Home Gatti Alimentazione Gatti Alimentazione forzata del gatto: cosa è, quando è necessaria e come si...

Alimentazione forzata del gatto: cosa è, quando è necessaria e come si pratica

Talvolta può essere assolutamente necessaria: quando si pratica l’alimentazione forzata del gatto e in cosa consiste.

Alimentazione forzata del gatto
(Foto AdobeStock)

Quando un gatto ha problemi a mangiare da solo ha bisogno di un aiuto: sarà necessario per la sua stessa sopravvivenza! In cosa consiste dunque l’alimentazione forzata del gatto e in che modo riesce a nutrire il nostro dolce felino domestico? Tutto quello che c’è da sapere su questa tecnica e quando si rende indispensabile per la vita del nostro micio.

Quando il micio non mangia…

Cosa spinge un micio a non mangiare? E’ vero che si tratta  di un animale piuttosto schizzinoso con il cibo, ma in alcune occasioni non dipende dal suo gusto personale in fatto di cibo.

Gatto non vuole mangiare
(Foto Pixabay)

Ci sono alcune situazioni in cui il micio non ‘può’ mangiare, perché proprio non ci riesce: accade in realtà quando è malato o soffre di inappetenza.

Imporre la nostra volontà non serve, anzi può essere addirittura deleterio in certi casi: l’animale si mostrerà molto infastidito dal nostro atteggiamento e potrebbe reagire non solo rifiutandosi di mangiare ma anche con aggressività.

Alimentazione forzata del gatto: che cos’è

In realtà si tratta di un’operazione artificiale ma assolutamente indolore, che si effettua con una siringa senza ago per ‘immettere’ nella sua bocca il cibo (liquido naturalmente).

Gatto triste (Foto Pixabay)
(Foto Pixabay)

Data la sua consistenza meglio premunirsi con asciugamani e tovagliette, anche perché il micio potrebbe non essere abituato a questo tipo di ‘somministrazione’.

Il cibo da scegliere non deve essere necessariamente acquistato in forma liquida: anche quello umido può essere ‘ammorbidito’ con dell’acqua. La pastella così ottenuta potrà essere riscaldata e fatta raffreddare (per evitare ustioni alla bocca).

Potrebbe interessarti anche: Alimentazione del gatto anemico: cosa cambia nella sua dieta

Come si pratica l’alimentazione forzata: mosse da fare (e non fare)

Innanzitutto armiamoci di pazienza perché l’operazione potrebbe essere lunga e anche molto complicata perché il felino potrebbe muoversi e lasciar cadere tutto il cibo dalla bocca (sprecandone un bel po’).

Alimentazione forzata del gatto
(Foto AdobeStock)

La siringa va messa lateralmente e lo stantuffo va pressato in maniera delicata, per evitare che fuoriesca una quantità eccessiva di liquido. Se lo vediamo particolarmente preoccupato, dobbiamo cercare di calmare il gatto: magari usiamo un tono di voce basso e pacato, in modo da tranquillizzarlo.

Dobbiamo sempre essere pronti a pulire il liquido che sicuramente uscirà e sporcherà ogni cosa; può essere una buona idea alternare la dose di cibo con una di acqua, giusto per dargli modo di deglutire meglio.

Potrebbe interessarti anche: Dieta anti-invecchiamento cerebrale del gatto: il regime alimentare per il micio che sta invecchiando

Gli ultimi consigli sull’alimentazione forzata per Micio

Meglio scegliere un luogo particolarmente tranquillo, lontano da fonti di rumore e traffico (e magari anche lontano dalla stanza dei bambini). Il felino dovrà sentirsi sereno e non agitarsi per alcun motivo.

Una buona idea potrebbe essere quella di fargli assaggiare il cibo prima sul nostro dito, magari stimolandolo a leccarlo: solo quando avrà capito di ‘cosa si tratta’ magari sarà più stimolato a mangiarne. Allo stesso tempo, per incoraggiarlo, proviamo ad usare anche parole di elogio nei suoi confronti: ai gatti piace essere adulati, si sa.

Il cibo avanzato può essere conservato in frigo per la volta successiva; inoltre se si tratta di un gatto adulto, meno gestibile rispetto a un gattino, meglio affidarsi alle mani esperte di un veterinario. Proviamo a rubare da lui i ‘segreti del mestiere’ e a copiarne i movimenti, in modo che l’alimentazione forzata diventi un’operazione di routine.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Antonio D’Agostino