Home Curiosita Cura dello Scottish Fold Longhair: dalla toelettatura all’igiene della razza

Cura dello Scottish Fold Longhair: dalla toelettatura all’igiene della razza

Cura dello Scottish Fold Longhair: dalla toelettatura, all’igiene. I consigli di bellezza per il pelo di questa razza di gatto tanto tenera.

scottish fold longhair
(Foto AdobeStock)

Hai appena portato a casa uno Scottish Fold Longhair per la gioia dei tuoi bambini e ti occorre avere qualche dritta per la toelettatura e l’igiene di questa razza, giusto? Allora sei capitato nell’articolo che fa al tuo caso..

In questo articolo, ci occuperemo della cura delloScottish Fold Longahir, un gatto dalle origini scozzesi, dalla corporatura robusta e tondeggiante e il pelo lungo.

Vediamo quali i consigli degli esperti per prendersi cura dello Scottush Fold longhair dalla tolelettatura all’igiene.

Cura dello Scottish Fold Longhair

Esistono due varianti di Scottish Fold: a pelo corto e a pelo lungo. Ciò che li differenzia è proprio la varietà del mantello.

scottish fold longhair
(Foto AdobeStock)

Nel nostro articolo ci occuperemo della varietà a pelo lungo ovvero lo Scottish Fold Longhair. Vediamo come prenderci cura del suo mantello e non solo.

Lo Scottish a pelo lungo può essere di colore blu, grigio blu, nero, bianco o crema. A queste varianti si aggiungono poi anche le varietà note come Tabby, Tortie e Smoke.

La struttura del mantello dello Scottish Fold a pelo lungo invece è semilunga e densa. Sia i ciuffi sulle orecchie sia quelli suoi piedi devono essere chiaramente visibili, in quanto tratti distintivi della razza.

Alla nascita, le orecchie dei gattini si presentano come piccole e piegate in avanti, come per le altre razze feline.

Tuttavia passate 2 settimane di vita, invece di raddrizzarsi, rimangono piegate ed infatti lo standard di razza prevede orecchie piccole e ben ripiegate in avanti e verso il basso, con un leggero arrotondamento verso le estremità.

Questo darà un aspetto tondeggiante a tutta la testa, simili ad un gufo.

La frequenza con cui è il caso di spazzolare lo Scottish Fold Longhair serve ad evitare lo spargimento di pelo per tutta casa, a scongiurare la formazione di boli di pelo di gatto con i quali l’animale potrebbe causarsi problemi di occlusione intestinale felina.

Per questo motivo basterà pettinarlo tutti i giorni fin da cucciolo in modo che il gatto possa abituarsi agli accessori e ai tempi di spazzolatura.

Come ben sappiamo per ogni tipo di pelo esiste la spazzola appropriata, nel caso dello Scottish Fold Longhair occorrono quindi le seguenti  spazzole per gatti a pelo lungo.

  • un pettine a denti larghi: molto delicato sulla cute del gatto, grazie ai dentini arrotondati;
  • uno slanatore: permetterà di raggiungere i migliori risultati, niente più fastidiose pellicce aggrovigliate, bastano 5 minuti per rimuovere grandi quantità di peli residui;
  • spazzola a setole morbide: realizzata con setole lunghe, morbide e fitte. Utile ad eliminare polvere e qualsiasi altra cosa rimasta attaccata al pelo.

Anche l’alimentazione dello Scottish Fold Longhair fa la sua parte per avere un gatto con il pelo sano e lucente, basterà somministrare all’animale prodotti genuini e di qualità.

Potrebbe interessarti anche: Le malattie dello Scottish Fold Longhair: le patologie comuni nella razza

Igiene e pulizia dello Scottish Fold Longhair

L’igiene del gatto come quella di qualsiasi altro animale è fondamentale per avere un organismo in ottima salute.

scottish fold longhair
(Foto AdobeStock)

Generalmente il gatto è un animale che non ama essere a contatto con l’acqua ma tendenzialmente non ama nemmeno essere toccato.

Perciò è opportuno creare una routine in modo tale che l’animale possa non ribellarsi o quanto meno esser meno sfuggente.

La cura dello Scottish fold Longhaie come per tutti i gatti, consiste principalmente nel lavare i denti, tagliare le unghie, pulire le orecchie e gli occhi.

Per occuparci della sua igiene occorrerà perciò:

  • pulire i denti ogni due o tre settimane, con uno spazzolino per gatti, presente nei negozi specializzati per animali;
  • pulire le orecchie per rimuovere il cerume che si accumula data la conformazione di esse. La pulizia deve essere fatta in modo oculato e delicato, con tamponi di cotone, garze o un semplice tovagliolo;
  • gli occhi devono essere puliti per evitare infezioni come ad esempio una congiuntivite nel gatto;
  • le unghie vanno tagliate, per evitare che il gatto possa ferire sé stesso e gli altri.

Per quanto riguardo il bagnetto da fare allo Scottish Fold Longhair è opportuno utilizzare sempre prodotti specifici per gatti o anche shampoo fai da te, ma mai utilizzare shampoo per uso umano.

Gli esperti consigliano di pettinare il gatto prima di iniziare a lavarlo per eliminare tutti i nodi. In questo modo lavarlo sarà più facile e l’acqua e lo shampoo arriveranno dappertutto, dando un risultato migliore.

A questo punto si potrà mettere il gatto in acqua con delicatezza, accarezzandolo e cercando di far sembrare il momento qualcosa di naturale. Inizia a lavarlo con delicatezza, per poi risciacquarlo con attenzione e asciugarlo con premura.

Ovviamente lo Scottish Fold Longhair essendo un gatto che vive maggiormente in casa, difficilmente si sporcherà, perciò lavatelo solo se necessario.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Ettore D’Andrea