Home Gatti Salute dei Gatti Carcinoma al pancreas nel gatto: sintomi, cura e sopravvivenza

Carcinoma al pancreas nel gatto: sintomi, cura e sopravvivenza

Scopriamo come individuare tempestivamente il carcinoma al pancreas nel gatto e quali sono i trattamenti a cui sottoporre il micio.

carcinoma pancreas gatto
(Foto Pixabay)

Fortunatamente, il carcinoma al pancreas è una patologia che colpisce raramente il gatto. In ogni caso, però, per proteggere la salute del nostro amico a quattro zampe, facendo in modo che la sua vita sia lunga e in salute, la prevenzione svolge un ruolo primario. Vediamo cause, sintomi, prognosi e terapia del tumore al pancreas nel micio.

I sintomi del carcinoma al pancreas nel gatto

Come capire se il gatto è affetto da carcinoma mammario?

gatto acqua fredda
(Foto Pixabay)

In realtà, questa malattia è difficilmente individuabile durante i suoi stadi iniziali. Infatti, la sintomatologia presentata dall’animale è vaga e poco specifica:

  • Perdita di peso;
  • Depressione;
  • Malessere e abbattimento;
  • Alopecia.

Con la progressione della patologia, il micio potrebbe manifestare altri sintomi, la cui presenza dovrebbe far accendere una spia di allarme:

  • Vomito;
  • Dolore e distensione addominale;
  • Presenza di una massa palpabile di dimensioni variabili all’altezza dell’addome;
  • Ittero.

Vista l’aggressività del carcinoma al pancreas, è fondamentale rivolgersi tempestivamente al veterinario qualora il gatto presenti segni di malessere e sofferenza.

La rapidità della diagnosi, infatti, influisce in maniera molto significativa sulla speranza di vita dell’animale e sulla formazione di eventuali metastasi.

Potrebbe interessarti anche: Tumore alla mammella nel gatto: cause, sintomi e terapia

Diagnosi e trattamento

Come viene diagnosticato il carcinoma al pancreas nel gatto?

La gastroenterite nel gatto (Foto Adobe Stock)
(Foto Adobe Stock)

Dopo un’accurata visita, durante la quale verrà effettuata la palpazione dell’addome per individuare la presenza di una eventuale massa, il veterinario potrebbe sottoporre l’animale a una serie di test diagnostici, volti a confermare la presenza del tumore. Tra questi ci sono:

  • Esami del sangue;
  • Ecografia all’addome;
  • Esame istologico.

Il trattamento del carcinoma dipende dallo stadio della malattia. Laddove sia possibile, in assenza di metastasi e qualora le sue condizioni di salute lo consentano, il micio verrà sottoposto ad un intervento chirurgico per l’asportazione della massa.

In caso contrario, si potrebbe ricorrere alla chemioterapia nel gatto. L’obiettivo primario questo trattamento è volto a migliorare la qualità della vita dell’animale, alleviando i sintomi provocati dalla patologia.

Potrebbe interessarti anche: Chemioterapia nel gatto: benefici ed effetti collaterali del trattamento

Carcinoma al pancreas: speranza di vita del gatto

Qual è la prognosi per un gatto affetto da carcinoma al pancreas?

gatto
(Foto Pixabay)

Purtroppo, nella maggior parte dei casi, i mici affetti da questo tipo di tumore presentano già metastasi al momento della diagnosi. Solitamente, le sedi più colpite sono polmoni, fegato e intestino.

In questo caso, sfortunatamente, al micio non rimane molto da vivere: si stima un anno circa dalla diagnosi. Infatti, si tratta di una patologia molto aggressiva e grave.

Non esitare a chiedere consiglio al tuo veterinario di fiducia: quando sarà il momento, potrai decidere di sottoporre il micio all’eutanasia per alleviare le sue sofferenze.

Laura Bellucci