Home Gatti Salute dei Gatti Le malattie del gatto Chausie: tutte le principali patologie

Le malattie del gatto Chausie: tutte le principali patologie

Le malattie del gatto Chausie, le patologie che colpiscono maggiormente questa razza di gatto. Scopriamo quali possono essere.

chausie
(Foto AdobeStock)

I principali problemi di salute che possono verificarsi durante il ciclo di vita del gatto Chausie, riguardano principalmente i disturbi legati all’apparato digerente.

Poiché questa razza ha grosse difficoltà a digerire alcuni tipi di alimenti.

Per questo motivo, se hai deciso di adottare un gatto di questa razza, ti consigliamo di non perdere le informazioni utilissime di questo articolo incentrato sulle malattie del gatto Chausie.

Malattie del gatto Chausie

Il gatto Chausie è un gatto di taglia grande, con un corpo muscoloso e al contempo agile, slanciato e forte ma non immune da patologie, come quelle che andremo a descrivere.

gatto chausie
Chausie.(Foto Adobe Stock)

Il gatto Chausie è una razza ibrida nata negli anni Sessanta, da incroci di razze preesistenti di gatti selvatici e domestici.

Le sue origini si devono ad alcuni rari esemplari di gatto della giungla (Felis Chaus) e di razze domestiche come l’Abissino, il Somalo, il Bengala e altre.

Questo felino se ben curato può vivere tranquillamente anche fino a 14 anni. Per far sì che ciò possa accadere sarà necessario imparare a conoscere le eventuali patologie che possono colpire questa razza.

Ragion per cui, per venirvi incontro, in questo articolo andremo a descrivere le malattie dello Chausie che più comunemente si manifestano in questa razza.

Nonostante questa apparenza forte e robusta che sottolinea di non aver bisogno di cure impegnative, lo Chausie è soggetto a patologie.

Queste riguardano maggiormente il suo apparato digerente, oltre a quelle patologie che possono colpire tutte le razze di gatti, indistintamente.

Partendo dall’apparato digerente dello Chausie, ciò che si può verificare sono i disturbi gastrointestinali nel gatto, ovvero tutte quelle condizioni che impediscono la corretta digestione o che alterano la velocità di transito dell’alimento nel tratto digerente.

Questi disturbi gastrointestinali possono causare disidratazione, malnutrizione e altri gravi problemi di salute, pertanto è importante riconoscerne i sintomi precocemente e rivolgersi al veterinario di fiducia.

Le cause dei disturbi gastrointestinali del gatto Chausie possono essere di varia natura:

  • ingestione di alimenti non adatti; 
  • infiammazione degli organi dell’apparato digerente;
  • intolleranze o sensibilità alimentari;
  • infezioni e carenza di enzimi digestivi.

Proprio perché il gatto Chausie è particolarmente sensibile a determinati tipi di alimenti, come ad esempio quelli a base di glutine che potrebbero causare gravi problemi intestinali, occorre stare attenti a ciò che si somministra a questo felino.

Solo per evitare di procurare danni all’organismo del gatto come ad esempio:

  • Colite: le cause della colite possono essere tumori o polipi, cambiamenti di alimentazione, allergie (comprese quelle alimentari), ingestione di corpi estranei e alcune altre patologie. Provoca l’infiammazione dell’intestino crasso, con conseguenti evacuazioni frequenti e dolorose;
  • Costipazione: di solito è provocata da disidratazione nel gatto, insufficiente apporto di fibre, ingestione di pelo o corpi estranei, invecchiamento, tumori, traumi o fratture, patologie del midollo spinale, disturbi dell’intestino crasso su base nervosa, disturbi metabolici o endocrini, debilitazione, scarsa attività fisica;
  • Diarrea: può essere causata da infezioni, parassiti interni, stress, modifiche dell’alimentazione, cibo inadatto come avanzi o snack tropo ricchi, cibo avariato e disfunzioni di altri organi;
  • Gastroenterite acuta: infiammazione del tratto digerente, causata dall’ingestione di alimenti guasti, corpi estranei o piante tossiche, da parassiti interni, dallo stress, da allergie alimentari e da alcune patologie;
  • Pancreatite felina: infiammazione o infezione del pancreas (una ghiandola sottile e allungata che ha sede dietro lo stomaco. Le possibili cause includono un ridotto afflusso di sangue (dovuto a disidratazione o altri processi patologici) infezioni, traumi e altre patologie;
  • Sindrome dell’intestino irritabile: tra le cause sono incluse le intolleranze alimentari e l’alterazione della velocità di transito degli alimenti nel tratto gastrointestinale. Anche il disagio psicologico può essere tra i fattori che contribuiscono a determinare questa patologia;
  • Malassorbimento intestinale: infiammazione dell’intestino tenue che pregiudica l’assorbimento dei nutrienti e provoca diarrea persistente, perdita di peso e inappetenza nel gatto.

Potrebbe interessarti anche:Stitichezza o stipsi nel gatto: cosa fare se micio soffre di costipazione

Altre malattie comuni nei gatti

Queste di seguito sono le malattie feline più comuni con cui avere a che fare, sia che tu abbia adottato un gatto Chausie, sia che tu abbia scelto di raccogliere un gatto da strada.

  • Allergie: possono essere di varie origini;
  • Ascesso: è un’infezione che si manifesta quando ci sono delle profonde ferite sul corpo del gatto;
  • Congiuntivite nel gatto: si tratta dell’infiammazione delle mucose dell’occhio ci cui il gatto è molto soggetto;
  • FeLV (leucemia felina): causata da un virus della famiglia dei Retrovirus che colpisce il midollo osseo.
  • FIV: è una sindrome di immunodeficienza felina, causata da un virus simile all’HIV dell’uomo che, come quest’ ultimo, colpisce il sistema immunitario dei gatti e provoca immunodepressione;
  • Micosi: è una malattia causata da funghi;
  • Otite: è l’infiammazione dell’epitelio che ricopre il condotto uditivo del padiglione auricolare;
  • Parodontite: una malattia della bocca del gatto;
  • Rogna: è detta anche scabbia è causata da un acaro di cui esistono diverse specie e sottospecie.
  • Toxoplasmosi: causata dal parassita Toxoplasma gondii, che trova nel felino il suo ospite finale dove riprodursi;

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Raffaella Lauretta