Home Gatti Calzari antigraffio per il gatto: perché sono dannosi per il felino

Calzari antigraffio per il gatto: perché sono dannosi per il felino

I calzari antigraffio per il gatto hanno suscitato non poche polemiche durante lo scorso anno: scopriamo insieme per quale motivo.

Calzari antigraffio per il gatto
(Foto Adobe Stock)

Il novero degli accessori per gli animali domestici è cresciuto notevolmente nel corso degli ultimi anni. A parte i classici intramontabili, sul mercato hanno fatto la comparsa diversi oggetti pensati per la salute, le esigenze o lo svago dei nostri amici a quattro zampe. Non tutti però sono stati accolti con favore: è il caso dei calzari antigraffio per il gatto.

Perché i calzari antigraffio fanno male al gatto

Ben venga l’incremento del numero di accessori per animali domestici.

perché gatto artigli retrattili
(Foto Pixabay)

Questo testimonia la crescita dell’attenzione del mercato per le loro esigenze; e se ciò avviene è soltanto perché i nostri amici a quattro zampe vengono sempre di più considerati dei veri e propri membri della famiglia.

Di accessori ce ne sono di tutti i tipi: si vai dai classici intramontabili (cuccia, trasportino, ciotole) a quelli pensati per la loro salute (collare elisabettiano, body post operatori) fino al loro svago (si pensi all’amaca per gatti).

Talvolta, tuttavia si esagera: e questo accade quando l’oggetto non è pensato per soddisfare le loro esigenze, ma le nostre.

É il caso dei calzari antigraffio per gatti, che di recente hanno destato non poche polemiche, inducendo anche le più grandi Internet company a ritirare il prodotto. Per quale motivo?

Semplicemente perché i calzari antigraffio fanno male al gatto, essendo del tutto incompatibili con le sue caratteristiche etologiche. Il felino ha bisogno di usare gli artigli e allo stesso tempo di prendersene cura, affilandoli come è inscritto nel suo DNA; l’accessorio impedisce la soddisfazione di tali esigenze.

Senza contare che è fortemente limitativo della capacità di movimento dell’animale: il gatto usa gli artigli, ad esempio, anche per arrampicarsi.

La limitazione del movimento e l’impossibilità di utilizzo degli artigli condiziona negativamente la qualità di vita dell’animale, che può essere colpito da stress.

Potrebbe interessarti anche: Body post operatorio per il gatto: a cosa serve, come scegliere il migliore e quali sono le alternative

Come impedire al micio di graffiare i mobili

Se il vostro problema è evitare che il gatto graffi divano, mobili o altri oggetti della casa, sappiate che vi sono soluzioni diverse rispetto ai calzari antigraffio, non nocive del benessere psicofisico dell’animale.

Micio non usa più il tiragraffi
(Foto Pixabay)

Partiamo dall’accessorio più conosciuto: il tiragraffi per gatti. Uno potrebbe non bastare; in alcuni casi è necessario installarne diversi, in vari punti strategici della casa (da scoprire osservando le abitudini del nostro amico a quattro zampe).

Meglio ancora se abbiamo la possibilità di far uscire il gatto all’esterno, in uno spazio messo in sicurezza, in cui sono presenti degli alberi: il felino apprezzerà notevolmente. Purtroppo tali strategie non assicurano sempre il risultato che vogliamo.

Potrebbe interessarti anche: Giardino in sicurezza per il gatto: ecco cosa fare

Le ragioni potrebbero essere diverse: al nostro gatto potrebbe non piacere farsi le unghie sul tiragraffi, o molto più banalmente, potrebbe averlo fatto sempre servendosi di poltrona, mobili o divano, e le vecchie abitudini, si sa, sono dure a morire.

In altri casi, invece, dietro al comportamento del gatto possono nascondersi ragioni di malessere.

Nella maggior parte dei casi il felino potrebbe presentare segni di stress: un nuovo inquilino in casa (e non necessariamente felino), una casa nuova (trasloco o adozione), un ambiente non idoneo alle sue caratteristiche etologiche; le ragioni possono essere tante, e vanno risolte avvalendosi dell’aiuto del proprio veterinario di fiducia.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

A. S.