Home Gatti Salute dei Gatti Il gatto ha perso la voce: cause e rimedi per afonia e...

Il gatto ha perso la voce: cause e rimedi per afonia e laringite

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:26
CONDIVIDI

Il gatto ha perso la voce e miagola in modo strano? Scopri quali sono le cause dietro la laringite di un gatto e tutti i rimedi più efficaci.

Gatto ha perso la voce
Gatto ha perso la voce: sintomi, cause e cure (Foto Pixabay)

Com’è strano non sentire il nostro gatto miagolare come al solito! Può capitare infatti che il micio abbia problemi di laringite o abbia la voce rauca. Potrebbe essere un problema passeggero, che dura solo pochi giorni, ma se dovesse persistere, quali sarebbero i rimedi più efficaci? Ma soprattutto scopriamo qual è il modo migliore per prevenire questi disturbi e aiutare il nostro gatto in difficoltà:tutto quello che c’è da sapere quando un gatto ha perso la voce.

Il gatto ha perso la voce: sintomatologia

gatto
Gatto con la bocca palancata (Foto Pixabay)

Non basta che il gatto non riesca ad emettere un suono per confermare la diagnosi, ma è altrettanto probabile che non la perda del tutto eppure non riesca ad emettere dei suoi chiari e precisi. Naturalmente la prima cosa da fare è analizzare i suoni che emette e dei sintomi correlati: infatti se continua a giocare e fare le sue attività quotidiane in assoluta normalità, non c’è motivo di allarmarsi poiché tutto sommato sta bene. Il problema potrebbe risolversi in tempi brevi e senza alcuna conseguenza.

Nel caso in cui però il gatto dovesse emettere dei suoni rochi, secchi e non continui, potrebbe trattarsi di un problema più serio, come ad esempio una laringite. Quando si tratta invece di una patologia o una infezione di tipo respiratorio, dobbiamo contare sull’aiuto del veterinario che di certo saprà indicarci la cura migliore per farlo guarire. E’ assolutamente sconsigliato somministrare farmaci o altri rimedi al nostro gatto senza la prescrizione del medico: aspettiamo che l’esperto lo visiti e seguiamo le sue direttive!

Laringite nel gatto

Si tratta di un’infiammazione della laringe, l’organo preposto all’emissione dei suoni grazie alle corde vocali che sono al suo interno. I suoi sintomi sono:

  • un miagolio rauco e poco intenso,
  • tosse secca e stizzosa (Leggi qui: Il gatto ha la tosse),
  • difficoltà a deglutire,
  • febbre,
  • gonfiore e dolore acuto della gola al tatto.

Se vediamo che il nostro gatto ha difficoltà a deglutire dopo il primo boccone e non riesce neppure a mandare giù un sorso d’acqua, se accusa dolore quando gli tocchiamo la gola e tossisce frequentemente, allora potrebbe trattarsi di laringite. Se riusciamo ad aprirgli il muso potremmo notare la presenza di placche, anche se non sono sempre frequenti e le tonsille possono essere infiammate o infette. Se vogliamo utilizzare dei rimedi erboristici e naturali, possono esserci utili degli estratti di rosa canina, propoli, , decotti di erisimo.

Il gatto ha perso la voce: come può accadere

Gatto che miagola
Gatto che miagola (Foto Pixabay)

Se il gatto soffre di afonia, può anche essere un problema momentaneo ma è bene andare a fondo nella questione e non lasciare che passi da solo. Altrettanto fondamentale è capire quali sono i motivi che hanno portato il gatto a questa condizione di afonia. Ecco quali sono le cause che possono aver causato la perdita della voce nel nostro amico a quattro zampe:

  • un’operazione chirurgica,
  • un trauma (ad esempio uno scontro tra gatti),
  • un problema congenito,
  • lo stress del gatto,
  • il freddo (che irrita e infiamma la laringe).

Come prevenire e curare l’afonia nel gatto

Gatto ha perso la voce
Il gatto ha perso la voce: cosa fare (Foto Pixabay)

Quando abbiamo un animale domestico, è nostro dovere morale e non solo badare alla sua salute, anche allo scopo di prevenire alcuni problemi fisici. Un’afonia di tre-quattro giorni può essere normale, ma se dura più a lungo è il caso di intervenire. Qualora si trattasse di afonia o laringite, è fondamentale che un gatto non prenda freddo. Quindi stiamo attenti ad asciugarlo bene dopo il bagno oppure di ritorno da una passeggiata all’esterno sotto la pioggia. Non bisogna mai dargli acqua fredda, ma al limite tiepida.

Solo il veterinario può prescrivere o somministrare farmaci al gatto! Quindi non dobbiamo basarci sulle cure prescritte al gatto della nostra amica per ripetere lo stesso procedimento sul nostro micio: si tratta di casi differenti che vanno trattati in maniera altrettanto diversa. Solo il veterinario potrà valutare il caso specifico  e trovare il rimedio più adatto al nostro gatto.

LEGGI ANCHE:

F.C.