Home Cani Come scegliere il guinzaglio giusto per il cane: i fattori da considerare

Come scegliere il guinzaglio giusto per il cane: i fattori da considerare

Come fare a scegliere il guinzaglio

Scegliere il guinzaglio giusto per il cane
Quali sono i fattori per scegliere il guinzaglio giusto? (Foto Flickr)

Tra i fattori più importanti su cui basare la scelta del guinzaglio giusto per il nostro cane, i più importanti sono le dimensioni del nostro pelosetto e la sua età. Non è il caso di usare un guinzaglio molto ingombrante e pesante per un cane toy, in fondo.

Per i cani di piccola taglia ed i cuccioli, la scelta migliore è un guinzaglio morbido, di corda o tessuto, o anche con una leggera e piccola catena. I cani più grandi invece, devono avere guinzagli resistenti, in modo che non possano spezzarli. Se riuscissero  a spezzare il guinzaglio, potrebbero scappare e mettere in pericolo le persone, sé stessi, e noi.

Ricordiamo ancora che alcuni guinzagli possono ferire le mani se afferrati all’improvviso a causa di un movimento brusco del cane o un tentativo di fuga: ad esempio, i guinzagli in nylon, che possono provocare tagli nella pelle se sfregati in queste situazioni.

Potrebbe interessarti anche: Il guinzaglio retrattile è pericoloso per noi e i nostri cani?

Altri fattori da tenere a mente

Andare in bici con il cane
Esistono anche modelli specifici, come i guinzagli per bici. (Foto AdobeStock)

D’altro canto, ci sono altre caratteristiche da tenere d’occhio nella scelta di un guinzaglio: praticità e manegevolezza. Un guinzaglio più leggero e sottile, come ad esempio un guinzaglio in nylon, può essere certamente comodo perché occupa un ingombro davvero minimo, ma non è sicuro nell’impugnatura come può essere un guinzaglio in cuoio.

Inoltre, non dobbiamo dimenticare che ci sono regole precise anche sull’utilizzo del guinzaglio. Per legge, la lunghezza del guinzaglio deve essere di 150 cm, per permettere così ai cani anche più piccoli (o anche i cuccioli) di essere portati a spasso senza doversi piegare, ma allo stesso tempo permette ai cani di muoversi senza restrizioni eccessive.

Esistono tanti tipi specifici di guinzagli, per gli usi più particolari, come quelli per attività sportive. Un esempio sono i guinzagli per biciclette, che hanno un insieme di agganci adatti ai ciclisti che vogliono passeggiare con il loro cane.

I guinzagli che troviamo in commercio hanno misura variabile, e possono essere di due tipi:

  • Allungabili: hanno due moschettoni, e vari anelli (due o tre, di solito) in metallo per agganciare il secondo moschettone se vogliamo aumentarne la lunghezza massima.
  • Estensibili: con un meccanismo a molla è possibile riavvolgerli automaticamente. Questi guinzagli sono molto lunghi, anche una decina di metri, a seconda del cane per cui vengono utilizzati, così da permettere all’animale di muoversi senza problemi anche in grandi spazi, e allo stesso tempo riavvolgendosi in automatico quando si riavvicina al padrone. Ci sono poi blocchi per fissare la lunghezza massima se serve.

F. B.