Home Gatti Salute dei Gatti Tumore alla mammella nel gatto: cause, sintomi e terapia

Tumore alla mammella nel gatto: cause, sintomi e terapia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:31
CONDIVIDI

Sapevi che anche il gatto può essere affetto dal tumore alla mammella? Scopriamo come individuare il carcinoma mammario e come combatterlo.

tumore mammella gatto
(Foto Adobe Stock)

Il tumore alla mammella è una patologia molto aggressiva nella specie felina, che può colpire sia il gatto maschio che la femmina. Esaminiamo tutto quello che c’è da sapere su questa malattia: da cause e fattori che ne aumentano il rischio di insorgenza, a sintomi e trattamento a cui sottoporre il micio affetto da carcinoma mammario.

Cos’è il tumore alla mammella nel gatto

gatto triste
(Foto Pixabay)

Il cancro alla mammella è tra i tumori più frequenti che insorgono nel gatto, dopo quello che colpisce il midollo osseo e i linfonodi e quello cutaneo. Inoltre, si tratta di una patologia che provoca conseguenze molto pericolose per la vita dell’animale. Alla base della sua aggressività, ci sono le connessioni anatomiche tra le mammelle del micio e altri distretti.

Spesso le cellule cancerose riescono facilmente a proliferare tramite il sistema linfatico. Esso, infatti, drena le sostanze e i liquidi secrete dalle mammelle. In particolare, esse sono distinguibili in:

  • Mammelle toraciche
  • Mammelle addominali
  • Mammelle inguinali

Di solito, questo tipo di cancro colpisce più ghiandole mammarie contemporaneamente. Sfortunatamente, la formazione di metastasi è piuttosto comune. Tra le sedi più colpite ci sono:

  • Polmoni
  • Fegato
  • Reni
  • Vasi linfatici e linfonodi
  • Muscoli

Cause del carcinoma mammario

tumore mammella gatto
(Foto Unsplash)

Quali sono le principali cause di tumore alla mammella nel gatto? In primo luogo, il carcinoma mammario risulta molto più frequente negli esemplari femmine, piuttosto che nei maschi, a causa dell’azione degli ormoni femminili. Tra gli altri fattori che aumentano il rischio di insorgenza di questa patologia ci sono:

  • Predisposizione genetica, i gatti siamesi risultano maggiormente esposti, anche in giovane età;
  • Età del gatto, nella maggior parte dei casi il tumore alla mammella colpisce mici con un’età superiore ai 6 anni, ma risulta molto più frequente negli animali tra i 10-12 anni.

Potrebbe interessarti anche: Gatto con il tumore: fondamentale un’alimentazione sana e corretta

Come riconoscere il tumore alla mammella nel gatto: i sintomi

micio triste
(Foto Adobe Stock)

Quali sono i sintomi nel tumore alla mammella nel gatto? Scopriamo insieme i segnali più comuni, per individuare tempestivamente la patologia:

Appena notata la presenza di uno o più sintomi, vista l’aggressività del carcinoma mammario nel gatto è fondamentale rivolgersi immediatamente al veterinario.

Diagnosi e terapia del carcinoma mammario

tumore mammella gatto
(Foto Adobe Stock)

Come viene diagnosticato il tumore alla mammella nel gatto? Il micio sarà sopposto a visite ed esami volti ad individuare la causa del suo malessere:

  • Esame fisico completo, con palpazione delle mammelle e dei linfonodi;
  • Ago aspirato, per prelevare alcune cellule dalla massa ed esaminarle al microscopio;
  • Analisi del sangue e delle urine;
  • Ecografia addominale;
  • Radiografia al torace;
  • TAC.

Oltre ad accertare la presenza del tumore mammario nel gatto, il veterinario dovrà individuare a quale stadio si trova la patologia, distinguendo tra:

  • Primo stadio, la massa ha un diametro inferiore a 2 cm e non sono presenti metastasi;
  • Secondo stadio, la massa ha un diametro inferiore a 3 cm e non sono presenti metastasi;
  • Terzo stadio, la massa ha un diametro non superiore a 3 cm e l’esame istologico rivela la presenza di metastasi;
  • Quarto stadio, sono presenti metastasi anche in organi lontani rispetto alla sede primaria del tumore.

A seconda dello stadio del tumore alla mammella, il gatto potrà essere sottoposto a diversi trattamenti:

  • Mastectomia, ovvero intervento chirurgico per l’asportazione delle mammelle;
  • Ovarioisterectomia, ovvero intervento chirurgico per l’asportazione delle ovaie, qualora il gatto non sia sterilizzato;
  • Chemioterapia nel gatto;
  • Radioterapia.

Potrebbe interessarti anche: Sintomi di tumore nel gatto: 10 segnali a cui prestare attenzione

Laura Bellucci