Home Gatti Il gatto sbava quando fa le fusa: il significato di questo comportamento

Il gatto sbava quando fa le fusa: il significato di questo comportamento

Il gatto sbava quando fa le fusa? Potrebbero esserci diverse motivazioni alla base di questo strano comportamento. Scopriamole tutte in questo articolo.

Il gatto sbava quando fa le fusa
(Foto Unsplash)

Quando il caro micio si avvicina a noi, desideroso di coccole e abbracci, è il momento più bello della giornata. L’affezionato peloso, poi, può avere delle reazioni particolari che occorre capire bene in questa situazione. Vediamo, ad esempio, perché il gatto sbava quando fa le fusa e quando bisogna allarmarsi per lui.

Il gatto sbava quando fa le fusa: i motivi

Si tratta di una reazione diffusa nel micio domestico e a cui assistiamo di frequente quando fa le fusa. Esistono diversi motivi per cui ciò accade ed è bene analizzare i differenti casi.

Il felino vuole affetto
(Foto Pexels)

Ogni padrone è al settimo cielo quando vede avvicinarsi micio per ricevere attenzioni e coccole, perché si è consapevoli che questo bisogno nasce in lui, prima di tutto.

Il felino, lo sappiamo, è capace di stupire quando meno ce lo aspettiamo ed eccolo lì pronto a stare insieme a noi, bisognoso di affetto. Mentre il peloso fa le fusa, può verificarsi una strana reazione, quella di sbavare.

Micio esterna sempre le sue emozioni, positive e negative, senza risparmiarsi nulla. Quando ciò si verifica in una situazione così piacevole, possono esserci diverse ragioni. Vediamo meglio.

Questo tipo di reazione, in realtà, è assolutamente naturale e rivela un suo stato d’animo inaspettato. Ebbene, il gatto sbava quando fa le fusa perché si sente benissimo ed è felice.

Perché il gatto fa le fusa? Quando sente molto la mancanza del suo padrone e se non ne ha avuto l’opportunità nella giornata.

Fare le fusa significa, per il micio domestico, non sentirsi solo e annoiato, donare quell’affetto che sente sincero da parte di chi si prende cura di lui.

Il gatto sbava quando fa le fusa: la grande gioia

Che il gattino lasci colare un po’ di bava dal musetto durante le carezze e il giocare insieme a noi, quindi, è una reazione positiva, tra leggeri miagolii e con lo sguardo più dolce del mondo.

Il felino, inoltre, può sbavare in altri diversi contesti, come durante un gioco nuovo e stimolante oppure quando si avvicina l’ora della pappa e lui ha molta fame.

Sbavare, far uscire la saliva, indica il suo stato di eccitazione e contentezza incredibile che sta provando in nostra compagnia ed è bene che l’esprima senza reprimere mai il suo sentimento.

Ovviamente, questa curiosa reazione finirà nel momento in cui micio si sentirà appagato e tornerà a dedicarsi ad altro in casa.

Anche per il gatto è importante e necessario il contatto fisico e costante con l’umano, contrariamente a quanto si pensi. Tenendo conto di ciò, è essenziale assecondare il suo comportamento.

I pochi momenti insieme al peloso vanno vissuti al meglio e con profondità emotiva, perché importanti nel rapporto di amicizia instaurato con lui e micio deve sempre sentirsi ricambiato.

Potrebbe interessarti anche: Il gatto fa le fusa nel sonno: ecco i motivi di questo comportamento

Il felino e la salivazione: quando preoccuparsi

Nonostante un po’ di bava durante le fusa rappresenti un momento magico e di amore, questa può rivelare anche dei problemi nel felino, che non hanno nulla a che vedere con noi. Leggiamo, nello specifico, qui di seguito.

Il comportamento del gatto
(Foto Pixabay)

A seconda del contesto che micio sta vivendo, si può considerare una sua reazione buona o preoccupante, come in tutti gli aspetti reali della sua esistenza.

Se il gatto ha una salivazione anomala lontano dall’approccio quotidiano con noi, ciò indica un problema serio.

Se la bava compare senza un motivo apparente nell’animale domestico, è fondamentale indagare e accertarsi che micio stia bene, contattando subito il proprio veterinario e descrivendogli la situazione delicata nel dettaglio.

Sostanze tossiche e altri disturbi

Possono esserci diversi motivi anche gravi per cui il gatto sbava, come l’avere ingerito una sostanza tossica, soprattutto se scende saliva in quantità abbondante.

Oltre ad un possibile avvelenamento nel gatto, potrebbe rivelare anche uno stato di forte stress del peloso, una paura associata ad un cambiamento improvviso nel suo ambiente, come un trasloco o un nuovo ingresso nella casa.

La salivazione anomale ed eccessiva può essere dovuta, inoltre, alla somministrazione di un farmaco dal sapore sgradevole per il micio, che vuole rigettarlo fuori.

Per il felino risulta difficile trattenere la saliva, quando soffre di un disturbo ai denti o alla mascella, oppure è presente una malattia di natura respiratoria.

Sottoporre il proprio gatto a tutti i controlli specifici, anche quelli della bocca, aiuterà a capire l’origine di questa reazione e a risolvere insieme al suo medico veterinario.