Home Gatti Salute dei Gatti Cura dello York Chocolate: spazzolatura, bagnetto, consigli di bellezza

Cura dello York Chocolate: spazzolatura, bagnetto, consigli di bellezza

Ecco tutti gli accorgimenti da mettere in pratica per prenderci cura al meglio della bellezza e della pulizia del nostro York Chocolate.

cura york chocolate (1)
(Foto Instagram)

Quali operazioni non possono mancare nella quotidiana routine di cura dello York Chocolate? Ecco tutto quello che c’è da sapere su spazzolatura del mantello del gatto, bagnetto, igiene del cavo orale e tanto altro.

Cura del pelo dello York Chocolate: spazzolatura e bagnetto

La prima e importante attenzione nella cura dello York Chocolate riguarda il suo mantello.

york-chocolate
(Foto Adobe Stock)

Come far sì che sia sempre districato e morbido? In primis, nonostante le apparenze, è sufficiente spazzolare il gatto una volta a settimana.

Infatti, gli esemplari di questa razza sono totalmente sprovvisti di sottopelo e tendono a perdere poco pelo anche durante il periodo di muta.

Per condurre questa operazione sarebbe consigliabile prediligere spazzole con setole lunghe e morbide. Così facendo, diventerà una piacevole seduta anche per il micio.

Come fare in modo che la pelliccia del felino risulti sempre luminosa e lucente?

Prima di tutto è fondamentale pianificare una dieta bilanciata e completa per il quattro zampe. Se vuoi scoprire qual è l’alimentazione perfetta per lo York Chocolate, consulta questo articolo.

In secondo luogo, si può ricorrere a una pratica soluzione fai da te. Quale? Tamponare il mantello dell’animale con un composto lucidante a base di acqua e aceto.

Fare il bagnetto al gatto sì o no?

Per prendersi adeguatamente cura dello York Chocolate c’è bisogno di fargli il bagno?

curiosità-york-chocolate-(1)_optimize
(Foto Instagram)

In linea di massima no: i felini domestici sono animali molto puliti e attenti alla propria igiene personale.

In casi particolari, comunque, – come una lunga degenza dopo una malattia o l’avventurosa esplorazione da parte del micio di anfratti particolarmente angusti – potrebbe dover essere necessario fare il bagnetto al quattro zampe.

Come procedere? Scegliendo un detergente formulato specificatamente per la cute del felino e assicurandosi che la temperatura dell’acqua non sia troppo fredda o eccessivamente calda.

Infine, dopo aver insaponato e accuratamente risciacquato il gatto, bisognerà asciugarlo completamente per evitare che possa prendere freddo e ammalarsi.

Potrebbe interessarti anche: Come lavare il gatto anziano: i consigli giusti per il nostro micio

Pulizia di denti, orecchie e occhi

Per prenderci cura dello York Chocolate è essenziale curare l’igiene del cavo orale del gatto.

malattie comuni york chocolate (1)
(Foto Instagram)

L’accumulo di placca e batteri, infatti, potrebbe causare l’insorgenza di patologie come gengivite e stomatite.

Per questo, si consiglia di pulire regolarmente i denti del micio, servendosi di spazzolino e dentifricio per gatti, o di una pratica crema spalmabile al sapore di carne da distribuire sulla sua dentatura.

Per individuare la soluzione più adatta al tuo compagno peloso, potrai contare sull’aiuto del veterinario.

Allo stesso modo, l’igiene di occhi e orecchie del micio è indispensabile.

Occorrerà eliminare eventuali secrezioni in eccesso, per evitare il rischio di infezioni. Per farlo, potremo utilizzare specifici prodotti sul mercato, oppure ricorrere a un metodo casalingo.

Per metterlo in pratica, basta inumidire una garza con dell’acqua tiepida e pulire delicatamente la zona interessata.

Potrebbe interessarti anche: Come scegliere il tagliaunghie per il gatto: come funzionano i vari modelli

Cura delle unghie dello York Chocolate

Infine, non ci resta che scoprire come prenderci cura delle unghie dello York Chocolate.

malattie comuni york chocolate (1)malattie comuni york chocolate (1)
(Foto Instagram)

Gli esemplari giovani e attivi non hanno alcun bisogno di aiuto: provvederanno da sé ad affilare i propri artigli.

Nel caso di mici anziani e sedentari, invece, potrebbe dover essere necessario intervenire.

In questo caso, basterà munirsi di tagliaunghie ed esercitare una leggera pressione sugli artigli del gatto, per farli fuoriuscire completamente.

Dopodiché, dovremo spuntare esclusivamente la porzione più chiara dell’unghia, che risulta non vascolarizzata.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.