Home Curiosita Curiosità sulle orecchie del gatto: tutto ciò che forse non sai

Curiosità sulle orecchie del gatto: tutto ciò che forse non sai

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:20
CONDIVIDI

I felini si possono identificare dalla forma delle loro orecchie, ma sapevate che queste ultime servono anche ad altro? Ecco alcune curiosità sulle orecchie del gatto.

orecchie gatto
Curiosità sulle orecchie del gatto: tutto ciò che forse non sai (Foto Pixabay)

I felini sono animali davvero affascinanti e ogni piccola parte del loro corpo presenta un funzione importante. Infatti il naso e gli occhi ricoprono un ruolo fondamentale per l’ottimo olfatto e vista del micio. Ma nonostante ciò anche l’orecchio del gatto nel suo piccolo rappresenta un ruolo fondamentale nella vita del felino.

Infatti oltre ad essere sede di un ottimo udito, le orecchie del gatto presentano molte altre funzioni che forse voi non conoscevate affatto. Ecco alcune curiosità sulle orecchie del gatto.

Potrebbe interessarti anche: I sensi speciali del gatto: quali sono e perché sono particolari

Orecchie del gatto: 8 curiosità che forse non conoscevi

Morbo di Bowen
(Foto Pixabay)

Presentano 32 muscoli

Nelle orecchie dei gatti, nonostante siano piccole, sono presenti 32 muscoli. Questi ultimi sono utili al micio per identificare la provenienza del suono. Inoltre i felini possono persino ruotare le orecchie a 180° per rilevare la direzione del più piccolo suono o fruscio.

Udito molto sviluppato

Il senso dell’udito nel gatto è cinque volte più forte di quello di un essere umano. I felini sono capaci di distinguere i suoni in tonalità più alte rispetto ai cani, ed inoltre riescono a percepire due suoni che vengono da direzioni diverse. I gatti più giovani riescono a percepire da che parte viene il suono o il rumore, grazie alla loro capacità di ruotare le orecchie a 180°.

Aiutano il gatto a rimanere in equilibrio

All’interno dell’orecchio del felino sono presenti tre canali pieni di liquido e ricoperti di peli. Questi ultimi, ad ogni movimento del fluido, inviano un messaggio al cervello del gatto informandolo in del suo tipo di movimento. Il vestibolo invece trasmette le informazioni sulla posizione del corpo del micio, se è capovolto, sdraiato su un fianco. Grazie proprio a questi canali e al vestibolo, il felino è capace di atterrare in piedi quando cade, anche se non capita sempre.

Fungono da barometro dell’umore

La posizione delle orecchie del gatto possono indicare una varietà di emozioni, basta semplicemente osservarle. Infatti quando micio è tranquillo presenta le orecchie erette, se invece il gatto è nervoso o ha paura presenta le orecchie abbassate verso la testa.

Potrebbe interessarti anche: Cosa vuole dirci il micio? Capiamolo con un pratico dizionario gatto / uomo

Nascono tutti sordi

Nanismo del gatto
(Foto Pixabay)

Tutti i gatti, compresi il vostro, nascono sordi. Questo perché il canale uditivo del felino quando nasce è chiuso, e si apre solo dopo circa 9 giorni dalla sua nascita. Quando micio avrà circa 2 settimane riuscirà ad orientarsi girando la testa dove percepisce il suono, mentre al compimento di un mese il gatto sarà in grado si distinguere i vari suoni.

Le mutazioni geniche causano strane forme dell’orecchio

Alcune specie di gatto presentano forme strane dell’orecchio. Come per esempio lo Scottish Fold che ha le orecchie appiattite e l’American Curl che invece presenta orecchie ripiegate. Ciò è dovuto alla mutazione di geni che costituiscono la cartilagine che mantiene erette le orecchie del felino.

Meccanismo autopulente nei canali auricolari

I canali auricolari dei felini hanno un meccanismo autopulente, quindi non c’è alcun bisogno che voi puliate le orecchie del vostro micio. Inoltre se provate a pulire le orecchie del vostro gatto potreste procurargli dei problemi.

L’importanza dei ciuffi nell’orecchio

Tutti i gatti presentano dei ciuffi nell’orecchio, chi di più e chi di meno. Ma vi siete mai chiesti se questi peli servono a qualcosa, oltre a rendere il micio più bello? Bene! I ciuffi presenti nelle orecchie del micio sono molto importanti, in quanto oltre ad evitare che entrino detriti nell’orecchio, indirizzano il suono al suo interno.

Marianna Durante