Home Gatti Razze di gatti Gatto Dwelf: cuccioli, prezzo, carattere, curiosità, origini, cura

Gatto Dwelf: cuccioli, prezzo, carattere, curiosità, origini, cura

Scheda completa sul gatto Dwelf: ecco tutto quello che c’è da sapere sulla razza felina i cui esemplari assomigliano a degli elfi.

dwelf
(Foto Adobe Stock)

Il Dwelf è un gatto dall’aspetto che non lascia indifferenti: privo di mantello e dalle orecchie arricciate, conquista tutti con il suo fascino magnetico. Chi è, da dove viene e cosa sappiamo sul suo conto? Scopriamo insieme tutte le informazioni che lo riguardano, dall’alimentazione ideale alla salute di questo quattro zampe.

Informazioni generali sulla razza

Signori e signore, ecco a voi il gatto Dwelf: conosciamolo meglio presentando le informazioni essenziali su questo micio.

dwelf
(Foto Instagram)
  • Soprannome: gatto elfo
  • Origine: Stati Uniti
  • Vita media: 8-12 anni
  • Dimensioni: piccole
  • Peso: 2-3 kg
  • Anallergico: no
  • Tendenza a fuggire: no
  • Tendenza ad ingrassare: sì
  • Tendenza a miagolare: sì
  • Tendenza a soffrire la solitudine: sì
  • Clima: temperato
  • Compatibile con bambini: sì
  • Compatibile con altri animali: sì

Quanto costa un gatto Dwelf

Ti piacerebbe spalancare le porte della tua casa e del tuo cuore a un esemplare di questa razza?

Il costo del gatto Dwelf è compreso tra i 2000 e i 3000 euro. La cifra specifica dipende da una serie di fattori, come età e sesso del micio, oltre che allevamento cui ci si rivolge.

Per quanto riguarda le spese di mantenimento dell’animale, si aggirano intorno ai 40 euro al mese.

Habitat e stile di vita ideale

L’habitat ideale del gatto Dwelf è la casa. Questo micio, infatti, tende a soffrire le basse temperature a causa dell’assenza di pelo.

Per lo stesso motivo, è esposto a scottature e bruciature. Per questo, è fondamentale predisporre un ambiente confortevole per il quattro zampe, che possa soddisfare ogni suo bisogno etologico.

Tra gli accessori che non possono mancare nella zona dedicata al relax e allo svago del felino ci sono tiragraffi, cuccette, cuscini, giocattoli, tunnel e mensole e percorsi rialzati.

L’adozione del gatto Gwelf è consigliata a famiglie con bambini e con altri animali, oltre che alle persone anziane.

Trattandosi di un micio che tende a soffrire la solitudine, però, non è indicato per chi trascorre molto tempo fuori casa.

Origini e storia della razza

Da dove viene il Dwelf e cosa sappiamo sulla storia di questo gatto? Ecco la risposta.

dwelf
(Foto Instagram)

Questo micio è nato dall’incrocio tra più razze diverse, tra cui l’American Curl, il Canadian Sphynx e il Munchkin.

Da ognuno dei suoi progenitori il quattro zampe ha ereditato peculiarità ben precise: orecchie ripiegate su se stesse, assenza di mantello e statura ridotta.

Allevata a partire dal 2009, ad oggi questa razza non è stata ufficialmente riconosciuta da alcuna associazione felina. Pertanto, si tratta ancora di un gatto sperimentale.

Aspetto e caratteristiche fisiche

Non c’è dubbio: l’aspetto del gatto Dwelf è davvero peculiare. Ecco tutto quello che c’è da sapere a riguardo.

dwelf
(Foto Instagram)

Corpo

Il Dwelf è un gatto di taglia piccola, con un peso nn superiore ai 3 kg.

Nonostante le dimensioni minute, la corporatura di questo micio è massiccia è robusta.

Testa

La testa del gatto Dwelf è larga e tonda. Dal capo spuntano due enormi orecchie piegate all’indietro.

Sul muso sono incastonati occhi altrettanto grandi, le cui iridi possono essere di diverse tonalità, tra cui grigio, blu e verde.

Manto

Il gatto Dwelf è avvolto da un sottile strato di pelo, che somiglia al velluto.

I colori della cute del micio spaziano nero e marrone a grigio e bianco.

Zampe

Le zampe del gatto Dwelf sono di lunghezza ridotta: basti pensare, infatti, che non arrivano a superare i 7 centimetri e mezzo!

Carattere del gatto Dwelf

Oltre a un aspetto affascinante e inconfondibile, il gatto Dwelf ha in serbo una personalità davvero unica.

dwelf
(Foto Instagram)

Affettuoso, coccolone e dolcissimo, richiede costantemente attenzioni ed effusioni da parte del suo umano del cuore.

Attivo e curioso, non manca di un lato giocherellone che lo rende un grande esploratore.

Attenzione alla sua intelligenza e perspicacia, che abbinate alle dimensioni minute del micio potrebbero portarlo a cacciarsi nei meandri più nascosti e misteriosi della vostra casa!

Compatibilità con bambini e altri animali

Grazie al suo temperamento amichevole e tenero, il gatto Dwelf è un perfetto compagno a quattro zampe per i più piccoli, nei confronti dei quali si rivela affettuoso e paziente.

Non solo: questo micio, infatti, risulta socievole e ben disposto anche nei confronti degli altri pelosetti, siano essi cani o gatti.

Salute e cura del gatto Dwelf

Gli esemplari di questa razza tendono a godere di buona salute.

veterinario vet
(Foto Adobe Stock)

La durata media della vita di questo micio è compresa tra gli 8 e i 12 anni.

Sebbene non esistano particolari malattie comuni nel gatto Dwelf di natura genetica, questo quattro zampe risulta fragile per via della totale assenza di mantello.

La sua condizione, infatti, lo espone sia a problemi di salute dovuti al freddo che al rischio di ustioni e scottature causate dal sole.

Come prendersi cura al meglio del gatto Dwelf? Nonostante questo felino domestico sia sprovvisto di pelliccia – e quindi non sia necessario spazzolarlo – è fondamentale mettere in pratica alcune importanti operazioni.

Tra queste rientrano la pulizia di occhi e orecchie, oltre che il lavaggio periodico della cute dell’animale, che tende a sporcarsi con più facilità rispetto agli altri felini domestici.

Alimentazione ideale

Cosa dare da mangiare al Dwelf, per fare in modo che questo gatto sia sempre in forze e in salute?

alimentazione dragon li
(Foto Pixabay)

Trattandosi di un carnivoro obbligato, è essenziale che l’alimentazione di questo micio sia principalmente basata sull’apporto di proteine di origine animale.

Da carne e pesce, infatti, il gatto trae una serie di nutrienti essenziali che il suo organismo non può produrre in maniera autonoma.

A causa dell’assenza di pelo, questo felino ha un metabolismo più veloce.

Ciò fa sì che il quattro zampe abbia bisogno di porzioni più consistenti di pappa e di alimentarsi più volte nel corso della giornata, mantenendo stabili i suoi livelli di energia.

Riproduzione e cuccioli

Ti piacerebbe far accoppiare il tuo gatto Dwelf? Ecco cosa sapere su riproduzione e cuccioli della razza.

dwelf
(Foto Adobe Stock)

La gestazione ha una durata compresa tra i 63 e i 65 giorni, al termine dei quali vengono alla luce 2-4 gattini.

I cuccioli raggiungono le dimensioni adulte intorno al primo anno di vita.

Nomi per il tuo gatto Dwelf

Ormai è ufficiale: hai deciso di adottare un gatto Dwelf. Non ti resta che scegliere il nome perfetto per il tuo amico a quattro zampe.

Gatto Bambino
(Screenshot Instagram)

Le proposte in circolazione sono davvero numerose. Se sei in cerca di idee, consulta questo articolo. Qui troverai oltre 6500 nomi di gatto femmina e maschio.

Per individuare l’appellativo davvero perfetto per il micio, non sottovalutare alcuni importanti consigli di natura pratica.

Prediligi nomi brevi, composti dalla ripetizione di sillabe simili o uguali tra loro.

Questo faciliterà l’animale nel processo di comprensione e memorizzazione. Tra i nomi più gettonati per il Dwelf ci sono:

  • Femmine: Idra e Lily;
  • Maschi: Dobby e Mingo.

Curiosità sul gatto Dwef

Infine, non ci resta che chiudere la nostra scheda interamente dedicata al gatto elfo con una serie di imperdibili curiosità sul Dwelf.

Razze di gatti con le zampe corte
(Google Images)
  • Il nome della razza allude alle dimensioni minute del micio. Esso, infatti, è stato coniato a partire dall’unione di “dwarf”, che significa nano, e “elf”, che fa riferimento alle peculiari orecchie di questo gatto;
  • Gli esemplari di gatto Dwelf hanno una statura di circa l metà rispetto ai normali felini domestici;
  • Le dimensioni ridotte del quattro zampe non compromettono la sua salute: ad oggi non sono state individuate anomalie genetiche del patrimonio genetico di questo micio.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Laura Bellucci