Home Gatti Viaggiare col gatto in macchina: i rischi, le multe e cosa portare

Viaggiare col gatto in macchina: i rischi, le multe e cosa portare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:23
CONDIVIDI

Micio in auto: una bella esperienza o una pessima idea? Dipende da come ci organizziamo! Ecco cosa fare per viaggiare sereni col gatto in macchina.

Viaggiare col gatto in macchina
Viaggiare col gatto in macchina: rischi e precauzioni per evitare multe e danni (Foto AdobeStock)

Un viaggio, uno spostamento e qualsiasi cosa possa cambiare la sua routine non è vista di buon occhio dal nostro gatto. Se poi consideriamo che la maggior parte che ci si sposta in macchina è per andare incontro a cose già di per sé poco piacevoli, come ad esempio una visita dal veterinario, capiremo che il nostro amico felino non farà i salti di gioia per entrare nell’abitacolo dell’auto. Tuttavia vi è un modo per rendere il viaggiare in macchina col gatto senza grossi traumi e sofferenze: vediamo in che modo può diventare anche un’esperienza piacevole.

Potrebbe interessarti anche: Viaggiare in aereo col gatto: condizioni, regole e consigli utili

Gatto in macchina: art. 169 e D.L. 285

Finestrino auto
Finestrino dell’auto (Foto Pixabay)

Naturalmente il Codice della strada ha previsto la possibilità per il nostro micio di viaggiare in macchina con noi. E’ basilare però che esso avvenga in tutta sicurezza, senza arrecare alcun disturbo al guidatore e, quindi, senza rischi per le altre vetture in strada. L’art. che si interessa di regolare il viaggio in auto del felino è il 169, che cita testualmente:

Sui veicoli diversi da quelli autorizzati a norma dell’art. 38 del decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. 320, è vietato il trasporto di animali domestici in numero superiore a uno e comunque in condizioni da costituire impedimento o pericolo per la guida’.

La prima parte dell’articolo quindi stabilisce che non è possibile portare in macchina più di un animale domestico, a meno che non siano:

custoditi in apposita gabbia o contenitore o nel vano posteriore al posto di guida appositamente diviso da rete od altro analogo mezzo idoneo…’.

Se il cane dunque può essere libero di viaggiare senza essere inserito nel trasportino, questo non vale per il gatto che invece, da libero, potrebbe graffiare o comunque avere reazioni imprevedibili e pericolose. Il decreto legislativo n. 285 del Nuovo codice della strada (del 30 aprile 1992) stabilisce infine che l’animale può essere trasportato solo se non costituisce un pericolo per la guida.

Potrebbe interessarti anche: Viaggiare in treno con il gatto: condizioni e consigli per far abituare il micio

I segreti di un viaggio sereno

Viaggiare col gatto in macchina
Viaggiare col gatto in macchina: cosa serve per un viaggio tranquillo (Foto AdobeStock)

La prima cosa da fare è sicuramente abituare il micio all’auto e a non fargli associare automaticamente il viaggio in macchina a un qualcosa di negativo, come ad esempio la visita dal veterinario. Facciamogli prendere gradualmente confidenza con l’abitacolo, da fermo, e poi faremo man mano tragitti sempre più lunghi. E naturalmente abituarlo al trasportino: insomma è tutta questione di abitudine quando si parla di gatto!

All’interno del trasportino, adatto alle dimensioni del gatto in modo che non si senta né troppo stretto né troppo largo col rischio di essere sballottato, possiamo mettere alcuni oggetti che lo tranquillizzino. Potrebbero fare al caso nostro inserire all’interno cuscini o coperte, o magari un nostro indumento, il cui odore possa farlo rilassare.

Altro segreto è non farlo mangiare né bere troppo nelle due ore immediatamente precedenti al viaggio: si eviterà il pericolo di vomito, nausee e diarrea. In caso di mal d’auto nei gatti hanno un effetto calmante i fiori di Bach e altri rimedi a base di passiflora e zenzero. Anche lo spray ai feromoni ha un effetto calmante sull’animale ed è anche molto prativo da usare (Leggi qui: Feromoni per gatti: cosa sono e come vengono recepiti).

Potrebbe interessarti anche: Viaggiare in nave col gatto: condizioni, costi e consigli prima della partenza

Viaggiare col gatto in macchina: cosa può essere utile

Micio
Micio (Foto Pixabay)

Dopo aver preso le precauzioni indicate in precedenza, possiamo anche preparare una sorta di borsa per il nostro felino, con tutto l’occorrente per viaggiare sereni. Vediamo cosa non dobbiamo dimenticare:

  • il trasportino: assolutamente necessario per la sicurezza del gatto, del guidatore e per evitare multe;
  • fogli assorbenti: o di giornale, per eventuali bisogni improvvisi;
  • ciotola dell’acqua;
  • coperta,
  • oggetti e giochi ai quali è particolarmente affezionato.

Cosa possiamo fare per lui? Guidare bene, a velocità moderata e soprattutto evitando brusche frenate. Evitiamo un uso ‘sconsiderato’ dell’aria condizionata e facciamo attenzione che il gatto non scappi via alla prima occasione. Ciò però non significa che non potrà fare brevi soste per dissetarsi (almeno ogni due ore) e fargli utilizzare la lettiera.

Francesca Ciardiello