Home Gatti Salute dei Gatti L’epidermolisi bollosa distrofica nel gatto: cause e sintomi

L’epidermolisi bollosa distrofica nel gatto: cause e sintomi

L’epidermolisi bollosa distrofica è una patologia estremamente rara nel gatto. Ma di cosa si tratta? E come riconoscerla?

L'epidermolisi bollosa distrofica nel gatto
(Foto Adobe Stock)

Sarebbe sempre utile tenere in casa un’enciclopedia medica, da consultare alla bisogna. Perché il novero delle malattie esistenti è innumerevole; molto spesso, infatti, il solo nome di una patologia non ci suggerisce nulla. È il caso dell’epidermolisi bollosa distrofica nel gatto; scopriamo insieme che cos’è e quali sono i sintomi.

Che cos’è e quali sono le cause

Epidermolisi bollosa distrofica nel gatto: molto probabilmente la maggior parte dei lettori non ha idea di cosa sia questa patologia, che può colpire anche l’essere umano.

gatto dal veterinario
(Foto Pinterest)

La ragione è piuttosto semplice: si tratta di malattia ereditaria cutanea, causata dalla mancanza di collagene nella pelle, estremamente rara.

Anche i nostri amici a quattro zampe possono essere affetti dalla patologia; ma, fatte le dovute proporzioni, nel cane è decisamente più frequente che nel gatto.

Vi sono 3 forme di epidermolisi bollosa nel gatto:

  • semplice
  • distrofica
  • giunzionale

Nel gatto quella distrofica, più che rara appare unica: ad oggi infatti sembra essere stata registrata in un solo esemplare, un gatto europeo di 8 mesi.

Potrebbe interessarti anche: Gatti e malattie genetiche: tutte le principali patologie feline

I sintomi dell’epidermolisi bollosa distrofica nel gatto

La mancanza di collagene della pelle, determina, di norma, la comparsa di erosioni e vesciche su tutto il corpo dell’animale.

(Foto Pixabay)

Con il venir meno della membrana basale che unisce la pelle alle altre strutture del corpo, i muscoli e gli altri tessuti, rimanendo scoperti, restano alla costante mercé di infezioni.

Tuttavia, nell’unico caso di epidermolisi bollosa distrofica registrata in un gatto, le lesioni sono state riscontrate solo nella cavità orale (lingua, palato, gengive), nonché sui cuscinetti.

Potrebbe interessarti anche: Problemi della pelle nel gatto: 10 situazioni e patologie da risolvere

Cosa fare

In presenza di sintomi che possano far sospettare l’insorgenza dell’epidermolisi bollosa distrofica nel gatto, è bene allertare con tempestività il proprio veterinario di fiducia.

La gastroenterite nel gatto (Foto Adobe Stock)
(Foto Adobe Stock)

Nel cane la patologia (che si manifesta alla nascita o comunque nelle prime settimane di vita) ha esito fatale; tutto ciò che è possibile fare è rallentarne il decorso. Nell’unico caso registrato per i felini, a riguardo, non si possono avere dati significativi.

Sebbene i sintomi siano comparsi più tardi (ad otto mesi) ed appaiano meno gravi, non vanno affatto sottovalutati: lesioni estremamente dolorose alla bocca del gatto avrebbero l’effetto di inibirlo dal nutrirsi, portandolo alla morte in pochi giorni; quelle affliggenti i cuscinetti, invece, renderebbero il movimento più difficoltoso, se non del tutto impossibile.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

A. S.