Home Curiosita Colorazioni dei polpastrelli nel gatto: quali sono e come cambiano

Colorazioni dei polpastrelli nel gatto: quali sono e come cambiano

Non sono tutti uguali: quali sono le colorazioni dei polpastrelli nel gatto, come cambiano a seconda della razze e tutte le curiosità su di loro.

Colorazioni dei polpastrelli nel gatto
(Foto AdobeStock)

Gommosi, morbidi e…colorati: quali sono le colorazioni dei polpastrelli nel gatto e come cambiano a seconda della razza? Questa ed altre curiosità sui noti ‘gommini’, preziosi per il felino e tanto amati dal loro padrone. Da cosa dipende il loro colore e in che modo è correlato al pelo del Micio: ecco tutto quello che si dovrebbe sapere sull’argomento.

Polpastrelli del gatto: curiosità su di loro

Oltre a fungere da ghiandole sudoripare nel felino, questi cuscinetti sono anche fondamentali per ‘attutire’ il tonfo delle sue cadute e i salti talvolta da altezze molto importanti, che sarebbero fatali per gran parte degli altri animali. Inoltre fungono anche da ‘impronte digitali’, poiché proprio lasciando minime tracce di sudore, i felini marcano il territorio che considerano proprio.

Zampe del gatto (foto Pixabay)
(foto Pixabay)

Sono particolarmente sensibili e ma anche molto resistenti all’asfalto rovente, ma anche ai graffi dovuti ai sassi e altro. Possono ferirsi o tagliarsi ma il più delle volte sono resistenti appunto, tanto da essere ottimi ammortizzatori.

Inoltre Micio le ‘usa’ per lavarsi e raggiungere quelle zone del corpo difficili da pulire, come ad esempio le orecchie e il collo; lasciano anche tracce del loro passaggio e messaggi ai loro simili, tramite il rilascio di feromoni.

Potrebbe interessarti anche: Cosa fare se noti una ferita al cuscinetto nel gatto: come curare le lesioni ai polpastrelli

Colorazioni dei polpastrelli nel gatto: quali sono

Probabilmente siamo abituati a vederli sempre e solo rosa, ma non è sempre così: possono essere anche grigi o comunque in colori che vanno dal rosa al grigio, dal nero al blu o al color lavanda. Possono addirittura essere bicolori, ovvero in parte rosa e in parte neri (o comunque più scuri).

zampe fredde gatto
Zampe fredde nel gatto (Foto Adobe Stock)

Il colore dunque non è lo stesso per tutti i gatti, ma dipende dalla razza e dal suo pelo: infatti p la quantità di melanina nella pelle a definire il colore, che può non restare lo stesso dalla nascita all’età adulta.

Potrebbe interessarti anche: Ecco cosa fare se iuscinetti del gatto sono screpolati e secchi: cause e rimedi

Dunque abbiamo già detto che dipende dalla razza e dal pelo del felino, ma è anche vero che lo stesso gatto può cambiare il colore dei gommini in base all’età (anche il naso del gatto cambia colore o gradazione).

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Antonio D’Agostino