Home Gatti Alimentazione Gatti Salmonella nel gatto: come riconoscere i sintomi e curarla

Salmonella nel gatto: come riconoscere i sintomi e curarla

CONDIVIDI

La salmonella nel gatto è un’infezione generata da batteri, di cui è fondamentale  riconoscere i sintomi e le cause per sapere come e quando intervenire per curarla.

Salmonella nel gatto
Il pollo come alimentazione del gatto.Attenzione alla salmonella.(Foto da Pixabay)

In questo articolo, impareremo le cause e a riconoscere i sintomi con cui può verificarsi questa malattia infettiva, la quale arriva a portare anche gravi conseguenze per i nostri amici felini e per noi.

Che cos’è la salmonella o salmonellosi?

la gallina e luovo
La gallina e l’uovo pericolo per gli animali (Foto fonte iStock)

La salmonellosi è una tossinfezione alimentare generata da batteri appartenenti alla famiglia delle Enterobacteriaceae che vivono nel tratto intestinale di animali e umani. Anche se la probabilità della salmonellosi nelle specie feline sia bassa, è comunque fondamentale riconoscerla in tempo a causa della sua gravità e per forte possibilità di trasmetterla all’uomo.

I batteri della salmonella si trovano per lo più nel pollame, nei bovini e nei suini, uova, latte, come pure l’acqua dei fiumi e stagni, frutta e verdura. Di conseguenza l’uso sbagliato di questi alimenti è fonte di infezione.

La salmonellosi può essere trasmessa, per ingestione diretta di questi cibi crudi, dal gatto o perché può venire a contatto con cibi crudi o superfici contaminate, ma anche attraverso alimenti trasformati, se non sono adeguatamente conservati ed esposti a insetti o a cattive condizioni sanitarie e successivamente appoggiarsi sulle mani e poi arrivare alla bocca.

Questo batterio è resistente al pH dello stomaco del gatto, ai sali biliari e alla peristalsi, si instaura nell’intestino tenue e invade i linfonodi mesenterici, causando un’infezione localizzata. Le difese intracellulari non sono in grado di distruggerlo e va diretto al sangue producendo un’infezione sistemica e riuscendo a localizzarsi nel fegato, nella milza, ecc.

Sintomi di salmonella nel gatto

gatto malato
Gatto malato (Foto da Pixabay)

La Salmonella viene eliminata attraverso le feci, ma avendo un’alta resistenza è necessario prestare particolare attenzione se il nostro gatto ha accesso all’esterno e venire a contatto con feci contaminate e ritrovarsi in circostanze che portano alla tossinfezione. Va anche notato che ci sono gatti portatori di batteri asintomatici, essendo una fonte di infezione costante.

L a salmonella può anche essere trasmesso per via aerea, quando si verifica un’invasione delle tonsille e dei polmoni. I gatti giovani e immunodepressi sono più suscettibili alle infezioni.

I sintomi della salmonella nel gatto di solito iniziano a essere visibili tra le 12 ore o fino a 3 giorni dopo l’ingestione dei batteri e comunque il felino potrebbe trascorrere un massimo di 4-7 giorni senza trattamento. I sintomi più frequenti sono:

  • vomita
  • diarrea
  • Diarrea sanguinolenta
  • febbre
  • Perdita di peso
  • Dolore addominale
  • disidratazione
  • apatia
  • shock
  • Diarrea intermittente cronica dell’intestino crasso

Diagnosi e terapia

glaucoma gatto
Il trattamento della salmonellosi nel gatto (Foto fonte iStock)

È necessario prendere in considerazione altre malattie che presentano sintomi simili come una malattia metabolica, nutrizionale, una tumore del gatto, un altro agente infettivo coinvolto, ecc.

Per valutare con precisione il veterinario dovrà effettuare una diagnosi differenziale corretta, eseguendo una serie di test complementari. La diagnosi più accurata verrà effettuata mediante la storia clinica del gatto laddove sia possibile, un esame fisico, l’esecuzione di una citologia fecale, una PCR e una coltura.

Fino ai risultati della coltura, secondo la prescrizione del veterinario, sarà determinato il trattamento con antibiotici, oltre al trattamento sintomatico (fluidoterapia, antipiretici, antinfiammatori, probiotici, ecc.).

Può essere prevenuta la salmonella nel gatto?

gatto e cibo
Alimentazione corretta del gatto (Foto da (iStock)

Come abbiamo già accennato, il modo migliore è evitare di dare cibi crudi al gatto. Se vogliamo dare un’alimentazione al gatto, nel modo più naturale possibile, raccomandiamo almeno di cuocere la carne e il pesce prima di darlo al nostro amico peloso, un’altra opzione è quella di fornire alimenti non crudi ma umidi di alta qualità (senza cereali).

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI