Home Gatti Salute dei Gatti Lussazione del cristallino nel gatto: cause, sintomi e trattamento

Lussazione del cristallino nel gatto: cause, sintomi e trattamento

Lussazione del cristallino nel gatto o spostamento completo di della lente nell’occhio del felino. Vediamo le cause, i sintomi e il trattamento.

gatto occhi
(Foto AdobeStock)

Innanzitutto partiamo dal rendere più chiaro l’argomento, spiegando cos’è il cristallino (o lente). Il cristallino è quella struttura chiara presente nell’occhio.

È formato da due superfici arrotondate o convesse, che concentra i raggi di luce per dare forma ad un’immagine sulla retina.

Questo cristallino o anche detto lente, è posizionato tra l’iride (la parte colorata dell’occhio) e il vitreo (il gel trasparente nella parte posteriore dell’occhio), ed è tenuto sul posto da piccole fibre chiamati zonules o legamenti sospensori.

Se però questi legamenti dovessero rompersi si verifica la lussazione del cristallino nel gatto.

Vediamo quali le cause, i sintomi e il trattamento di questa condizione nell’animale.

Cause della lussazione del cristallino nel gatto

Le cause della lussazione del cristallino nel gatto possono essere diverse.

gatto dal veterinario
(Foto Pinterest)

Esse sono:

  • glaucoma nel gatto e l’allargamento dell`occhio con rottura dei zonules;
  • traumi;
  • congenite (presenti alla nascita) deformità della lente lussazioni idiopatica, cioè non esiste alcuna causa nota rilevata;
  • sindrome di Ehlers-Danlos, che si traducono in un indebolimento delle zonules.

Tipi di lussazione del cristallino nel gatto

Esistono quattro tipi principali di lussazione del cristallino nel gatto:

  • Sublussazione: la lente rimane in una posizione normale o quasi normale nella pupilla (separazione parziale del cristallino dai suoi attacchi zonulari);
  • Lussazione primaria: l’alterazione patologica nelle zonule ciliari incluso sviluppo o degenerazione anormali (può colpire entrambi gli occhi del gatto);
  • Lussazione secondaria: la rottura o degenerazione delle zonule ciliari a causa di infiammazione cronica, buftalmia (aumento del liquido intraoculare e conseguente allargamento del bulbo oculare) o tumore all’interno dell’occhio;
  • Lussazione congenita: spesso associata a microfachia (lente dell’occhio anormalmente piccola)

Sintomi

I segnali che l’animale manifesta a causa della lussazione del cristallino nel gatto, possono essere:

  • area della pupilla priva del cristallino (mezzaluna afachica);
  • occhio arrossato acuto o cronicamente doloroso;
  • gonfiore corneale diffuso, soprattutto se è presente anche il glaucoma o la lussazione è nella parte anteriore dell’occhio;
  • camera anteriore superficiale o profonda in modo anomalo;
  • tremore del cristallino (facodonesi);
  • tremore dell’iride (iridodonesi).

Potrebbe interessarti anche: Occhi del gatto: le principali malattie oculari del micio

Diagnosi e trattamento della lussazione del cristallino nel gatto

Per poter effettuare una diagnosi il veterinario dovrà effettuare i seguenti esami:

  • visita oculistica approfondita colorazione con fluoresceina (per escludere le ulcere corneali);
  • tonometria (per rilevare glaucoma o bassa pressione intraoculare);
  • emocromo;
  • test biochimico / test immunologici sierologici per gatti con uveite cronica;
  • esame con lampada a fessura (per localizzare la posizione della lente e la profondità della camera anteriore);
  • valutazione della porzione anteriore dell’occhio;
  • esame della retina;
  • test per il virus della leucemia felina, virus dell’immunodeficienza felina, felina virus peritonite infettiva, e toxoplasmosi;
  • raggi X toracici e l’ecografia addominale;
  • Elettroretinogramma (per valutare il potenziale per la visione negli animali affetti da glaucoma.

Stabilita la diagnosi il veterinario procederà con la terapia idonea a seconda della posizione della lente, la presenza di glaucoma acuto, e il potenziale per la visione.

L’obiettivo della cura, consisterà nell’abbassamento della pressione oculare (IOP), la rimozione chirurgica di lenti anteriormente lussato (agli occhi con un potenziale per la visione), e il trattamento di eventuali cause sottostanti.

Nel caso in cui l’uveite nel gatto e il glaucoma non rispondono bene ai farmaci e soprattutto se l’occhio è cieco e doloroso, è necessaria l’enucleazione ovvero l’esportazione dell’occhio.

Per tale motivo è necessario dover valutare la gestione del gatto cieco fino alla fine dei suoi giorni, organizzando la vita in casa, nel modo più semplice possibile per l’animale.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.