Home Gatti Comportamenti del gatto anziano: tutto su routine e cura di un nonno...

Comportamenti del gatto anziano: tutto su routine e cura di un nonno felino

Con il passare del tempo, i comportamenti di un gatto cambiano a seconda della sua età: ecco tutto quello che c’è da sapere quando è anziano.

Demenza senile nel gatto
(Foto Adobe Stock)

I nostri adorabili animali domestici hanno una vita più corta rispetto alla nostra e ad una certa età, per loro inizia una fase in cui invecchiano e necessitano delle cure differenti e maggiori attenzioni. Scopriamo qual è il tipico comportamento di un gatto anziano e di cosa ha bisogno quando invecchia, per accompagnarlo serenamente e con amore in questa particolare fase della sua vita.

Comportamento del gatto anziano: come capire che il micio sta invecchiando

Vedere il proprio gatto, simbolo dell’allegria e del gioco, invecchiare, spesso provoca un sentimento contrastante.

gatto anziano
(Foto AdobeStock)

Il nostro dolce micio inizia a dormire di più, a mangiare di meno, evita di salta e limita la sua attività fisica.

Si tratta di sintomi ai quali si aggiungono anche in alcuni casi, disturbi comportamentali molto comuni, come il gatto che trascura la sua pulizia, o fa i suoi bisogni fuori dalla lettiera.

Ci sono anche dei segnali più legati alla sfera emotiva e cognitiva che vengono comunemente definiti “melancolia d’involuzione senile”.

Tra questi il felini domestici palesano disturbi nel sonno, dormendo molto il giorno e miagolando di notte, tendono a vagare per la casa come delle anime in pena oppure si fermano a fissare degli oggetti o le pareti di casa senza nessuna ragione.

Potrebbe interessarti anche: Gestione del gatto anziano: assistenza, protezione e consigli

Come aiutare il gatto anziano

Ci sono molti fattori che incidono sul comportamento di un gatto che invecchia, ma quello che pesa maggiormente su un esemplare anziano secondo gli esperti è l’invecchiamento cerebrale.

Gatto rosso da solo
(Foto Pixabay)

Esso provoca dei cambiamenti nella relazione con l’ambiente e con il nucleo famigliare.

La senilità può anche provocare dei fenomeni neuro-degenerativi che portano al disorientamento, ad uno stato confusionale nel gatto che non riesce più a fare le cose a cui era abituato come la pulizia giornaliera.

Tuttavia, è possibile aiutare il gatto a superare alcuni fenomeni, riportandolo alle sue abitudini.

Potrebbe interessarti anche: Gatto anziano defeca e fa pipì fuori dalla lettiera: cause e rimedi

  • Invitarlo a giocare, magari con degli oggetti in movimento o nascondendo del cibo in casa. Questo contribuisce a mantenere attivo il gatto e a stimolare il suo istinto predatorio;
  • Evitare che il gatto si isoli, coinvolgendolo con la famiglia, chiamandolo di frequente casomai prendendolo più spesso in collo o sul divano;
  • Non sgridare il gatto quando si comporta in modo strano. La punizione potrebbe aumentare il suo disagio psichico e rendere il micio depresso;
  • Toelettare il gatto, rasandolo per migliorare l’igiene del pelo e pulirlo con dei panni umidi, anche nelle zone genitali.  Il gatto in questo modo rimane pulito e potrà continuare a condividere gli spazi domestici.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.