Home Gatti Razze di Gatti Gatto Norvegese delle Foreste: dal freddo nord un perfetto pescatore

Gatto Norvegese delle Foreste: dal freddo nord un perfetto pescatore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:48
CONDIVIDI

Un gatto elegante, resistente al freddo ed è anche un grande pescatore. Il gatto Norvegese delle foreste viene dal Nord ed è meraviglioso e interessante.

Gatto Norvegese delle Foreste
Gatto Norvegese delle Foreste (Foto Pinterest)

Una delle razze di gatti più antichi, proveniente dalle terre settentrionali popolate da vichinghi, neve e foreste ancestrali, il gatto Norvegese delle Foreste si caratterizza per un comportamento molto attraente, e un aspetto elegante e resistente. Anche se, non c’è alcun dubbio, ciò che distingue questa razza da tutte le altre è la sua pelliccia lunga e rigogliosa. Il loro collo, ricoperto di pelliccia, ricorda immediatamente l’immagine maestosa di un leone. Questa insolita pelliccia fu ereditata dai loro antenati selvaggi, che vivevano nella fredda regione scandinava e dovevano proteggersi dal rigido inverno del Nord.

Potrebbe interessarti anche: Razze di gatto a pelo lungo: le loro caratteristiche

Caratteristiche generali

Gatto Norvegese delle Foreste
Questo micio è un abile pescatore: se c’è un fiume, si lancerà a pesca (Foto Flickr)

Forse un po’ anche perché questa razza non ha origini certe, il gatto norvegese delle foreste spesso è legato a leggende e miti dei popoli scandinavi, che lo associano alle loro antiche divinità nordiche. Ha un carattere molto amichevole tanto da rendere facile la convivenza con i suoi umani, vive felice in casa, ma può cavarsela molto bene anche all’aperto, grazie al suo istinto da cacciatore, o meglio da pescatore.

In quanto ad aspetto fisico, si tratta di un gatto abbastanza grande con una robusta costituzione. I suoi arti e muscoli solidi lo rendono molto potente come saltatore e scalatore: adora salire nei posti più alti della casa.

Il pelo ha due strati semi-lunghi: lo strato interno, denso e lanoso; e lo strato esterno, lungo, lucido e impermeabile. Questi gatti richiedono una spazzolatura regolare, specialmente intorno alla zona dello stomaco, dove il pelo tende a diventare più nodoso. I colori del pelo possono essere diversi, tranne lilla, cioccolato, puntato, cannella e fulvo.

I gatti di questa razza hanno bisogno di una dieta equilibrata, ricca di proteine ​​e vitamina A. Dobbiamo essere molto attenti a non farli diventare sovrappeso, perché tendono ad ingrassare abbastanza facilmente. Il loro peso oscilla da i 3 ai 9 kg, mentre la durata di vita è di 15 anni in media.

Carattere

Gatto Norvegese delle Foreste
Un micione amichevole, socievole e adatto alla vita in casa. (Foto Pinterest)

Sono gatti amichevoli, leggermente riservati verso le persone che non conoscono (ma comunque tollerano bene gli sconosciuti), ma molto socievoli con i membri della famiglia e ancora di più con altri gatti. Possono richiedere fino a 5 anni per maturare, il che significa che c’è abbastanza tempo per assicurarci di farli familiarizzare con le nostre regole della casa.

Se la nostra casa si trova vicino a un fiume o a un lago, o c’è uno stagno nel giardino, potremo anche apprezzare le eccellenti qualità del gatto norvegese delle foreste come pescatore. E se non ha nulla di tutto questo a portata di mano, evitiamo carrelli pieni di pesce all’interno della casa, o non saprà resistere!

Potrebbe interessarti anche: Le razze di gatto più antiche: origine, caratteristiche e comportamento

Condizioni di salute

Gatto Norvegese delle Foreste
Ci sono poche patologie comuni di questa razza (Foto Flickr)

I problemi di salute più comuni in questa razza sono la displasia dell’anca e le lesioni alla retina, che porta a una visione limitata. La displasia dell’anca felina è solitamente ereditaria, e include lo sviluppo anomalo dell’articolazione dell’anca nel gatto. Può avere però anche cause ambientali: il sovrappeso e l’obesità, l’alimentazione eccessiva o non equilibrata, l’intensa attività fisica, o eventuali traumi nel passato del micio.

Una patologia che è particolare per questa razza è la malattia da accumulo di glicogeno di tipo IV, che causa gravi problemi muscolari ed è fatale. Fortunatamente, viene trasmesso attraverso un gene recessivo (vale a dire che, affinché il gatto ne soffra, sia il padre che la madre devono essere portatori del gene), il che significa che non è molto comune.

F. B.