allattare al più presto un gattino, per garantire un buon assorbimento degli anticorpi dal colostro. Per assicurarsi che il colostro sia della migliore qualità possibile, è importante alimentare la mamma gatta con alimenti di buona qualità durante la gravidanza e l’allattamento, ed assicurarsi che sia completamente vaccinata. Se la mamma gatta non sta producendo latte o il gattino non sta succhiando, potrebbe essere necessario parlare con un veterinario in merito alla somministrazione del siero del gattino appena nato per fornire protezione.

Quando nasce un gattino il loro sistema immunitario è immaturo (cioè debole), il che significa che non sono in grado di rispondere correttamente alle infezioni. Un gattino ottiene un’immunità dal colostro della madre sotto forma di anticorpi, che aiutano a proteggere il micio dalle infezioni a cui la mamma è stata precedentemente esposta.

Man mano che un gattino cresce e matura, il suo sistema immunitario si sviluppa e diventa più forte, il che significa che il suo stesso corpo può rispondere alle infezioni. Man mano che il sistema immunitario del gattino si sviluppa, l’immunità acquisita dalla madre svanisce, di solito nel periodo in cui sarebbe raccomandato effettuare le dovute vaccinazioni.

Alternative al colostro

gattino
Quali alternative al colostro per il gattino? (Foto Pixabay)

È importante assicurarsi che il gattino riceva abbastanza colostro e allatta bene dalla madre entro le prime ore dopo la nascita. Se una mamma gatta non produce latte, potremmo voler parlare con un veterinario di come puoi aiutare.

Le alternative al colostro della madre sono: il colostro di un’altra mamma gatta che ha appena partorito, o il siero di un gatto adulto sano. È meglio parlarne con un veterinario, poiché potrebbe essere necessario controllare i gruppi sanguigni dei gatti per assicurarsi di non causare anemia nei gattini. Non è una buona idea usare il colostro di un’altra specie, ad esempio di un cane o una mucca.

In caso di dubbi sul cucciolo, è sempre meglio parlare con un veterinario sui modi in cui lo possiamo aiutare. Ciò può includere la richiesta di come incoraggiare il lattante, o cosa fare se la mamma gatta non sta producendo latte, o non sta permettendo ai cuccioli di allattare. Quando pianifichiamo una gravidanza, dovremmo anche assicurarci che la mamma gatta sia completamente vaccinata. Parliamo con un veterinario di come regolare la dieta della mamma gatta per assicurarci che produca il colostro della migliore qualità possibile.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello