Home Curiosita Perché alcuni animali dormono tanto: le ipotesi scientifiche sul loro sonno

Perché alcuni animali dormono tanto: le ipotesi scientifiche sul loro sonno

Perché alcuni animali dormono tanto e quanto di più rispetto agli altri? Come la scienza spiega il sonno di alcuni animali e sulla sua durata variabile.

Perché alcuni animali dormono tanto
(Foto AdobeStock)

Vedete sempre i vostri amici a quattro zampe poltrire in casa? Vi farà ‘piacere’ sapere che non sono i soli in natura e che non è la vostra casa ad essere particolarmente noiosa e soporifera per loro. Ci sono tanti animali che passano gran parte delle loro giornate a dormire. Ma perché alcuni animali dormono tanto e lo fanno decisamente per più ( o meno, dipende dai casi) ore rispetto agli altri? Tutto quello che la scienza ha da dire sul sonno di alcuni animali.

Il sonno degli animali: qualche accenno in generale

Credete che solo noi umani abbiamo il ‘diritto’ di riposare o utilizziamo il sonno per ricaricare le nostre energie da impiegare in un’intera giornata? Invece no, anche i nostri amici animali dormono tanto e ognuno a modo loro (sia come quantitativo di ore, sia per posizioni assunte).

Koala che dorme
(Foto Pixabay)

Se all’uomo si consigliano circa 8 ore di sonno al giorno, per gli animali non esistono ‘limiti’ di orario (a meno che non ci sia qualche impegno improrogabile che impone loro il padrone). Nel caso di cani e gatti, gli animali più diffusi nelle nostre case, si tratta comunque di un numero di ore maggiore dedite al sonno rispetto a quelle umane: per il cane circa 10 e per il micio anche di più.

In particolare è la fase REM (il momento in cui sogniamo, per dirla in parole povere) ad essere più lunga negli animali. Per quanto riguarda il modo di dormire, ogni animale assume posizioni che riflettono, in un certo senso, le sue origini: il micio, da sempre più indipendente, si arrotola su sé stesso e preferisce i posti al caldo, anche se lontani dal suo umano. Fido al contrario tende sempre ad ‘attaccarsi’ al suo padrone, così come faceva con mamma cagna.

Perché alcuni animali dormono tanto: cosa dice la scienza

In realtà una vera e propria risposta definitiva non è ancora arrivata, ma ci sono diverse ipotesi sulla durata e sulla qualità del sonno degli animali. Pare che una delle spiegazioni al sonno animale sia quella di ‘conservare’ bene e in forma i loro corpi, come se le ore di riposo lo rigenerassero.

Perché alcuni animali dormono tanto
(Foto Pixabay)

Ma allora perché un animale come il koala può dormire fino a 22 ore, mentre un elefante si limita a riposare solo 2 ore al giorno? Secondo la rivista Nature del 2005 più aumenta la taglia dell’animale e minore è la necessità di sonno e riposo. Il motivo è da ricercarsi nel tempo che impiega ciascuno di questi animali a cercare cibo di cui sfamarsi: in particolare gli erbivori impiegano tante ore della giornata a procacciarsi il cibo di cui sfamarsi.

In alcuni casi però la Scienza ammette che anche il fattore ‘noia’ può avere la sua valenza: in particolare gli animali domestici, quando non hanno molto da fare oppure sono soli e non hanno troppi svaghi in casa, tendono a dormire. Non riesce difficile crederlo in fondo: un cane annoiato ha comunque un pasto assicurato, non deve procacciarsi il cibo da solo, può godere di luoghi asciutti, caldi e tranquilli … pare che tutto induca al totale relax!

Perché gli animali dormono tanto: a che serve dormire?

Tra gli animali che dormono di più è importante capire qual è lo scopo di tante ore di sonno. Anche su questa questione il dibattito scientifico è ancora aperto, ma diciamo che vi è una sorta di organizzazione interna ai vari ‘gruppi’ animali quando è arrivato il momento del relax (almeno per alcuni).

Perché alcuni animali dormono tanto
(Foto Pixabay)

Pensiamo ai nidi di insetti come i calabroni: uno di loro dorme e gli altri fanno la guardia, contro le possibili aggressioni esterne. Ciò non accade per le vespe, che invece riposano tutte insieme per ricaricare le energie, ma senza alcuna protezione contro eventuali pericoli.

Nel caso delle tartarughe delle Galapagos il ritmo biologico del sonno appare invertito rispetto al nostro: dormire di giorno serve per recuperare le forze necessarie per andare in giro di notte a cercare il cibo (da consumare alla luce del sole).

Insomma pare che il sonno non sia uguale per tutti, ma soprattutto manca una spiegazione oggettiva che possa spiegare questo immancabile (seppur breve) momento di totale relax.

Francesca Ciardiello