Home Gatti Razze di gatti Gatto Thai: prezzo, carattere, curiosità, storia, cura, salute

Gatto Thai: prezzo, carattere, curiosità, storia, cura, salute

Considerato l’antenato del Siamese, il gatto Thai è uno splendido felino originario della Thailandia: ecco cosa sapere sul suo conto.

gatto thai
(Foto Pixabay)

Grandi occhioni azzurri, folto mantello bianco, atteggiamento regale: grazie al suo meraviglioso aspetto il Thai è un gatto che non lascia certo indifferenti. In questa scheda completa a lui dedicata, esploriamo insieme l’universo felino di questo micio: da storia a curiosità, ecco tutte le informazioni da conoscere.

Informazioni generali sulla razza

Iniziamo le presentazioni con il gatto Thai elencando una serie di informazioni base da conoscere su questo felino.

Come riconoscere la razza di un gatto
(Foto Pixabay)
  • Soprannome: Diamante d’oro
  • Origine: Thailandia
  • Vita media: 16 anni
  • Dimensioni: medie
  • Peso: 2-5 kg
  • Anallergico: no
  • Tendenza a fuggire: no
  • Tendenza ad ingrassare: no
  • Tendenza a miagolare: no
  • Tendenza a soffrire la solitudine: sì
  • Clima: soffre le basse temperature
  • Compatibile con bambini: sì
  • Compatibile con altri animali: sì

Quanto costa un gatto Thai

Ti piacerebbe accogliere un gatto Thai nel tuo cuore e nella tua casa? Il costo di un esemplare di questa razza oscilla tra gli 800 e i 1000 euro.

Molto dipende dall’allevamento cui ci si rivolge, oltre che dal sesso e dall’età del micio.

Le spese di mantenimento dell’animale, invece, si assestano intorno ai 30 euro al mese.

Habitat e stile di vita ideale

Per via del suo mantello corto, il gatto Thai tende a soffrire le basse temperature. Per questo, è essenziale mettere a sua disposizione un ambiente confortevole e piacevole.

Non è raro, in ogni caso, che durante le belle giornate estive il micio voglia uscire per regalarsi dei meravigliosi bagni… di sole!

In questo caso, è fondamentale che la zona all’aperto sia perfettamente posta in sicurezza, in modo che il micio non rischi di allontanarsi e cacciarsi nei guai.

Via libera all’adozione del pelosetto da parte di famiglie con bambini e altri animali.

Gli anziani, invece, dovrebbero tenere in considerazione che questo quattro zampe necessita di numerose attenzioni per via della sua indole giocosa e vitale.

Adottare il gatto Thai, invece, è fortemente sconsigliato a chi trascorre alcune ore fuori casa.

Infatti, si tratta di un micio che soffre la solitudine e, se lasciato solo a lungo, rischia di sviluppare depressione e gravi disturbi del comportamento.

Origini e storia della razza

Considerato il nome della razza, non è affatto difficile intuire la sua provenienza.

vivere con un gatto siamese
(Foto Unsplash)

Il gatto Thai, infatti, viene dalla Thailandia. Nel 1981, il Re del Siam regalò una coppia di mici di questa razza all’ambasciatore inglese.

L’uomo, dopo averli portati nel Regno Unito, diede avvio all’allevamento della razza, da cui ebbe origine anche il Siamese.

Aspetto e caratteristiche fisiche

L’aspetto del Thai è davvero inconfondibile: ecco tutte le peculiarità che rendono davvero unico questo gatto.

Corpo

Il Thai è un gatto di taglia media, con un peso compreso tra i 3 e i 5 kg, per una lunghezza massima di 35 cm.

La sua corporatura è tondeggiante e risulta più tarchiata rispetto al suo discendente, il Siamese.

Testa

La testa di questo micio è triangolare e paffuta. Le orecchie risultano ampie alla base e arrotondate sulla punta.

Gli occhi del gatto Thai sono grandi, penetranti e di un blu incredibilmente intenso.

Manto

Il pelo degli esemplari di questa razza è corto e soffice. Il disegno del mantello è colourpoint.

Le colorazioni che la pelliccia del gatto Thai può assumere sono cioccolato, blu e lilla.

Secondo lo standard, le estremità del manto del micio devono essere più scure rispetto al pelo che ricopre il resto del corpo.

Anche il muso del felino deve presentare la tipica mascherina, con l’alternanza di tonalità chiare e scure.

Zampe

Le zampe del gatto Thai sono muscolose e ben proporzionate rispetto al resto del corpo.

Carattere del gatto Thai

Oltre ad un aspetto magnetico e affascinante, il gatto Thai ha un carattere davvero irresistibile. Scopriamo di più sul suo temperamento!

siamese malattie comuni
(Foto Adobe Stock)

Infatti, si tratta di un quattro zampe incredibilmente affezionato nei confronti del suo umano del cuore, che ama seguire fino a rivelarsi… un pelino appiccicoso!

Quanto a vitalità, gli esemplari di questa razza non hanno nulla da invidiare ad altri mici.

La tranquillità non fa parte del loro DNA: si tratta di pelosetti incredibilmente vispi, attivi ed energici.

Compatibilità con bambini e altri animali

Grazie al suo carattere affettuoso, divertente e sempre pronto al gioco, il gatto Thai è un perfetto amico a quattro zampe per i più piccoli.

Questo felino è adatto anche alla convivenza con cani e gatti, purché adeguatamente socializzati.

Salute e cura del gatto Thai

Gli esemplari di questa razza hanno una vita davvero lunga. Basti pensare, infatti, che possono vivere anche fino a 20 anni.

veterinario
(Foto Pixabay)

La loro costituzione è davvero robusta: non esistono particolari malattie comuni nel gatto Thai, che si trasmettono per via ereditaria da una generazione all’altra.

Ciò non toglie, tuttavia, che il micio possa contrarre patologie che comunemente colpiscono i felini domestici. Tra queste rientrano:

  • Allergie e distubi cutanei;
  • Malattie del cavo orale;
  • FeLV;
  • Infezioni.

Come prendersi cura al meglio del gatto Thai? Trattandosi di un micio a pelo corto, non sono richieste particolari attenzioni.

Infatti, è sufficiente spazzolare il suo mantello 2-3 volte a settimana, in modo da rimuovere completamente lo strato di pelo morto e favorirne la ricrescita.

Alimentazione ideale

Quali cibi somministrare al gatto Thai, per fare in modo che la sua salute sia sempre di ferro?

Cibo secco
(Foto Pixabay)

I felini domestici sono carnivori obbligati. Ciò significa che devono assumere principalmente proteine di origine animale, da cui traggono nutrienti essenziali per il loro benessere, che il proprio organismo non è in grado di produrre autonomamente.

Via libera, quindi, alla carne, in particolare di pollo, manzo e tacchino.

Meno regolarmente, il gatto Thai può mangiare anche del pesce, come spigola, sogliola e alici.

Infine, attenzione alle dosi quotidiane: sebbene, infatti, gli esemplari di questa razza non risultino particolarmente golosi, l’ideale sarebbe individuare delle razioni di pappa giornaliere con l’aiuto del veterinario.

Riproduzione e cuccioli

Ecco tutte le informazioni da conoscere se desideri far accoppiare il tuo gatto Thai.

thai
(Foto Unsplash)

Lo standard consente l’unione esclusivamente tra esemplari della stessa razza.

La gestazione ha una durata di circa 65 giorni, al termine dei quali vengono alla luce 2-4 cuccioli.

I mici raggiungono la dimensione adulta intorno al primo anno di vita.

Nomi per il tuo gatto Thai

Dopo l’adozione del gatto Thai, tra le più importanti decisioni da prendere c’è la scelta del nome per il tuo nuovo amico a quattro zampe.

thai
(Foto Unsplash)

Del resto, l’appellativo prescelto accompagnerà il pelosetto per tutto il resto della vostra vita insieme. Per questo, è fondamentale sceglierlo con cura.

Come fare? Oltre a trarre ispirazione dal mondo della letteratura o del cinema per trovare un nome davvero originale, sarebbe preferibile rispettare un paletto di natura “pratica”.

Meglio prediligere parole brevi, composte dalla ripetizione di sillabe simili o uguali tra loro. La ragione? Ciò facilita la comprensione e la memorizzazione da parte del micio.

Sei alla ricerca di suggerimenti e proposte? Consulta questo articolo, con più di 6500 nomi di gatto femmina e maschio. Tra gli appellativi più in voga per il gatto Thai ci sono:

  • Maschi: Bianco e Benny;
  • Femmine: Koda e Candy.

Curiosità sul gatto Thai

Giunti al termine della nostra scheda completa, esploriamo insieme tutte le imperdibili chicche e curiosità sul gatto Thai.

thai
(Foto Unsplash)
  • Secondo un’antica leggenda, questo micio nacque sull’arca di Noè, dall’unione tra un leone e una scimmia. Dal re della foresta, infatti, il felino ha ereditato il coraggio. Dalla mamma, invece, l’agilità;
  • Attenzione a non confonderlo con il Siamese: sebbene siano incredibilmente simili e abbiano origini comuni, si tratta di due razze diverse;
  • Un’altra leggenda racconta che questi mici fossero posti a sorveglianza dei tesori del re. Da qui deriverebbe lo strabismo che colpisce alcuni esemplari della razza: tutta colpa dell’impegnativo compito di osservazione delle ricchezze reali!
  • Un altro nome con cui è conosciuto il gatto Thai è Wichien-maat. Si tratta di un termine thailandese, che significa “diamante d’oro”;
  • Non è raro che nel suo Paese d’origine questo micio sia avvistato all’interno dei templi. Secondo la popolazione, infatti, i morti tendono a reincarnarsi in gatti. Per questo, i felini vengono considerati animali sacri.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Laura Bellucci