Adottare un gatto Safari: carattere, stile di vita, proprietario ideale

Foto dell'autore

By Laura Bellucci

Gatti

Ecco tutto quello che bisognerebbe sapere prima di adottare un gatto Safari: scopriamo se si tratta della razza felina adatta a noi.

Adottare Safari
(Foto Instagram)

Il Safari è un gatto davvero ammaliante: se stai pensando di adottare questo micio, dovresti considerare alcuni fattori prima di compiere il grande passo. Esploriamo l’universo felino di questo quattro zampe, per capire la sua indole, le sue abitudini e tutti i bisogni da soddisfare per renderlo felice.

Quanto costa un cucciolo di Safari?

Il primo aspetto da prendere in considerazione se vogliamo adottare un gatto Safari è quello economico.

Alimentazione Safari
(Foto Instagram)

Gli esemplari di questa razza sono estremamente rari e poco diffusi, poiché tendenzialmente i maschi hanno problemi di fertilità.

Non a caso, in Italia non esistono allevamenti di gatto Safari. Per questo, è difficile stabilire con certezza il prezzo per un cucciolo di questa razza.

Il miglior consiglio è quello di rivolgersi direttamente ad una struttura specializzata. Al costo del micio, naturalmente, dovremo sommare le spese di trasporto e quelle per il suo mantenimento.

Queste ultime, in linea di massima, si aggirano intorno ai 40-50 euro al mee.

Potrebbe interessarti anche: Giardino in sicurezza per il gatto: ecco cosa fare

Adottare un gatto Safari: carattere e proprietario ideale

Prima di adottare un gatto Safari, dovremmo scoprire di più sul suo temperamento, per comprendere se il micio è compatibile con il nostro carattere e col nostro stile di vita.

Safari
(Foto Pinterest)

Gli esemplari di questa razza sono incredibilmente intelligenti e perspicaci. Per questo, amano dedicarsi ad esplorazioni e giochi di intelligenza.

Le loro origini selvatiche li rendono dei quattro zampe impavidi, fieri e molto attivi. Per questo, il loro proprietario ideale dovrebbe essere una persona amante del movimento ed energica.

Il Safari va d’accordo con bambini e altri animali? Rispondere a questa domanda non è semplice, in virtù della rarità di questo quattro zampe.

Il miglior consiglio è di osservare il micio prima di acquistarlo, per capire il suo modo di relazionarsi con persone di varie età e altri pelosetti.

Una volta a casa, poi, il felino dovrà essere adeguatamente socializzato mediante un periodo di addestramento.

In ogni caso, viste le sue dimensioni – che possono raggiungere facilmente i 10 kg – si consiglia di sorvegliare sempre gatto e bambino durante i momenti trascorsi fianco a fianco.

Potrebbe interessarti anche: Come realizzare un catio esterno per il gatto: idee e foto

Bisogni e stile di vita del micio

Infine, per decidere definitivamente se adottare un Safari oppure no, non ci resta che scoprire quali sono le esigenze del felino da soddisfare.

Curiosità Safari
(Foto Pinterest)

Come abbiamo anticipato, gli esemplari di questa razza hanno una vitalità travolgente. Per questo motivo, per non annoiarsi, correndo il rischio di sviluppare problemi comportamentali, hanno bisogno di una routine stimolante e avventurosa.

Da non sottovalutare è l’importanza dell’habitat dell’animale: occorrerà progettare un arricchimento ambientale, che renda l’ambiente destinato ad ospitare il micio ricco di attività.

A questo proposito potremo ricorrere ad accessori come tiragraffi, giocattoli, percorsi, mensole rialzate, tunnel e tanto altro.

Altrettanto utile, poi, sarebbe mettere a disposizione del felino una zona all’aria aperta: in mezzo alla natura il micio potrà correre, saltare, arrampicarsi e sfogare tutte le sue energie.

Attenzione alla messa in sicurezza dell’area: è importante che tutto l’ambiente sia completamente recintato, per evitare che l’animale possa scappare, correndo il rischio di essere investito, rubato o maltrattato.

Pensi che questo quattro zampe sia l’amico peloso che fa al caso tuo, e non vedi l’ora di adottarlo? Allora non perderti il nostro articolo con tutte le curiosità da scoprire sul Safari.

Qui troverai chicche, aneddoti, informazioni sulle sue origini, consigli sul nome perfetto da scegliere e tanto altro.

Gestione cookie