Home Gatti Salute dei Gatti Salute del Ceylon: le malattie comuni della razza

Salute del Ceylon: le malattie comuni della razza

Scopriamo insieme quali sono le malattie comuni che possono rappresentare un rischio per la salute del Ceylon: come individuarle e curarle.

Ceylon malattie comuni
(Foto Instagram)

Conoscere tutte le informazioni sulla salute del nostro amico a quattro zampe è fondamentale per assicurarci che il pelosetto sia sempre sano e forte. Quali sono le malattie comuni nel Ceylon? Ecco i sintomi e i trattamenti a cui sottoporre il gatto per recuperare benessere e serenità.

Malattie comuni del Ceylon: l’elenco completo

Il Ceylon è un micio di costituzione robusta, che gode di buona salute.

Alimentazione ceylon
(Foto Adobe Stock)

Basti pensare, infatti, che la durata media della sua vita è compresa tra i 12 e i 15 anni.

Non sono state riscontrate particolari malattie comuni nel Ceylon.

Tutto merito del suo vasto patrimonio genetico: trattandosi di un esemplare che ha avuto origini del tutto naturali, senza alcun bisogno di intervento da parte dell’essere umano, non risulta predisposto all’insorgenza di malattie genetiche.

Ciò non toglie, tuttavia, che il quattro zampe possa contrarre patologie comuni nei felini domestici, tra cui rientrano:

  • Disturbi del cavo orale;
  • Allergie;
  • Malattie a carico dell’apparato urinario.

Disturbi del cavo orale

Tra le malattie comuni nel Ceylon ci sono i disturbi del cavo orale.

Alimentazione ceylon
(Foto Adobe Stock)

Queste patologie si manifestano a seguito dell’accumulo di placca nella cavità orale del micio, che dà vita alla proliferazione dei batteri.

Pertanto, è fondamentale prendersi cura regolarmente dell’igiene orale del gatto.

Per farlo, abbiamo a disposizione due alternative: la prima consiste nell’utilizzo di una crema spalmabile da distribuire sulla dentatura del felino.

La seconda, invece, prevede l’uso di appositi spazzolino e dentifricio per il gatto.

Vuoi scoprire come prenderti cura al meglio del Ceylon? Consulta questo articolo per scoprirlo.

Tra i principali disturbi dentali del micio ci sono:

  • Gengivite;
  • Stomatite;
  • Parodontite.

Con quali sintomi si manifestano? Tra i segnali di allarme più comuni ci sono:

  • Gengive arrossate e infiammate;
  • Il micio non mangia;
  • Sanguinamento gengivale;
  • Alitosi.

È fondamentale rivolgersi tempestivamente al veterinario, che una volta capita la causa del malessere dell’animale, individuerà prontamente la cura più efficace a cui sottoporlo.

Potrebbe interessarti anche: Gengivite nel gatto vediamo le cause, i sintomi e i rimedi (Video)

Allergia

L’allergia rientra tra le malattie comuni nei felini domestici, compreso il Ceylon.

Alimentazione ceylon
(Foto Adobe Stock)

Questa condizione si verifica quando l’organismo del gatto viene a contatto con una sostanza apparentemente innocua, che il suo sistema immunitario percepisce come pericolosa.

Tra i fattori che possono scatenare reazioni di ipersensibilità nel micio ci sono l’alimentazione, il morso di pulci e zecche e gli agenti ambientali.

I principali sintomi dell’allergia nel Ceylon sono:

  • Difficoltà di respirazione;
  • Asma;
  • Irritazione cutanea;
  • Gonfiore.

Potrebbe interessarti anche: Cistite nel gatto: sintomi, cura e prevenzione dell’infezione urinaria

Malattie dell’apparato urinario

Infine, i disturbi a carico dell’apparato urinario rientrano tra le malattie comuni nei gatti e possono colpire anche il Ceylon.

Differenza Ceylon Birmano
(Foto Instagram)

In questa categoria rientrano patologie come:

  • Cistite;
  • Calcoli;
  • Infiammazioni.

Come si manifestano? Nella maggior parte dei casi, il micio ha difficoltà a urinare. La minzione è incompleta e frequente e il gatto tende a fare pipì fuori dalla lettiera.

Un ulteriore campanello d’allarme è rappresentato dalla presenza di sangue nelle urine.

In questo caso, è fondamentale prelevare un campione di urine e rivolgersi al veterinario per evitare conseguenze spiacevoli che potrebbero mettere a rischio la vita del quattro zampe, tra cui il blocco urinario.