Home Gatti Salute dei Gatti Avvelenamento del gatto, scopriamo cause, sintomi e cura

Avvelenamento del gatto, scopriamo cause, sintomi e cura

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:02
CONDIVIDI

Le cause dell’avvelenamento del gatto sono numerose. Di fronte a un gatto avvelenato, non è sempre facile determinare la causa, che è comunque utile per una gestione rapida ed efficace dei disturbi presenti. Andiamo a conoscere le cause, i sintomi, la cura e magari qualche consiglio sul come evitare che si avveleni.

gatto avvelenato
Gatto sofferente (Foto da Pixabay)

I prodotti innocui per l’uomo spesso possono essere responsabili dell’avvelenamento di un gatto. Ma altri rischi di intossicazione si insinuano nei nostri felini domestici, soprattutto perché degli animali di indole molto puliti, la loro preoccupazione per la pulizia li porta a leccare molti prodotti tossici con cui vengono a contatto con lingua.

L’avvelenamento (intossicazione) nel gatto come nell’avvelenamento del cane si verifica quando l’animale è esposto alle tossine o assorbe sostanze tossiche, ad esempio con il cibo intossicato. Una tossina è una sostanza che interferisce seriamente con il metabolismo del gatto.

Spesso anche piccole quantità di veleno sono sufficienti a scatenare pochi sintomi e procurare problemi di salute nel gatto. Per quantità maggiori di veleno e / o mancanza di trattamento, l’avvelenamento è pericoloso per il gatto.

I veleni si trovano in linea di massima un po’ ovunque nell’ambiente. I gatti spesso vengono avvelenati perché mordicchiano delle piante velenose. Molte sostanze non tossiche per un gatto rappresentano un rischio per la salute dell’uomo, tuttavia alcune sostanze innocue per l’uomo, cibo, erbe velenose per gatti o droghe possono invece portare gravi avvelenamenti per l’animale.

Quali sono le cause di avvelenamento nel gatto?

respirazione gatto
Gatto avvelenato (Foto fonte Pixabay)

L’avvelenamento nei gatti può avere diverse ragioni, di seguito riportiamo le specifiche cause:

  • piante

Per il gatto che ha la possibilità di vivere anche all’aperto, nasce la problematica  dell’avvelenamento delle piante più comune nei gatti (i cani sono meno sensibili) è dovuto ai gigli. L’intera parte della pianta è interessata e i sintomi compaiono rapidamente (da pochi minuti a qualche ora). Il gatto ha quindi vomito, non mangia, depressione, quindi disturbi urinari e neurologici.
All’interno, le piante della famiglia Dracaena (o alberi di drago) e ficus sono le più incriminate. I sintomi principali sono digestivi. Nella maggior parte dei casi, la gravità è moderata.

  • pesticidi e veleno per topi

Esistono principalmente casi di avvelenamento da cloralosio che oggi è usato come veleno per topi e permetrina usato come insetticida, ma anche in alcuni farmaci veterinari per cani. In quest’ultimo caso, i proprietari spesso commettono l’errore di applicare il prodotto al gatto o comunque l’animale lecca un cane che è appena stato trattato con un prodotto adatto alla sua specie. I sintomi principali sono neurologici ed evidenti tremori, ma anche ipersalivazione e vomito.

La prognosi è favorevole se l’animale viene curato rapidamente. Se hai commesso l’errore di applicare la permetrina sul tuo gatto, lavalo immediatamente, l’acqua ti permetterà di limitare l’assorbimento cutaneo.Anche i rodenticidi anticoagulanti sono spesso ingeriti dai nostri pelosetti. Comunemente chiamati “killer per topi”, questi prodotti causano emorragie in tutto il corpo. La prognosi è favorevole se si riesce in tempo ad intervenire.

  • farmaci usati per la cura dell’uomo

Il principale farmaco somministrato volontariamente dai proprietari al loro gatto malato è il paracetamolo. Il gatto è molto sensibile a questo farmaco gli provoca disturbi del sangue: il sangue non riesce più a trasportare ossigeno in diverse parti del corpo. L’animale compensa respirando più velocemente, il suo cuore batte forte, le sue mucose diventano blu. Ad alte dosi, il gatto può cadere in coma e ciò porta inevitabilmente alla morte.

La prognosi è sempre riservata, soprattutto se i sintomi si evolvono rapidamente (24 ore). Nella maggior parte delle volte è possibile che l’animale muoia nel giro di 24 a 48 ore. Se l’animale sopravvive per 3 giorni, la prognosi migliora ma ci vogliono diverse settimane prima che il corpo ripristini un equilibrio.

Parliamo anche della somministrazione dell’aspirina , che può essere utilizzata come aggregazione anti-piastrinica nel trattamento di alcune malattie cardiache nei gatti, ma l’avvelenamento del gatto con l’aspirina è fatale in caso di sovradosaggio o automedicazione, come abbiamo potuto leggere nel nostro articolo sull’aspirina al cane.

Meno frequente, vengono descritti anche avvelenamenti con FANS (antinfiammatori non steroidei) come l’ibuprofene ma anche antidepressivi al gatto e animali in genere, sono tossici. Lì, è più simile a un animale che cerca nell’armadietto dei medicinali. Questi sono quindi avvelenamenti meno frequenti nei gatti.

  • sostanze tossiche “umane”

Ebbene si, alcune sostanze utilizzate dall’uomo possono essere ingerite dai nostri cari compagni e recargli un grosso danno. Pensiamo principalmente all’alcol (meno comune nei gatti) e, sempre più ormai diffusa, cannabis. Se un gatto ha avuto accesso alla cannabis in qualsiasi forma e all’improvviso sembra privo di reazioni, disturbi dell’equilibrio, pupille dilatate, cerca di intervenire rapidamente e consulta il tuo veterinario.

I sintomi e come si manifestano

insufficienza renale gatto
i sintomi dell’avvelenamento(Pixabay)

L’avvelenamento nel gatto può portare a diversi sintomi. I segni di avvelenamento dipendono dal tipo e dalla quantità di veleno.

I sintomi di avvelenamento nel gatto includono:

Come vengono diagnosticati gli avvelenamenti nel gatto?

glaucoma gatto
Dal veterinario (Foto fonte iStock)

Se si ha il sospetto di avvelenamento del gatto, è importante una rapida diagnosi da parte del veterinario. Solo allora è possibile un trattamento tempestivo e mirato. Se il proprietario del gatto è a conoscenza della causa dell’avvelenamento, dovrebbe informare il veterinario e, se necessario, portare con sé campioni (ad esempio scatola di medicinali, pianta sconosciuta, bottiglia di un detergente).

Il veterinario interroga il proprietario dell’animale domestico in merito alle lamentele del gatto e monitora attentamente i sintomi di avvelenamento. Sulla base dei sintomi e dei consigli del proprietario del gatto, spesso riesce a identificare la tossina e ad avviare un trattamento rapido. Inoltre, campioni di sangue e saliva del gatto e campioni di vomito sono utili nella diagnosi di avvelenamento da gatto.

Esami speciali (ad es. Cromatografia liquida ad alte prestazioni, HPLC) sono possibili per rilevare la tossina direttamente dai campioni. Per l’avvelenamento cronico, il veterinario utilizza tecniche ad esempio gli ultrasuoni per rilevare possibili alterazioni degli organi. Inoltre, nell’esame delle urine e negli esami del sangue, i valori di fegato e reni indicano la funzionalità degli organi.

Come si può curare l’avvelenamento del gatto?

Battito accelerato nel gatto
A controllo: sintomi e diagnosi del veterinario

Quale terapia è efficace per un avvelenamento del gatto dipende da un lato dal tipo di veleno, dall’altro lato, dai tempi e dalle modalità con cui è venuto a contatto con il veleno. L’avvelenamento in fase acuta è un’assoluta emergenza. Nella maggior parte dei casi, il veterinario si assicura che il veleno venga rapidamente rimosso dal corpo del gatto, attraverso una lavanda gastrica o tramite l’aiuto di farmaci. Inoltre il medico, può anche indurre,tramite farmaci, il gatto a vomitare.

Se il veleno dovesse essere sul pelo dell’animale, un risciacquo accurato aiuta a lavare via la sostanza nociva. Per alcuni veleni, il medico del gatto amministra un “antidoto”, un agente che limita o elimina l’effetto della sostanza velenosa. A seconda poi, della natura del veleno e del danno, sono importanti altri trattamenti, come i lavaggi o l’ossigenazione del gatto.

La prognosi dell’avvelenamento nel gatto

Prognosi della malattia

Quanto sia positiva la prognosi per avvelenamento nel gatto non si può stabilire in termini generali. Pertanto, la prognosi per l’avvelenamento si basa su:

  • l’età e lo stato generale di salute del gatto
  • il tipo di veleno
  • la quantità di veleno in relazione alle dimensioni del corpo
  • il tipo di assunzione di veleno (ad es. mangiare, inalare)
  • il tempo che intercorre tra l’assunzione di veleno e il trattamento
  • il trattamento

Più velocemente viene curato un gatto dopo un avvelenamento, migliore è la prognosi. È quindi importante portare il gatto dal veterinario quanto prima possibile.

 

Come prevenire l’avvelenamento

gatto e padrone
gatto e padrone

L’avvelenamento con il gatto può essere evitato solo parzialmente. I gatti in libertà possono entrare in contatto con veleni in qualsiasi momento, come piante velenose da giardino o esche avvelenate. Ma anche i gatti che vivono in casa sono esposti al rischio di avvelenamento, come piante da appartamento tossiche, detergenti e solventi.

Spesso è solo il suo istinto a impedire al gatto di ricevere sostanze nocive. Tuttavia, è molto importante prestare attenzione ad alcune cose per prevenire l’avvelenamento da gatto:

  • Gli oli essenziali nelle lampade per profumazione o nei prodotti per la cura personale, possono essere tossici per i gatti, come l’olio dell’albero del tè o l’olio di cannella. Tienilo sempre fuori dalla portata del tuo gatto.
  • I farmaci, al gatto devono essere somministrati solo dopo aver consultato il veterinario. Il gatto può ricevere solo quei farmaci approvati per i gatti o che il veterinario ha espressamente raccomandato.
  • Alcune piante d’appartamento possono causare avvelenamento nei gatti, tra cui euforbia, Dieffenbachia, calla, oleandro, edera, azalee, conifere, narcisi, ciclamino.
  • I veleni domestici per il gatto includono prodotti per la pulizia con fenolo o cresolo, palline di nafta, olio per lampade, trementina, acidi e alcali.

È importante consultare un veterinario?

soffio cuore gatto
Il gatto dal veterinario (Foto fonte Pixabay)

Se si nota un avvelenamento nel gatto, il proprietario dell’animale domestico, deve quanto prima possibile contattare il veterinario. Pertanto, un avvelenamento acuto è da considerarsi un’emergenza. Più rapidamente si riesce ad intervenire, maggiori saranno  le possibilità di sopravvivenza dell’animale. Solo nel caso di un rapido intervento dello specialista, può spesso evitare un danno agli organi.

È importante non credere di poter intervenire autonomamente in un avvelenamento del gatto, assolutamente mai trattarlo senza consultare il veterinario. un nostro tentativo potrebbe solo provocare un peggioramento dell’avvelenamento, nella migliore delle ipotesi. Per facilitare la diagnosi del veterinario, è consigliabile descrivere cosa si è notato nell’animale, nel modo più accurato possibile e, se è possibile, portare campioni o dell’elemento tossico ingerito.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI