Home Gatti Cosa fa una gatta quando deve partorire: i segnali inequivocabili

Cosa fa una gatta quando deve partorire: i segnali inequivocabili

Parto imminente? Basta guardare cosa fa una gatta quando deve partorire: quali sono i segnali inequivocabili del travaglio.

Cosa fa una gatta quando deve partorire
(Foto Pixabay)

Il veterinario ci ha confermato che c’è una gravidanza in atto, ma sapremo riconoscere quando arriverà il momento giusto? Ecco cosa fa una gatta quando deve partorire: tutti i segnali che possono farci capire che è arrivato il travaglio e in che modo possiamo aiutarla al meglio. Non è detto che siano simili a quelli delle donne che hanno le contrazioni, ma ci sono dei comportamenti della gatta che dovrebbero essere il nostro ‘campanello d’allarme’.

Qualche cenno sulla gravidanza felina

E’ molto breve rispetto a quella delle donne, poiché dura dai 63 ai 65 giorni. Con l’evoluzione e il cambiamento della vita del gatto, ormai le femmine possono andare in calore in qualsiasi periodo dell’anno.

sterilizzare gatta calore
(Foto Pixabay)

Il peso sull’addome sarà evidente solo negli ultimi giorni, ma grazie alle ecografie, si possono vedere i cuccioli già dal 14-15 esimo giorno.

Al momento del parto la femmina potrebbe emettere vocalizzi ad ogni ‘espulsione’ del cuccioli, sebbene non sembri gravoso eccessivamente il suo sforzo fisico.

Potrebbe interessarti anche: Esiste un Test di gravidanza per gatti? Ecco cosa dovresti sapere

Cosa fa una gatta quando deve partorire: tutti i segnali

Quella del parto è sicuramente un’esperienza importante e stressante, quanto per gli animali che per i padroni, che spesso si ritrovano imbarazzati o impreparati al momento nonostante abbiano seguito la gravidanza della gatta passo per passo. Ma come accorgerci che la gatta è in travaglio?

Gatta in calore
(Foto Adobe Stock)

Sono passati 65 giorni (sulla base delle ecografie), e la gatta inizia a comportarsi in modo strano, ovvero:

  • è sempre stanca,
  • nulla sembra stimolarla,
  • è inappetente,
  • si lecca spesso la vulva e il pelo,
  • costruisce il suo giaciglio,
  • ha perdite dalla vulva e di vomito.

Cosa potrebbe fare (non sempre) la gatta che sta per partorire

In quel momento la gatta potrebbe anche farci le fusa, come a richiamare la nostra attenzione sul momento del parto. Potrebbe anche emettere vocalizzi molto acuti e frequenti.

Addirittura potrebbe già ‘sistemarsi’ nella posizione del parto, come a voler essere pronta a partorire i suoi gattini. In meno di un’ora dalla prima perdita di sangue potremmo iniziare a vedere il primo gattino.

Potrebbe interessarti anche: Come si fa il parto cesareo nella gatta: i rischi e quando è necessario

Cosa fa una gatto durante il parto

E quando i gattini stanno iniziando a venire fuori, la mamma come sta? Sarà sicuramente molto provata: potrebbe sembrare triste e angosciata, quindi potremmo sentire un forte miagolio e un pianto.

adottare gattini
(Foto Pixabay)

Ciò che possiamo fare noi è di evitarle qualsiasi altra forma di stress, starle accanto e scegliere come luogo del parto un posto tranquillo e al riparo dai rumori della casa. Meglio avere sempre a portata di mano il numero del veterinario per ogni esigenza improvvisa.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Antonio D’Agostino