Home Curiosita Perché il gatto vuole carezze mentre mangia? Cosa bisogna sapere

Perché il gatto vuole carezze mentre mangia? Cosa bisogna sapere

Il gatto vuole carezze mentre mangia ed è un desiderio comune in molti felini. Vediamo di scoprire perché, a volte, il nostro peloso non può fare a meno di essere accarezzato dal padrone durante i suoi pasti e cosa può significare per lui.

Il gatto vuole carezze mentre mangia
(Foto Pixabay)

Uno dei comportamenti più particolari e affettuosi del nostro micio è quello di volerci accanto quando deve mangiare. Non è una caratteristica di tutti i gatti e quando capita può farci piacere, perché vuol dire che il felina prova affetto per noi. Ma se questa richiesta di coccole durante il pasto diventa troppo frequente, può rivelarsi un problema anche per il padrone. Vediamo di capire, quindi, perché il gatto vuole carezze mentre mangia e perché sono così importanti per lui.

Il felino e il suo linguaggio: come comunica con noi

Il nostro amato e fascinoso micio ha un modo tutto suo di parlare con noi. Il linguaggio felino è, il più delle volte, enigmatico per il suo padrone. Vediamo come si esprime il gatto e cosa vuole dirci a seconda della situazione.

Le carezze per il gatto
(Foto Pexels)

Avere un micio come compagno domestico non è sempre semplice. Il rapporto tra noi e il nostro peloso può avere delle difficoltà a livello comunicativo, a maggior ragione se parliamo di un animale complesso e unico come il felino. Molti studi su questa creatura hanno confermato che ha un modo particolare di esprimersi con il suo amico umano, fatto di sguardi, miagolii e posture specifiche, che non sono sempre semplici da tradurre. Quali sono i comportamenti tipici del gatto quando vuole dirci come si sente e di cosa ha bisogno?

Il felino comunica molto attraverso le sue espressioni facciali. Guardando il volto del nostro micio, infatti, possiamo capire qual è il suo stato d’animo, focalizzandoci sul suo sguardo, sulla bocca e sul modo in cui muove le orecchie. Se il gatto è particolarmente teso, ad esempio, avrà lo sguardo socchiuso e le orecchie tenderanno a piegarsi verso la testa. Se è molto nervoso, invece, il micio avrà le pupille dilatate e le orecchie appiattite sulla testa. Ci sono, poi, delle azioni feline dall’intento abbastanza chiaro di cui bisogna tenere conto. Eccone alcune.

Alcuni comportamenti del nostro peloso sono dei messaggi precisi su quello che prova e su cosa vuole da noi. Prestare attenzione al linguaggio del suo corpo è importante per instaurare un buon rapporto di comprensione tra entrambi. Quando il gatto agita la coda da un lato all’altro, per esempio, significa che è molto agitato e vuole essere lasciato solo, il che implica l’intolleranza alle nostre carezze. Se insistiamo in un avvicinamento, potremmo solo rischiare di renderlo ancora più nervoso, con il pericolo di attaccarci. La coda è indice della sua condizione e del suo stato d’animo, prestiamole attenzione.

Se isieme a questo atteggiamento, il gatto soffia forte e miagola insistentemente, significa chiaramente che vuole restare solo e che non vuole essere toccato. Dobbiamo capire che, quando il nostro gatto è tranquillo e sereno, sarà lui a fare il primo passo e a cercare la nostra presenza. Il micio adora girarci intorno quando è calmo e ha bisogno di tutto l’affetto, dopo ore in cui siamo stati assenti. Al felino piace ricercare le coccole dal padrone quando ne sente davvero il desiderio, non è questione di egoismo o freddezza nei confronti del suo umano. Ha solo tempi e bisogni particolari, tipici della sua natura.

Quando si tratta di cibo e alimentazione, il gatto comunica molto col padrone umano nel momento della nutrizione. L’alimentazione del felino è un altro punto importante per capire le emozioni dell’animale e il suo modo di esprimerle con noi, oltre che conoscere il suo stato di salute. Scopriamo di più nell’articolo.

Potrebbe interessarti anche: Come e dove non accarezzare il gatto: i segnali per capirlo

Il micio vuole carezze mentre mangia: i motivi per cui ci vuole vicino

In apertura all’articolo, abbiamo accennato al desiderio del felino di ricevere carezze mentre mangia. Ma perché si verifica questo comportamento nel micio? Cosa ci sta dicendo?

Il gatto vuole le carezze
(Foto Pexels)

Può succedere, in un suo periodo particolare, che il nostro peloso ci chieda più volte di accarezzarlo mentre mangia i suoi pasti. Se vi è già successo, vi sarete chiesti perché le desidera proprio durante la sua pappa. Bisogna sapere che, contrariamente ai cani, ad esempio, il gatto vuole carezze mentre mangia e ama essere coccolato affettuosamente dal suo padrone. Il significato di questo gesto è del tutto positivo per noi. Quando il micio fa questa richiesta al padrone mentre si nutre, significa che prova affetto per lui e, cosa ancora più importante, che il gatto si fida di lui.

Avere accanto il proprio padrone umano mentre si avvicina al cibo è, per il micio, una forma di protezione e amore. Ricevere delle coccole tra un morso e l’altro del suo cibo, gli permette di mangiare tranquillamente, libero da pensieri di minacce e pericoli intorno a lui. La nostra presenza, quindi, è sinonimo di sicurezza e famiglia. Il micio ci vede come la mamma che offre da mangiare ai suoi cuccioli, come la figura protettiva che aveva quando era piccolo. Il momento del pasto è l’occasione ideale per un felino di rafforzare e godere dell’amicizia con l’umano, in particolare se si tratta dei primi incontri in casa.

Questa strategia d’affetto è consigliata con il gatto un po’ irrequieto. Proviamo ad avvicinarci dolcemente al micio mentre mangia e ad accarezzarlo piano. In questo modo, possiamo abituare il felino a ricevere, col tempo, carezze e coccole durante i pasti e a lasciarsi andare nel rapporto con noi anche durante il resto della giornata.

Ilaria G